Due ragazzi normali

Probabilmente se li avessi incrociati per strada non li avrei mai notati; un ragazzo ed una ragazza di vent’anni, giovani e di bella presenza, insomma due ragazzi come tanti. In realtà quando si sono presentati al Centro di Ascolto e mi hanno raccontato la loro storia, ho scoperto che purtroppo non avevano nulla a che fare con i ventenni della nostra società.
Una signora di buon cuore, una sera li aveva visti alla fermata del bus, erano su una panchina, infreddoliti e senza cibo; ha dato loro qualcosa da mangiare ma rendendosi conto della gravità della situazione e non potendo comunicare con loro che parlavano solo francese, li ha portati al Centro di Ascolto.
Ho deciso così di “rispolverare” gli insegnamenti di francese delle scuole e ho cercato di capire la loro situazione.
Erano da poco arrivati in Italia, su un barcone carico di disperati come loro convinti che qui avrebbero potuto ricominciare una vita migliore; arrivavano da Tunisi e sarebbero dovuti essere ospitati da alcuni connazionali. Purtroppo, come spesso capita, i loro conoscenti che li avevano tenuti con loro per un po’, ora non li potevano più ospitare; si sono ritrovati così per strada, da soli, senza niente se non i vestiti che avevano addosso e senza conoscere una parola di italiano.
Oltre a questo non sapevano nemmeno dove poter andare e chiedevano così un posto almeno per poter dormire al caldo; li ho così indirizzati al dormitorio pubblico ed alla mensa per poter avere un pasto caldo, ma poi? Cosa avrebbero fatto? Dove sarebbero andati?
Avevo la testa piena di domande, i loro occhi pieni di paura e speranza allo stesso tempo, non li dimenticherò mai, mai. Quante persone si trovano in questa situazione? Quante persone tentano di scappare dalla loro vita per una speranza che poi magari si rivela una delusione? Tante, troppe persone.
Perché si tratta di PERSONE, uomini, donne, giovani e bambini, non di numeri o di oggetti che possiamo decidere se accettare o no o se ospitare oppure ricacciare indietro.
Questi due ragazzi sono stati un piccolo esempio di tutta quell’umanità che a gran voce, attraverso i loro viaggi disperati, ci sta chiedendo di ascoltarla, di guardarla e fare qualcosa.
Sono profondamente convinta che se una persona sta bene a casa sua, non deciderà mai di lasciarla, se invece decide di spendere i risparmi di una vita per imbarcarsi in un viaggio pericoloso dove magari rischierà anche di morire, allora significa che nel suo Paese la vita non è poi così serena.
I motivi per cui una persona intraprende i così detti “viaggi della speranza” sono tanti e sono seri; non si tratta di capricci o del fatto che l’Italia è un Paese così “bravo” che accoglie tutti e per questo fa gola. La realtà è ben diversa, molto spesso si tratta di una vera e propria fuga dalla fame, dalle carestie o dalle guerre; una fuga disperata che magari non porterà a nulla di buono ma che è sempre meglio che rimanere nel proprio Paese d’origine.
Questo incontro, seppur breve, mi è rimasto impresso nella mente e nel cuore; ora quando passeggio per strada, prendo il bus, o parlo con una persona al Centro di Ascolto, mi chiedo chissà come sei arrivato qui? Questa esperienza di servizio mi sta aiutando a capire prima di giudicare, e in un momento storico come quello attuale, è proprio quello che dovremmo fare tutti.

Federica Brenna 
Milano 2008

newsletter
Iscriviti alle nostre newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
05/05/2017
Convegni

Adolescenti Migranti Non Accompagnati. Accoglienze possibili

Venerdì 5 maggio dalle ore 20.30 presso la sede di Caritas Ambrosiana in via San Bernardino, 4 a Milano si terrà una serata per riflettere sull’accoglienza in famiglia di adolescenti stranieri non accompagnati, a partire dalle esperienze sperimentate nel nostro territorio.

20/04/2017
Corsi di formazione

I giovani e l'Unione Europea

Ciclo di incontri per i giovani su tematiche attuali dell’UE e sulle opportunità di tirocinio e lavoro presso le Istituzioni europee e in altri paesi

19/04/2017
Iniziative

Campi di formazione e lavoro nel bene confiscato

L'associazione UCAPTE, in collaborazione con altri partner tra cui la Caritas della Zona VI della Diocesi di Milano, si sta occupando della tutela e dell’utilizzo a scopi sociali del bene “ La Masseria” a Cisliano (MI). Per l’estate 2017 organizza campi di formazione e lavoro rivolti a persone dai 14 anni in su, gruppi e famiglie.

21/03/2017
Corsi di formazione

Corso Formazione per Volontari: Testimonianza di prossimità e di integ ...

A partire dal 21 marzo 2017 parte il corso di formazione per Volontari

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti
Reddito di inclusione. Per la prima volta in Italia uno strumento di contrasto alla povertà
La buona notizia è questa: per la prima volta nella storia del nostro Paese il Parlamento ha definito, per legge, una reale misura di contrasto alla povertà assoluta.
 ...Leggi qui

 


IN EVIDENZA
Raccolta indumenti
RACCOLTA DIOCESANA INDUMENTI USATI 2017

Nell'anno pastorale in cui Caritas Ambrosiana invita a "Sconfinarsi" , scegliamo di legare alla Raccolta il tema degli adolescenti migranti soli, quei Minori st ...

Lasciti testamentari
Lasciti testamentari: un gesto d'amore

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas Ambrosiana e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno. Da oltre 50 anni Caritas Ambrosiana ope ...

Progetti in evidenza
Quaresima di fraternità 2017

In occasione della Quaresima di fraternità 2017 Caritas Ambrosiana e Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria propongono quattro progetti che saranno real ...

Progetti in evidenza