La mia esperienza in Azione Cattolica

Cosa sta significando per me il Servizio Civile in Azione Cattolica? Certamente la prima parola che mi viene alla mente è "ascolto". Ascolto di una realtà ecclesiale, di un modo di vivere la Chiesa, ma anche ascolto quotidiano delle persone, dei loro bisogni, delle loro fatiche, della loro Fede. A me piace pensare a queste persone come la mia "grande famiglia senza volto" perché molto spesso ci si trova a dover progettare iniziative o ad organizzare eventi per giovani e ragazzi che forse non conoscerai mai, perché preoccuparsi della fede di una sola persona significa anche occuparsi della fede di tutti coloro che incontreranno quell'unica persona. Inoltre in molti lavori che mi sono stati affidati ho ritrovato la bellezza, ma anche la fatica, di essere un semplice "contadino" che insieme ad altri si prende cura dei semi anche senza vederne i frutti, perché come ho detto poco fa, ti ritrovi ad impegnarti per persone che forse non sapranno mai che tu hai lavorato per loro.
Certo! Non è tutto rose e fiori. Servizio Civile significa misurarsi ogni giorno con degli impegni. Ancora di più significa scontrarsi con chi la pensa in modo diverso da te ma con i quali condividi la stessa fede e gli stessi valori associativi. È un continuo allenamento all’andare oltre sé stessi, a relazionarsi con gli altri, a comprendere quello che è il ruolo e il pensiero dell’altro. Una seconda parola è "formazione", sia nel servizio in AC sia nella proposta di Caritas Ambrosiana che è un Ente accreditato al Servizio Civile. Ci sono alcuni appuntamenti mensili di formazione curati da Caritas nei quali si riflette su quanto comporta la scelta del volontariato e sui valori di pace, giustizia e solidarietà che la accompagnano. Tuttavia la vera "forma" è quella che ti viene data ogni giorno durante il servizio, nel tempo che dedichi agli altri, nei lavori che porti a termine, nelle relazioni che intrattieni e nelle persone che incontri.
Proprio in questo sta la bellezza del servizio, che, nonostante sia l'unico con questo ruolo nell'Azione Cattolica, si opera tutti insieme al fianco di tanti altri amici e fratelli per raggiungere un obiettivo e la cui gioia più grande sta nel fatto che è sempre e comunque un dono gratuito.
La terza parola del servizio è allora “gratuità”. È vero lo Stato ti tratta come un suo dipendente e ti accorda anche un compenso mensile che tuttavia è più un rimborso spese che uno stipendio lavorativo. Concede ferie e anche dei giorni di malattia ma richiede allo stesso tempo una prestazione continuata di trenta ore settimanali per tutto l’arco di dodici mesi. Qualcuno potrà obiettare: Che genere di volontariato è mai questo? Oppure: Come può essere gratuità tutto questo?
Non saprei come ribattere a queste domande se non rileggendo quella che è stata la mia scelta. Io posso dire di aver risposto “si” ad una chiamata, perché ogni cristiano sa che “spendere” del tempo per gli altri e per la loro crescita è in qualche modo acconsentire e prendere parte ad un disegno che è più grande di noi.
Come scrive San Paolo: Siamo infatti collaboratori di Dio e voi siete campo di Dio, edificio di Dio (1Cor 3, 9). Questo significa per me prestare Servizio Civile in Azione Cattolica.

Andrea Sandrini
Milano 2008

newsletter
Iscriviti alle nostre newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
05/05/2017
Convegni

Adolescenti Migranti Non Accompagnati. Accoglienze possibili

Venerdì 5 maggio dalle ore 20.30 presso la sede di Caritas Ambrosiana in via San Bernardino, 4 a Milano si terrà una serata per riflettere sull’accoglienza in famiglia di adolescenti stranieri non accompagnati, a partire dalle esperienze sperimentate nel nostro territorio.

20/04/2017
Corsi di formazione

I giovani e l'Unione Europea

Ciclo di incontri per i giovani su tematiche attuali dell’UE e sulle opportunità di tirocinio e lavoro presso le Istituzioni europee e in altri paesi

19/04/2017
Iniziative

Campi di formazione e lavoro nel bene confiscato

L'associazione UCAPTE, in collaborazione con altri partner tra cui la Caritas della Zona VI della Diocesi di Milano, si sta occupando della tutela e dell’utilizzo a scopi sociali del bene “ La Masseria” a Cisliano (MI). Per l’estate 2017 organizza campi di formazione e lavoro rivolti a persone dai 14 anni in su, gruppi e famiglie.

21/03/2017
Corsi di formazione

Corso Formazione per Volontari: Testimonianza di prossimità e di integ ...

A partire dal 21 marzo 2017 parte il corso di formazione per Volontari

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti
Reddito di inclusione. Per la prima volta in Italia uno strumento di contrasto alla povertà
La buona notizia è questa: per la prima volta nella storia del nostro Paese il Parlamento ha definito, per legge, una reale misura di contrasto alla povertà assoluta.
 ...Leggi qui

 


IN EVIDENZA
Raccolta indumenti
RACCOLTA DIOCESANA INDUMENTI USATI 2017

Nell'anno pastorale in cui Caritas Ambrosiana invita a "Sconfinarsi" , scegliamo di legare alla Raccolta il tema degli adolescenti migranti soli, quei Minori st ...

Lasciti testamentari
Lasciti testamentari: un gesto d'amore

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas Ambrosiana e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno. Da oltre 50 anni Caritas Ambrosiana ope ...

Progetti in evidenza
Quaresima di fraternità 2017

In occasione della Quaresima di fraternità 2017 Caritas Ambrosiana e Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria propongono quattro progetti che saranno real ...

Progetti in evidenza