Le opere di misericordia: vestire gli ignudi


Vestire gli ignudi
 
Come tutte le opere di misericordia corporali anche quella del “vestire gli ignudi” porta con sé significati concreti e tangibili assieme a valori psicologici e simbolici di grande spessore.
Ma bisogna partire dal significato della nudità come espressione della radicale fragilità dell’uomo che viene alla luce nudo, bisognoso di ogni protezione. Dunque, l’atto di vestire chi è nudo implica un prendersi cura del suo corpo, ma anche un prendersi cura della sua anima, dato che il vestito sta ad indicare che l’uomo è un’interiorità che necessita di custodia e protezione.

Pensiamo al grande tema del pudore come meccanismo di difesa da ogni sguardo che mi trasforma in un oggetto, in una cosa. Parlare di nudità allora significa parlare di ciò che toglie identità e dignità. Mentre l’animale non ha bisogno di questo tipo di protezione, l’uomo necessita del vestito come di ciò che lo difende dalle inclemenze del tempo, ma insieme dall’umiliazione, dall’indegnità, dall’assenza di difese, dal pericolo.
Ecco perché la Scrittura non perde occasione di sottolineare una compassione per il corpo che si traduce in numerosi comandi. Uno tra tutti: “questo è il digiuno che voglio ... vestire uno che vedi nudo” (Is 58,6-7). Non solo.  Nel racconto della Genesi Dio stesso si premura di coprire la nudità di Adamo ed Eva a seguito della loro trasgressione: “Il Signore Dio fece all’uomo e alla donna tuniche di pelli e li vestì” (Gen 3,21). A dire che Dio ama e protegge la creatura umana e le usa misericordia accogliendola in tutti i suoi limiti e le sue fragilità.
Infine, non possiamo non ricordare come nei riti battesimali dei primi secoli era previsto sia il gesto di abbandonare i propri abiti, sia quello di indossare, dopo l’immersione nell’acqua, un abito bianco, segno della nuova dignità di colui che nel battesimo diventava portatore di una nuova vita essendosi “rivestito di Cristo” (cfr Gal 3,27).

Fatte queste premesse di sapore biblico-simbolico, vale la pena di tentare di suggerire qualche condizione per dare significato al gesto di condividere gli abiti con i poveri che da sempre le nostre chiese di occidente hanno trasformato in precise operazioni di raccolta indumenti anche attraverso gli onnipresenti cassonetti gialli.
La prima considerazione è che questo tipo di raccolte non ci devono far cadere nell’illusione di poter sgravare la nostra coscienza. Sia perché svuotare i nostri armadi sempre troppo pieni di vestiti non può essere troppo facilmente contrabbandato come carità (se non per noi stessi!), sia perché molto spesso il valore delle raccolte coi cassonetti ha piuttosto un valore di tipo sociale nel senso di offrire opportunità di lavoro a persone variamente svantaggiate. E quand’anche quelle raccolte dovessero essere destinate ad alimentare i guardaroba parrocchiali, verrebbe comunque meno la possibilità di attivare una relazione con la persona aiutata: il povero non può essere trasformato in un anonimo destinatario di una spedizione o comunque di una distribuzione di abiti dismessi dai ricchi.

Ecco allora che l’opera del vestire gli ignudi si attua in modo autentico solo quando scaturisce da un incontro tra due volti, tra due sguardi, quello di chi dona e quello di chi riceve. Solo così viene salvato dal rischio di essere gesto umiliante: quando diventa incontro con l’altro, quando riesce a salvaguardare l’individualità, l’identità di ciascuno.
Nella tradizione cristiana occidentale il gesto di vestire chi è nudo è espresso, in modo a tutti noto, dall’episodio in cui Martino di Tours taglia il proprio mantello per farne parte ad un povero indifeso contro i rigori di un gelido inverno. Nella Vita di san Martino di Tours viene scritto che con quel gesto «l’uno prende una parte del freddo, l’altro prende una parte del tepore, fra ambedue i poveri è diviso il calore e il freddo, il freddo e il calore diventano un nuovo soggetto di scambio e una sola povertà è sufficiente divisa a due persone». A dire che questa opera di misericordia parla di una via capace di trasformare due nudità, non una sola. Non esistono benefattori e beneficati, ma ricercatori e ricercatrici di possibilità di vita giuste per tutti.
 
Roberto Davanzo

Inoltre, per approfondire l'argomento, presso l'Ufficio Documentazione sono a disposizione una serie di pubblicazioni sulle Opere di Misericordia, clicca qui per vedere.
newsletter
Iscriviti alle nostre newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
11/04/2017
Iniziative

Infocantieri - Campi estivi

Martedì 11 aprile 2017 ultimo appuntamento di presentazione delle proposte estive per i giovani che vogliono partecipare ai Cantieri della Solidarietà. Appuntamento in via San Bernardino 4 a Milano alle ore 18.30.

12/04/2017
Iniziative

Campi di formazione e lavoro nel bene confiscato

L'associazione UCAPTE, in collaborazione con altri partner tra cui la Caritas della Zona VI della Diocesi di Milano, si sta occupando della tutela e dell’utilizzo a scopi sociali del bene “ La Masseria” a Cisliano (MI). Per l’estate 2017 organizza campi di formazione e lavoro rivolti a persone dai 14 anni in su, gruppi e famiglie.

21/03/2017
Corsi di formazione

Corso Formazione per Volontari: Testimonianza di prossimità e di integ ...

A partire dal 21 marzo 2017 parte il corso di formazione per Volontari

18/03/2017
Iniziative

Giornate Eremo 2017

La condivisione ha una ricaduta su tutta la comunità, non tanto perché il dono è fatto a ogni persona della comunità, singolarmente, ma perché dalla totalità del dono condiviso con uno solo emana una grazia capace di investire tutta la comunità, la quale alla fine partecipa di questo stesso dono e ne è ricolmata. (Tratto da “Spuntava il sole”, Sr. Benedetta Rossi)

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti
Ascolto e incontro con gli ultimi. L’incontro con Papa Francesco a Milano il 25 marzo
Il Papa verrà a Milano sabato 25 marzo. L’appuntamento con i fedeli e i cittadini sarà al parco di Monza, nel pomeriggio, alle ore 15, dove il Pontefice celebrerà la Messa. 
 ...Leggi qui

 


IN EVIDENZA
Lasciti testamentari
Lasciti testamentari: un gesto d'amore

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas Ambrosiana e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno. Da oltre 50 anni Caritas Ambrosiana ope ...

Progetti in evidenza
Quaresima di fraternità 2017

In occasione della Quaresima di fraternità 2017 Caritas Ambrosiana e Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria propongono quattro progetti che saranno real ...

Progetti in evidenza
Progetti in evidenza
Cinque per mille

C.F. 01704670155
Dona il tuo cinque per mille a Caritas Ambrosiana per sostenere il Rifugio Caritas destinato a offrire accoglienza alle persone senza dimor ...