Eccedenze alimentari. Regala il cibo che butteresti via

Regala il cibo che butteresti via. Con la legge sulle eccedenze alimentari, l’Italia ha aggiunto un nuovo comandamento al suo codice etico. Il provvedimento, noto anche come legge Gadda, dal nome della deputata che ne è stata la relatrice, non cura la malattia - non agisce sulle cause alla base delle disfunzioni del sistema di produzione e distribuzione alimentare - ma, più pragmaticamente, cerca di ridurre il danno: favorisce le donazioni di cibo buono ma ritirato dalla vendita per ragioni commerciali o organizzative (le cosiddette eccedenze) e facilita la loro ridistribuzione agli indigenti, attraverso le organizzazioni non profit. A quasi un anno dal varo della legge (pubblicata in Gazzetta il 30 agosto 2016), molti sono stati i benefici, ma possiamo fare ancora di più.

Grazie alla normativa, Caritas Ambrosiana ha visto significativamente aumentare le donazioni da parte delle aziende. Per cui oggi siamo in grado di raccogliere e offrire alle persone svantaggiate 1.600 tonnellate di generi alimentari all’anno.
Inoltre ai Mercati Generali di Milano recuperiamo frutta e verdura, i generi più facilmente deperibili. 
     
Le donazioni ci hanno consentito di liberare delle risorse economiche, perché non dobbiamo acquistare più il cibo da offrire alle persone in difficoltà. Tuttavia abbiamo dovuto impiegarne altre per creare la rete che oggi ci consente di raccoglierle e distribuirle.
Proprio quello che accade ai Mercati Generali, che rappresenta la punta più avanzata del nostro sistema, offre l’esempio più calzante per indicare quali possono essere i margini di miglioramento della normativa.  

Ogni mattina, un nostro addetto fa il giro tra i grossisti per ricevere la merce invenduta. Attorno alle 10 riempie la piazzola messaci a disposizione da Sogemi, la società che gestisce il sito. Da lì un altro addetto di un’impresa sociale nostra partner parte con il carico. Nel laboratorio dell’impresa altre persone trasformano i prodotti attraverso un processo che prevede: cottura, abbattimento rapido di temperatura, congelamento. Il risultato sono barattoli di confettura e buste da un chilo di verdure a pezzi surgelate.  
Questo sistema allunga la vita di prodotti freschi che verrebbero buttati, genera lavoro per soggetti deboli, permette a persone gravemente emarginate di arricchire la propria dieta.

Questo sistema tanto virtuoso ha però un difetto: costa.
Nella situazione attuale, la normativa non riconosce tali costi per cui è molto difficile tenere in equilibrio economico attività come questa che pure producono innegabili vantaggi.
Le soluzioni possono essere molteplici. Innanzitutto andrebbero messi a disposizione degli enti non profit fondi per rientrare dai necessari investimenti organizzativi e tecnologici, come la legge promette di fare. Ma si può andare oltre. Si possono prevedere sgravi fiscali per gli enti non profit che trasformano le eccedenze, così come li si è concessi alle aziende che le donano. Oppure si può addirittura osare di più: permettere alle cooperative sociali impegnate nel sistema di raccolta di proporre sul mercato il frutto del loro lavoro.

Ad un anno dal varo della legge, non sarebbe una cattiva idea metterla a punto.     
 
 
Luciano Gualzetti 


Leggi tutto l'inserto di Farsi Prossimo sul Segno di Luglio/Agosto 2017

newsletter
Iscriviti alle nostre newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
27/05/2018
Iniziative

“LA CITTÀ INCANTATA” al Refettorio Ambrosiano

DOMENICA 27 MAGGIO – ORE 21 (CENA ORE 20) CONCERTO-SPETTACOLO DEI DETENUTI DI SAN VITTORE CON CENA SOLIDALE PREPARATA DELLE DETENUTE DELLA LIBERA SCUOLA DI CUCINA

08/05/2018
Convegni

Il reddito di inclusione (REI)

Seminario per operatori delle Caritas territoriali, Martedì 8 maggio 2018 - Ore 17-19 presso la sede di Caritas Ambrosiana. Dal 1 dicembre us il nostro Paese può finalmente contare su una misura unica nazionale di contrasto alla povertà: il reddito di inclusione(REI). Anticipato dal SIA (sostegno per l’inclusione attiva), misura ponte, incontra nei territori attese, fatiche e molte domande. Si tratta ora di affrontare la sfida dell’attuazione.

07/05/2018
Iniziative

Più siamo più doniamo

L’Arcivescovo Delpini con il sindaco Sala all’inaugurazione di “Più siamo, più doniamo”. Gualzetti: «Solo unendo la Milano che sta vincendo la sfida della globalizzazione e quella che la subisce, avremo una città più equa e anche sicura»

04/05/2018
Iniziative

Cena di raccolta fondi al Refettorio Ambrosiano

Lo chef stellato giapponese Haruo Ichikawa cucinerà con eccedenze alimentari, a favore del progetto EmPOWERment

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti
Migranti. Serve una nuova cultura
L’accoglienza dei migranti è non popolare tra gli italiani. Secondo recenti indagini il 43% dei nostri connazionali ritiene sia giusto accettare solo i profughi...
  ...Leggi qui

 


IN EVIDENZA
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2017 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas Ambrosiana e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno. Da oltre 50 anni Caritas Ambrosiana ope ...

Progetti in evidenza
Progetti in evidenza
Cinque per mille

C.F. 01704670155
Dona il tuo cinque per mille a Caritas Ambrosiana per sostenere il Rifugio Caritas, a te non costa nulla per Sergio è la possibilità di tor ...