Emergenza Umanitaria in Camerun


Nelle regioni Nord-Ovest e Sud-Ovest sono in corso “violenze disumane, cieche, mostruose e una radicalizzazione delle posizioni che ci inquieta”: è il grido di allarme lanciato dalla Conferenza episcopale del Camerun, preoccupata per la “crisi socio-politica” nelle due regioni. Il governo ha decretato il coprifuoco e sono iniziati gli scontri con gli agenti delle forze di sicurezza. La crisi si è inasprita, le forze camerunesi sono addirittura entrate in Nigeria alla ricerca di esponenti secessionisti tra gli sfollati. L’Unione Europea ha chiesto al governo camerunese di usare solo “forza proporzionata” per sedare la rivolta. Ad oggi si contano almeno 150 vittime, tra cui 64 civili, 160.000 sfollati interni e circa 26.000 fuggiti in Nigeria.
“Cessiamo ogni forma di violenza e smettiamo di ucciderci". Affermano i vescovi nella lettera, firmata dal presidente mons. Samuel Kleda, arcivescovo di Douala. "Siamo tutti fratelli e sorelle, riprendiamo il cammino del dialogo, della riconciliazione, della giustizia e della pace”. I vescovi del Camerun chiedono “una mediazione per uscire dalla crisi e risparmiare il nostro Paese da una guerra civile inutile e senza fondamento”. Ai giornalisti non è permesso di entrare nell’area ma sono tanti i testimoni oculari costretti a fuggire dalle proprie case, che parlano di “arresti arbitrari e uccisioni, torture sui sospetti separatisti, violenza contro bambini e stupri”.
Il Camerun si trova inoltre in una delle più gravi emergenze alimentari degli ultimi anni. L’intero bacino del lago Ciad e, più estesamente, la regione del Sahel, sono colpite da una grave carestia che sta colpendo circa 7 milioni di persone.
Intanto a Nord del paese non si ferma l'esodo degli sfollati in fuga dagli attacchi di Boko Haram. Le famiglie hanno lasciato le loro case appena la setta nigeriana ha preso di mira centinaia di villaggi situati alla frontiera tra Camerun e Nigeria. Nella zona sono presenti con le loro attività missionarie i "fidei donum" della Diocesi di Milano.





Sostieni l'intervento di Caritas Ambrosiana


Caritas è testimone di numerosi atti di violenza cieca da parte delle forze di polizia. In questo momento sta distribuendo generi di prima necessità come acqua potabile e cibo, interventi di assistenza sanitaria e alloggio ma mancano le risorse indispensabili per aiutare i 5.000 rifugiati nella regione. 
"Mancano cibo e acqua potabile. Le persone più vulnerabili si ammalano e muoiono velocemente". Racconta Padre Onana, direttore di Caritas Camerun. Migliaia di persone infatti necessitano urgentemente di assistenza umanitaria e molti bambini soffrono di grave malnutrizione. Per fermare tutto questo Caritas Ambrosiana grazie alla rete di internazionale di Caritas sta intervenendo con aiuti di emergenza. Gli interventi principali che necessitano di sostegno sono:

  • Fornire generi alimentari, cure mediche, acqua e servizi igienico-sanitari ad almeno 3.500 vittime.
  • Ricostruire 42 case bruciate per sfollati interni.
  • Costruire centri comunitari per i rifugiati.
  • Formare 54 leader di comunità per l'assistenza in emergenza.
  • Favorire acquisizione e il rafforzamento di capacità lavorative per gli sfollati interni e rifugiati in ottica di ripristino delle attività produttive.
  • Fornire supporto psicosociale.

Caritas, essendo radicata nel territorio, può agire rapidamente nei villaggi più remoti del Camerun, aiutando la popolazione inerme e rimanendo al fianco dei bambini e dei malati. Ma c'è bisogno del tuo prezioso aiuto.


 

Oppure
 
IN POSTA:
C.C.P. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus - Via S.Bernardino 4 - 20122 Milano.
 
CON BONIFICO:
C/C presso il Credito Valtellinese, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT17Y0521601631000000000578 - BIC BPCVIT2S
C/C presso la Banca Popolare di Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN:IT51S0558401600000000064700
C/C presso Banca Prossima, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus     IBAN: IT97Q0335901600100000000348
C/C presso Banca Popolare Etica, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT33R0501801600000011015450
C/C presso Banca Mediolanum intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT93T0306234210000001740731
CAUSALE OFFERTA: Emergenza Umanitaria in Camerun
 
Oppure: 
Presso l'Ufficio Raccolta Fondi in Via S. Bernardino, 4 - Milano dal lun. al gio. dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30. Il venerdì dalle 9.30 alle 12.30
Con carta di credito telefonando al numero 02.76.037.324
 
Per qualsiasi informazione scrivici a: offerte@caritasambrosiana.it
 
LE DONAZIONI SONO DETRAIBILI/DEDUCIBILI FISCALMENTE
 

newsletter
Iscriviti alle nostre newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
14/06/2018
Iniziative

Avete mai visto una scimmia scendere dal Pirellone?

Lunedì 18 giugno alle ore 11.30 flash mob al grattacielo. Meeting point in piazza Duca d’Aosta 5, Milano. Avete mai visto scendere una scimmia dal Pirellone? Lunedì 18 giugno alle ore 11.30 delle singolari scimmie saranno le protagoniste del flash mob organizzato da Caritas Ambrosiana al grattacielo sede del Consiglio regionale della Lombardia e simbolo della laboriosità di Milano....

11/06/2018
Iniziative

Niente e nessuno è di scarto

Il Refettorio Ambrosiano festeggia tre anni di solidarietà: lunedì 11 giugno 2018, ore 11.00 piazza Greco, 11 a Milano. Con il sindaco Sala, lo chef Bottura e il curatore artistico Rampello. Il racconto dei volontari e degli ospiti. Al termine degustazione delle ricette del refettorio

27/05/2018
Iniziative

“LA CITTÀ INCANTATA” al Refettorio Ambrosiano

DOMENICA 27 MAGGIO – ORE 21 (CENA ORE 20) CONCERTO-SPETTACOLO DEI DETENUTI DI SAN VITTORE CON CENA SOLIDALE PREPARATA DELLE DETENUTE DELLA LIBERA SCUOLA DI CUCINA

08/05/2018
Convegni

Il reddito di inclusione (REI)

Seminario per operatori delle Caritas territoriali, Martedì 8 maggio 2018 - Ore 17-19 presso la sede di Caritas Ambrosiana. Dal 1 dicembre us il nostro Paese può finalmente contare su una misura unica nazionale di contrasto alla povertà: il reddito di inclusione(REI). Anticipato dal SIA (sostegno per l’inclusione attiva), misura ponte, incontra nei territori attese, fatiche e molte domande. Si tratta ora di affrontare la sfida dell’attuazione.

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti
Barriere architettoniche, barriere umane
Parlare di casa è parlare di noi, di ognuno di noi, della nostra vita nei suoi aspetti più personali ed intimi...
  ...Leggi qui

 


IN EVIDENZA
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2017 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas Ambrosiana e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno. Da oltre 50 anni Caritas Ambrosiana ope ...

Progetti in evidenza
Progetti in evidenza
Cinque per mille

C.F. 01704670155
Dona il tuo cinque per mille a Caritas Ambrosiana per sostenere il Rifugio Caritas, a te non costa nulla per Sergio è la possibilità di tor ...