Accogliere i pellegrini


Ammettiamolo: la formulazione della quarta opera di misericordia corporale è certamente tra le più controverse. Infatti, se nel catechismo tradizionale in italiano suona “alloggiare i pellegrini”, lo stesso racconto del giudizio universale di Matteo così recitava: “Ero forestiero e mi avere accolto” (Mt 25,35). Nel Catechismo della Chiesa Cattolica troviamo una ulteriore formulazione: “Le opere di misericordia corporale consistono nel dare da mangiare a chi ha fame, nell’ospitare i senzatetto, nel vestire chi ha bisogno di indumenti, nel visitare gli ammalati e i prigionieri, nel seppellire i morti” (n. 2447). Ed appare subito evidente che altro è alloggiare i pellegrini (che peraltro oggi non si muovono certo verso Roma o Gerusalemme o Santiago de Compostela o Assisi, ... senza aver prima prenotato una adeguata sistemazione alberghiera) altro è ospitare i senzatetto, opera che ci educa al servizio radicale dell’altro, che richiede una spiritualità cristiana solida e una saggia capacità organizzativa. Senza parlare di come diventa impegnativo tradurre questa opera a livello individuale, accogliendo uno sconosciuto nella propria casa! Se le altre opere possono essere messe in pratica anche in strada, aprire la porta della propria casa a una persona sconosciuta è un fidarsi dell’altro illogico, pericoloso e illegale nella società moderna. Solo la capacità di vedere Gesù negli altri può giustificare un gesto così apparentemente scriteriato. Solo una profonda e matura vita di fede può farci dire - come Santa Rosa da Lima che rispondeva alla madre che la rimproverava di accogliere in casa poveri e infermi - “Quando serviamo i poveri e i malati, serviamo Gesù”.
Fatta questa lunga premessa, come tradurre in termini più praticabili questa opera così impegnativa? E a favore di quali categorie? Nel momento in cui scriviamo queste riflessioni il nostro Paese vive due forme di emergenza rispetto alle quali immaginare e organizzare risposte adeguate e rispettose della dignità delle persone.
La prima è quella dei “senza dimora”, di chi vive per strada, ai margini di una società che non è stata capace di intercettarli nel momento in cui cominciavano ad esserne esclusi: per la perdita del lavoro, per la rottura del loro matrimonio, per una patologia psichiatrica, per l’abuso di alcol o di sostanze stupefacenti. Sono stimati dall’Istat (inverno 2015) attorno alle 50.000 unità in tutto il Paese, 5000 solo a Milano. Sono spesso invisibili, non disturbano più di tanto e, finché non muoiono di freddo, non fanno neppure notizia. Non possono essere un problema del singolo cittadino, della singola parrocchia, della singola associazione benefica. All’ente pubblico dobbiamo chiedere una strategia capace di integrare l’azione politica e legislativa con quella del privato sociale (pensiamo solo all’immenso patrimonio abitativo inutilizzato da anni che potrebbe essere affidato al terzo settore perché accompagni in percorsi di reinserimento nella società qualcuna di queste persone). Non serve a molto proliferare mense e dormitori se poi ogni anno non riusciamo a contare quanti dalla strada sono finalmente usciti per ricominciare una vita dignitosamente autonoma.
Ma non possiamo tacere una seconda categoria a proposito della quale abbiamo già scritto molto, ma che ha bisogno di essere fatta oggetto consapevole della quarta opera di misericordia corporale: quella dei migranti e dei richiedenti asilo. Con abilità satanica abbiamo cercato di sgravarci la coscienza rispetto al dovere di accoglierli e ospitarli. Li abbiamo appellati col nome di “clandestini” a dire che si tratta come minimo di imbroglioni disonesti che non rispettano le regole, che non bussano prima di entrare in casa nostra. Poi abbiamo paventato una “invasione” senza vergognarci del fatto che se lo scorso anno in Europa (500 milioni di abitanti) ne sono arrivati un milione, in Libano (4 milioni di abitanti) ne sono arrivati un milione e mezzo! Alla fine abbiamo inventato la distinzione tra “rifugiati” -  meritevoli di accoglienza in quanto in fuga da guerre e persecuzione - e “migranti economici” da rimandare a casa loro dal momento che la fame o la siccità decennale o l’assenza di prospettive per il futuro ... non sono motivi sufficienti che giustificano una qualche forma di protezione.
Bastino queste considerazioni a dire la straordinaria attualità della quarta opera di misericordia corporale, ma anche l’atteggiamento preoccupato con cui almeno coloro che si dichiarano credenti in Gesù di Nazaret devono affrontare queste emergenze. Di fronte allo straniero che è tra noi, all’immigrato che ci scomoda, il cristiano si pone l’elementare domanda: come potrebbe essere possibile respingere lo straniero e continuare a pregare il Dio che rende giustizia all’orfano e alla vedova, ama lo straniero e gli dà pane e vestito? Come affrontare il giudice giusto che ci chiederà conto: “ero straniero e non mi avete ospitato” (Mt 25,43)?
 
Roberto Davanzo
 
Inoltre, per approfondire l'argomento, presso l'Ufficio Documentazione sono a disposizione una serie di pubblicazioni sulle Opere di Misericordia, clicca qui per vedere.
 
newsletter
Iscriviti alle nostre newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
11/04/2017
Iniziative

Infocantieri - Campi estivi

Martedì 11 aprile 2017 ultimo appuntamento di presentazione delle proposte estive per i giovani che vogliono partecipare ai Cantieri della Solidarietà. Appuntamento in via San Bernardino 4 a Milano alle ore 18.30.

12/04/2017
Iniziative

Campi di formazione e lavoro nel bene confiscato

L'associazione UCAPTE, in collaborazione con altri partner tra cui la Caritas della Zona VI della Diocesi di Milano, si sta occupando della tutela e dell’utilizzo a scopi sociali del bene “ La Masseria” a Cisliano (MI). Per l’estate 2017 organizza campi di formazione e lavoro rivolti a persone dai 14 anni in su, gruppi e famiglie.

21/03/2017
Corsi di formazione

Corso Formazione per Volontari: Testimonianza di prossimità e di integ ...

A partire dal 21 marzo 2017 parte il corso di formazione per Volontari

18/03/2017
Iniziative

Giornate Eremo 2017

La condivisione ha una ricaduta su tutta la comunità, non tanto perché il dono è fatto a ogni persona della comunità, singolarmente, ma perché dalla totalità del dono condiviso con uno solo emana una grazia capace di investire tutta la comunità, la quale alla fine partecipa di questo stesso dono e ne è ricolmata. (Tratto da “Spuntava il sole”, Sr. Benedetta Rossi)

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti
Ascolto e incontro con gli ultimi. L’incontro con Papa Francesco a Milano il 25 marzo
Il Papa verrà a Milano sabato 25 marzo. L’appuntamento con i fedeli e i cittadini sarà al parco di Monza, nel pomeriggio, alle ore 15, dove il Pontefice celebrerà la Messa. 
 ...Leggi qui

 


IN EVIDENZA
Lasciti testamentari
Lasciti testamentari: un gesto d'amore

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas Ambrosiana e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno. Da oltre 50 anni Caritas Ambrosiana ope ...

Progetti in evidenza
Quaresima di fraternità 2017

In occasione della Quaresima di fraternità 2017 Caritas Ambrosiana e Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria propongono quattro progetti che saranno real ...

Progetti in evidenza
Progetti in evidenza
Cinque per mille

C.F. 01704670155
Dona il tuo cinque per mille a Caritas Ambrosiana per sostenere il Rifugio Caritas destinato a offrire accoglienza alle persone senza dimor ...