Medio Oriente e Nord Africa

 

Con Medio Oriente e Nord Africa,  si intendono quei paesi dell’Africa settentrionale e del vicino Oriente che si affacciano sul Mediterraneo.
Quest’area comprende 15 Stati ed il territorio palestinese ( Opt: occupied Palestinian territories).
La Regione si estende dalla Mauritania, a Ovest, fino all’Iran, ad est, includendo Cipro e, nel Corno d’Africa, Gibuti e Somalia.
Da sempre crocevia millenario di civiltà, culture, popoli, lingue e naturalmente religioni tra Europa, Africa e Asia, questa Regione  è attualmente popolata da oltre 320 milioni di persone. All’interno dell’area, la maggioranza del territorio è abitata da popolazioni di etnia araba; numerose sono le minoranze che vivono in diverse zone della regione. La zona mediorientale è da secoli culla delle tre “religioni del Libro”: accanto ad un’ampia maggioranza musulmana convivono, non senza difficoltà, cristiani ( in Libano sono il 36% della popolazione) ed ebrei (che costituiscono la maggioranza in Israele).


La presenza dei due terzi delle riserve di idrocarburi del mondo rende questa Regione una delle più strategiche per l’economia e la politica internazionale.
Tale ruolo ha influito  moltissimo sul futuro di questi Paesi che, in gran parte, una volta diventati indipendenti dal sistema coloniale europeo, non sono riusciti a sviluppare dei processi politici e istituzionali tali da garantire i diritti umani e i principi democratici di rappresentanza alle proprie popolazioni. In molti casi sono nati veri e propri regimi e monarchie poco inclini al rispetto di tali diritti. 
Il 2011 è stato caratterizzato dal fenomeno delle “Primavere arabe”, nome dato a quei moti popolari sviluppatisi in diversi
Paesi dell’area e diventati poi in alcuni casi aperte rivolte per rovesciare i dittatori e i potenti di turno.    
In alcuni Stati questi processi non si sono ancora conclusi e non sempre hanno portato a dei cambiamenti sostanziali. Se, ad esempio,  nel caso egiziano la Primavera ha portato ad una prolungata tensione sociale e politica, in Siria le rivolte sono
sfociate in  una guerra civile che dura da più di 3 anni e che ad oggi è costata la vita ad oltre 170.000 persone.



Ancora diversi, seppur con le relative distinzioni, i casi di Iraq e Libia. Gli interventi militari internazionali finalizzati all’abbattimento dei rispettivi regimi non si sono conclusi con l’auspicata “transizione democratica”, generando invero nei due paesi una spirale di violenza e di conflitti interni a seguito del vuoto politico creatosi.

 
IL RUOLO DI CARITAS      

Medio Oriente e nord Africa sono le due anime di un’unica area geografica che costituisce una delle sette regioni in cui è organizzata la rete di Caritas Internationalis. 
Caritas Ambrosiana è presente in questa area dal 1999 con i primi progetti a favore della popolazione palestinese che vive nella West Bank e nella Striscia di Gaza. Negli anni successivi è aumentato l’impegno progettuale e la presenza anche in Giordania, Iraq, Libano, Siria. Da alcuni anni è invece iniziata una partnership con Somalia, Gibuti e Algeria.

18/11/2014
Medio Oriente e Nord Africa

Siria: in un silenzio assordante la guerra continua!

A poco meno di 4 anni dall’inizio dalla guerra, l’economia in Siria è tornata indietro di 30 anni. A questo ritmo se il conflitto perdurerà anche nel 2015, circ ...

newsletter
Iscriviti alle nostre newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
25/10/2018
Convegni

Per una giustizia almeno un poco più giusta

Tre incontri sulla giustizia penale da ottobre 2018 a gennaio 2019

09/11/2018
Corsi di formazione

Affido Familiare per Adolescenti Migranti Non Accompagnati

Corso per interessati all'affido

10/11/2018
Convegni

GIORNATA DIOCESANA CARITAS

Al termine del Sinodo dei Vescovi, il convegno diocesano avrà un'attenzione particolare verso i giovani.

26/09/2018
Corsi di formazione

Le tratte: elementi di comprensione e strumenti di intervento

Il corso di formazione “Le tratte: elementi di comprensione e strumenti di intervento” si compone di due moduli: un modulo di inquadramento generale rispetto alla normativa e al fenomeno, e un secondo modulo di approfondimento dedicato ai luoghi dell’emersione delle vittime di tratta, la rete dei servizi e alla Nigeria in quanto principale paesi di arrivo delle persone inserite nei percorsi di protezione.

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Perché ce la prendiamo con chi sta peggio?
Si è appena conclusa un’estate caldissima e non solo in senso metereologico. L’opinione pubblica si è di nuovo infiammata sul tema dell’immigrazione. Leggi qui

IN EVIDENZA
Emergenze in corso
Emergenza terremoto Haiti

Primi aggiornamenti dai colleghi di Caritas Port de Paix dopo il terremoto dello scorso 6 ottobre 2018. Lanciata una raccolta fondi

Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2017 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas Ambrosiana e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno. Da oltre 50 anni Caritas Ambrosiana ope ...

Progetti in evidenza