Sconfinati - Caritas a Fa' La Cosa Giusta

Sono stati 2.500 i visitatori di "Sconfinati", il gioco di ruolo sul tema delle migrazioni proposto da Caritas Ambrosiana a "Fa la cosa giusta!", la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili svoltasi dal 18 al 20 marzo, a Fieramilanocity. Tra loro anche gli studenti di 50 scuole superiori di Milano e provincia. «Un bilancio più che positivo, migliore anche di quello che abbiamo registrato nelle edizioni precedenti», ha sottolineato Luciano Gualzetti, vice direttore di Caritas Ambrosiana.
 
I visitatori all'ingresso dello stand hanno ricevuto l'identità di uno delle migliaia di migranti che cercano un futuro migliore in Europa, coi soldi (finti) hanno mercanteggiato un posto in barca con gli scafisti interpretati dai volontari di Caritas Ambrosiana, hanno dovuto scegliere se acquistare il cibo o il giubbotto salvagente. Poi sono saliti su una barca (vera) a bordo della quale è stata simulata con effetti di luce e suoni la traversata. Alla fine del viaggio qualcuno ha scoperto di non essere sopravvissuto. Chi si è salvato ha potuto fare domanda di asilo, ma in alcuni casi ha trovato davanti una barriera ancora più difficile da superare: la frontiera. A chi è stata rigettata la domanda è stato spiegato, sempre da volontari Caritas nei panni questa volta di funzionari delle commissioni territoriali delle Prefetture, che sarebbe dovuto tornare indietro. Tutto per gioco naturalmente, anche se quello che è stato messo in scena è esattamente ciò che accade davvero alle migliaia di persone giunte sulle nostre coste. Alla fine del gioco chi lo ha voluto, ha potuto conoscere come era andata a finire nella realtà la storia vera del migrante che ha interpretato.     
 
«Molti visitatori ci hanno detto che non immaginavano quanto brutale potesse essere il viaggio dei migranti. Nei commenti che ci hanno lasciato sui foglietti che consegnavano all'uscita hanno confessato di avere provato angoscia e sgomento e poi rabbia e afflizione quando si sono visti rifiutare la domanda di asilo. Ci auguriamo di aver aiutato le persone che hanno fatto con noi questo percorso a guardare ai migranti con occhi diversi» il commento di Luciano Gualzetti.

Caritas Ambrosiana vuole ringraziare gli operatori di Caritas Ambrosiana, delle cooperative del Consorzio Farsi Prossimo e tutti i volontari che hanno contribuito con tanto entusiasmo ed energie al successo dell'iniziativa che presto avrà altre repliche in diocesi di Milano e in giro per l'Italia.
newsletter
Iscriviti alle nostre newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
17/11/2018
Corsi di formazione

ll progetto personalizzato a partire dall’ascolto

I due incontri formativi si propongono di aiutare gli operatori a confrontarsi su criticità e buone prassi

18/11/2018
Iniziative

“Leggendo Simurgh”

Domenica 18 novembre, alla Casa della memoria “Leggendo Simurgh” detenuti e agenti del carcere di San Vittore protagonisti di un reading tra vita vera e grande letteratura sull’incontro tra differenze...

19/11/2018
Iniziative

La violenza è un labirinto: non è amore

Dal 19 al 24 novembre nell’ Auditorium Stefano Cerri in via Valvassori Peroni 56 ore 9.30 / 17.30

24/11/2018
Iniziative

INCANTO - Una voce per Amatrice

Sabato 24 Novembre 2018 - ore 21.00 Comunitè Cada del Giovane - Pavia Via Lomonaco 45

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Dalla casa alla mensa: Perché è sbagliato lo slogan "prima gli italiani"
Nei giorni scorsi abbiamo consegnato le chiavi di 18 nuovi appartamenti a famiglie in difficoltà. L’intervento fa parte di un progetto complesso... Leggi qui

IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2017 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas Ambrosiana e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno. Da oltre 50 anni Caritas Ambrosiana ope ...

Progetti in evidenza