Il mistero del Natale e le relazioni tra i popoli

Sono sempre molti e ricchissimi i temi che animano il mese di gennaio (la giornata mondiale di preghiera per la pace, quella dedicata ai migranti, la settimana di preghiera per l'unità dei cristiani, ...). Lasciatemi allora dedicare questo editoriale ad una riflessione che mi è stata sollecitata da una recente missione che ho vissuto in Congo per verificare i progetti che da anni sviluppiamo nella remota diocesi di Kindu, centro-est del paese, unitamente a quanto il mistero del Natale ci ha ancora una volta riproposto.

Al di là della cronaca del viaggio, voglio condividere con i lettori il disagio provato a partire dalla constatazione che, malgrado in certi paesi le grandi organizzazioni non governative abbiano speso e continuino a spendere ingenti somme di denaro, non si assiste ancora ad una minima capacità di autonomia da parte di queste popolazioni. Si pensi che in Congo è presente la missione ONU più numerosa e costosa di tutto il pianeta: nei pochi giorni della missione abbiamo incontrato soldati egiziani e francesi, bengalesi e belgi, uruguagi e romeni. Addirittura si ha la sensazione che tutto questo profluvio di risorse finisca per alimentare una specie di economia parallela, un giro di azioni certamente benefiche, ma che di fatto non coinvolgono la popolazione locale e non scatenano la voglia di rimboccarsi le maniche. Azioni che non sono viste come un pungolo, una provocazione, finendo per generare un sempre maggiore immobilismo e sempre nuove aspettative. È chiaro che un po' sto esagerando, ma lo faccio per far capire come lo stesso slogan "aiutiamoli a casa loro" che di tanto in tanto torna di moda con una prosopopea ammantata di buoni sentimenti, non sia da proclamare con troppa ingenuità.

È a questo punto che ci viene in aiuto il mistero stesso dell'Incarnazione che dice molto più che una bella favola per bambini. Il fatto che i cristiani ogni anno possano celebrare il Natale significa che hanno l’opportunità di confrontarsi con lo stile di un Dio che offre i criteri per costruire relazioni autentiche degli uomini tra di loro, specie quando possono essere definite come relazioni di aiuto. Provo a formularli in modo estremamente sintetico ed evocativo.

Il primo criterio: non pensiamoci solo dei salvatori, ma ricerchiamo una qualche reciprocità. Il Dio dei cristiani non si è accontentato di creare l'uomo e di farsi uomo. Uomo è rimasto anche dopo la sua Pasqua, ha portato questa umanità alla destra del Padre dopo l'Ascensione al cielo di Gesù. Non gli bastava essere Dio, non si poteva considerare autosufficiente: voleva l'uomo come suo commensale, come membro della sua famiglia.

Il secondo criterio: non imponiamo alcuna salvezza, ma preoccupiamoci di scatenare libertà. La salvezza che Dio ha portato all'umanità non è stata un colpo di bacchetta magica, non è stata imposta. Tutta la storia della salvezza ha avuto come scopo quello di far venire la voglia all'uomo di dire di sì a Dio, di fidarsi di lui, di aderire al suo progetto di bene per il mondo.

Il terzo criterio: la salvezza che possiamo offrire si compie nel momento in cui il salvatore fa un passo indietro. Dopo la sua Pasqua Gesù non è rimasto con gli uomini, ma per certi versi li ha lasciati soli - con il dono del suo Spirito che li avrebbe aiutati a fare memoria di quanto il Signore ha fatto e detto - a dimostrazione di quanto ci tratta da adulti e da responsabili, anche a costo di rischiare la nostra lentezza e pochezza nel camminare sui suoi passi.

Ovvio, sono delle suggestioni tutte da sviluppare. Ma se solo riuscissimo a farle diventare metodo rispetto alle tante iniziative di cooperazione internazionale, i destinatari del nostro aiuto ne trarrebbero beneficio ed anche noi ne usciremmo più arricchiti. Se solo tenessimo presenti questi criteri nel valutare i tanti interventi a favore delle popolazioni colpite da calamità naturali o semplicemente segnate da miseria e sottosviluppo. Se nel donare fondi per interventi e progetti di solidarietà domandassimo ai destinatari della nostra fiducia di seguire questo metodo che l'Incarnazione ci insegna, certamente assisteremmo ad un diverso modo di costruire relazioni e le risorse che la nostra gente continua a mettere a disposizione con rinnovata generosità porterebbero a risultati meno frustranti di quanto oggi ci tocca fare esperienza.
 

leggi tutto l'inserto di "Farsi Prossimo" di Gennaio 2014 de "Il Segno"

newsletter
Iscriviti alle nostre newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
11/04/2017
Iniziative

Infocantieri - Campi estivi

Martedì 11 aprile 2017 ultimo appuntamento di presentazione delle proposte estive per i giovani che vogliono partecipare ai Cantieri della Solidarietà. Appuntamento in via San Bernardino 4 a Milano alle ore 18.30.

12/04/2017
Iniziative

Campi di formazione e lavoro nel bene confiscato

L'associazione UCAPTE, in collaborazione con altri partner tra cui la Caritas della Zona VI della Diocesi di Milano, si sta occupando della tutela e dell’utilizzo a scopi sociali del bene “ La Masseria” a Cisliano (MI). Per l’estate 2017 organizza campi di formazione e lavoro rivolti a persone dai 14 anni in su, gruppi e famiglie.

21/03/2017
Corsi di formazione

Corso Formazione per Volontari: Testimonianza di prossimità e di integ ...

A partire dal 21 marzo 2017 parte il corso di formazione per Volontari

18/03/2017
Iniziative

Giornate Eremo 2017

La condivisione ha una ricaduta su tutta la comunità, non tanto perché il dono è fatto a ogni persona della comunità, singolarmente, ma perché dalla totalità del dono condiviso con uno solo emana una grazia capace di investire tutta la comunità, la quale alla fine partecipa di questo stesso dono e ne è ricolmata. (Tratto da “Spuntava il sole”, Sr. Benedetta Rossi)

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti
Ascolto e incontro con gli ultimi. L’incontro con Papa Francesco a Milano il 25 marzo
Il Papa verrà a Milano sabato 25 marzo. L’appuntamento con i fedeli e i cittadini sarà al parco di Monza, nel pomeriggio, alle ore 15, dove il Pontefice celebrerà la Messa. 
 ...Leggi qui

 


IN EVIDENZA
Lasciti testamentari
Lasciti testamentari: un gesto d'amore

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas Ambrosiana e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno. Da oltre 50 anni Caritas Ambrosiana ope ...

Progetti in evidenza
Quaresima di fraternità 2017

In occasione della Quaresima di fraternità 2017 Caritas Ambrosiana e Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria propongono quattro progetti che saranno real ...

Progetti in evidenza
Progetti in evidenza
Cinque per mille

C.F. 01704670155
Dona il tuo cinque per mille a Caritas Ambrosiana per sostenere il Rifugio Caritas destinato a offrire accoglienza alle persone senza dimor ...