Gioco d'azzardo, niente fondi per le cure

Mentre aumentano i consumi del gioco d’azzardo, e i guadagni per i concessionari, non si trovano i fondi per riparare ai danni collaterali prodotti da un sistema ormai fuori controllo. Ad affermarlo è Luciano Gualzetti, vicedirettore di Caritas Ambrosiana e presidente della Fondazione San Bernardino, che aderisce con le altre fondazioni regionali di matrice cattolica al Cartello nazionale “Insieme Contro l’Azzardo”. Sotto accusa il Decreto Balduzzi approvato dal consiglio dei ministri il 5 settembre.

«Con il Decreto Balduzzi il governo per la prima volta riconosce che con il gioco d’azzardo ci si può ammalare. Dispiace però constatare che non siano anche stati stanziati i fondi per le cure» commenta Gualzetti. Il decreto legge, presentato dal ministro della sanità Renato Balduzzi, ha inserito il gioco d’azzardo patologico nei Lea, i livelli essenziali di assistenza. Questo passaggio obbliga il sistema sanitario nazionale a farsi carico anche di queste patologie. Il provvedimento, tuttavia, non prevede alcuna copertura finanziaria.

«Secondo le stime, i giocatori d’azzardo patologico in Italia sarebbero 700 mila, vale a dire il doppio degli alcolisti e dei tossicodipendenti in carico ai servizi – osserva Gualzetti – Senza un riconoscimento ufficiale, gli interventi sono stati finora pochi, sporadici, discontinui. Le sole cure assicurate dalle aziende sanitarie pubbliche sono dipese in gran parte della buona volontà e dalla sensibilità di qualche direttore dei Servizi territoriali per le tossicodipendenze. Tutto il resto – ed è molto – lo si deve alla fantasia e alla creatività del mondo non profit e a qualche intervento degli enti locali. Ora senza risorse adeguate questo stato di cose è destinato a perdurare, nonostante il pur importante riconoscimento degli effetti patologici del gioco d’azzardo».

«Considerato che alla fine del 2012 gli italiani spenderanno la cifra record di 100 miliardi di euro, 20 in più rispetto all’anno precedente, è paradossale – rimarca Gualzetti – che non si sia riusciti a distrarre nemmeno un euro dai lauti guadagni dei concessionari per riparare ai danni collaterali del gioco d’azzardo».

Deludenti anche gli altri aspetti del decreto. «Cedendo alle forti pressioni delle aziende concessionarie, il governo ha fatto dietrofront e alla fine non è riuscito a porre nessun reale vincolo per regolamentare l’esplosione del gioco d’azzardo. Alla fine sono saltate perfino le distanze minime dai luoghi sensibili, scuole e chiese, alle quali si sarebbero dovute attenere almeno le nuove sale scommesse. Ci si è, invece, accontentati di qualche limite sulla pubblicità. Ma si sarebbe potuto e dovuto fare di più anche sul fronte della prevenzione, tenendo conto che i giocatori sono in gran parte soggetti già socialmente deboli e dunque più indifesi», conclude Gualzetti.

Leggi anche inchiesta in "Approfondimenti"

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
21/01/2020
Iniziative

La libertà che non si può rinchiudere dentro una cella

Al Museo Diocesano, detenuti in scena con un reading sull’esperienza spirituale in carcere. Presentazione dei risultati di un percorso triennale dedicato al pluralismo religioso in 9 istituti penitenziari lombardi. Gualzetti: «Riconoscere la libertà di culto ai detenuti significa prendere atto del pluralismo religioso presente nelle carceri e prevenire fenomeni di radicalizzazione»

22/01/2020
Iniziative

QUANDO I RAGAZZI SPICCANO IL VOLO

Serata di presentazione del progetto Le Ali-Sportelli di counselling per ragazzi e genitori a Carate Brianza

30/01/2020
Iniziative

Aperitivo Young Caritas

Giovedì 30 gennaio 2020 ore 18;30 - Via San Bernardino, 4 a Milano Hai un'età compresa tra i 18 e i 30 anni? Vuoi approfondire il tema delle Fake News? ...

01/02/2020
Convegni

Dal buon vicinato all’accoglienza: per una quotidianità condivisa

Convegno annuale dello Sportello Anania sui temi dell'accoglienza

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Una politica giusta per i deboli. Sarà la volta buona?

Correva l’anno 2018 – e sembra passato un secolo per i tempi della politica italiana – l’estate era appena finita
.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Iniziative
Info Volontariato in Caritas Ambrosiana

Scopri come diventare volontario in Caritas Ambrosiana e nelle realtà vicine alla Caritas. Trasformare la tua voglia e la tua energia in servizi utili agli altr ...

Progetti in evidenza
Biglietti di Natale 2019

A Natale scegli i biglietti di Auguri di Caritas Ambrosiana e trasforma i tuoi auguri in un segno concreto di solidarietà a favore delle famiglie che si recano ...

La nostra offerta
Proposte formative per le scuole

Sei un docente di una scuola primaria o secondaria? Vuoi dare la possibiltà ai tuoi alunni di migliorare la loro crescita con delle proposte formative speciali ...

Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2018 dalla pubblica ammini ...