Visitare gli infermi


Quella di visitare gli infermi è un’opera meno scontata di quanto possa apparire a prima vista. Ne è testimone un po’ tutto l’AT nel quale è difficile trovare il racconto di quella che potremmo chiamare una visita riuscita. Per lo più quanti fanno visita a un malato lo fanno in modo “fallimentare”, rimangono irrimediabilmente lontani da lui.
Così accade ad es. agli amici di Giobbe che lo vanno a trovare nel suo letto di dolore con la pretesa di spiegargli che se è nella malattia è a causa di un suo qualche peccato di cui pentirsi per poter accedere alla guarigione. Trasformando la vittima in colpevole, presumono di sapere ciò di cui il malato ha bisogno meglio del malato stesso, convinti di avere i requisiti per consolarlo efficacemente.  Ma otterranno solo parole di insulto da parte del malato Giobbe: “consolatori stucchevoli” (Gb 16,2), “raffazzonatori di menzogne” (Gb 13,4), “medici da nulla” (Gb 13,4).
Già questa vicenda biblica appena accennata ci istruisce circa la serietà di un’opera che per essere realmente misericordiosa, ha bisogno di essere vissuta con attenzioni particolari. E la prima è quella che non bastano le buone intenzioni, anzi esse possono essere pericolose nella loro ottusa bontà per finire col diventare solo una ricerca di gratificazione narcisistica per il gesto “buono” che si sta compiendo.
Dunque, perché visitare un malato? E come? Lasciando anzitutto che sia il malato ad essere maestro, cioè la persona da ascoltare prioritariamente, da accettare nella sua situazione anche se ciò che è, fa o dice non dovesse incontrare l’approvazione dei visitatori. Lasciare che sia lui a guidare il rapporto, non fare nulla di più di quanto egli consente. Il malato è il maestro! E già questo ci permette di valutare criticamente lo stile di certe visite – specie in ospedale – di parenti e amici che finiscono, pur con tutte le migliori intenzioni, per “occupare” la camera del malato, irrispettosi di quelli che sono i bisogni della persona conosciuta e spesso anche di quanti occupano il letto accanto. Ascoltare è lasciare essere presente l’altro e visitare il malato significa riconoscere e rispettare il suo spazio, guardandosi bene dall’occuparlo.
Così come va stigmatizzata la loquela pseudo consolatoria di chi, di fronte ad una determinata malattia, non trova meglio che raccontare delle proprie... Non ogni parola va bene nell’incontro col malato, specie quando finisce per essere un imbroglio pronto a scadere nel pettegolezzo. Ascoltate che cosa dice il malato del Salmo 41 che si sente preso in giro dai suoi visitatori: « Chi viene a visitarmi dice parole false, raccoglie cattiverie nel suo cuore e, uscito, sparla nelle piazze. Contro di me mormorano i miei nemici, contro di me enumerano le mie sventure: “L’ha colpito un male incurabile, non si alzerà più dal letto in cui giace” ».
C’è una disciplina severa cui sottoporsi se si vuole vivere la visita all’infermo come una vera opera di misericordia, tanto più dopo che nella parabola del giudizio universale di Mt 25 il Re si identifica col malato e non con il visitatore. Dunque, nella visita al malato si è di fronte ad una persona la cui dignità deve essere riconosciuta. Questo per giustificare una rigorosa formazione nei confronti di chi, all’interno della comunità cristiana, si rende disponibile per questo preziosissimo servizio, o nella forma dei ministri straordinari dell’eucaristia, o in quella di semplici visitatori piuttosto che di accompagnatori dei malati nei pellegrinaggi verso i santuari mariani come Lourdes o Loreto. Visitare i malati non è solo un’opera individuale, ma assume una importante dimensione ecclesiale che esprime la cura di quel “corpo” che è la chiesa a favore delle sue membra più deboli e fragili. Pensate che in un antico testo cristiano la visita al malato è associata a quella alla vedova, all’orfano, al povero. Segno eloquente di quella “chiesa in uscita” che papa Francesco non smette di evocare. Una chiesa che non aspetta che coloro che sono in difficoltà abbiano la forza e il coraggio di bussare alle porte dei suoi servizi, ma va loro incontro in uno spirito di autentica prossimità.
 
Roberto Davanzo

Inoltre, per approfondire l'argomento, presso l'Ufficio Documentazione sono a disposizione una serie di pubblicazioni sulle Opere di Misericordia, clicca qui per vedere.
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
13/05/2021
Iniziative

Infocantieri 13 maggio

Arrivano i Cantieri 2021!! Ve li presenteremo giovedì 13 maggio ore 20.45 in un incontro online. Scopri come partecipare

05/05/2021
Convegni

“LÌ SONO INSERITI I POVERI, CON LA LORO CULTURA, I LORO PROGETTI E LE ...

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 3° webinar – mercoledì 5 maggio 2021, ore 18.30 – 20.00

28/04/2021
Convegni

TRA ASSISTENZA E ATTIVAZIONE: CONFRONTO TRA ESPERIENZE GENERATIVE

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 2° webinar – mercoledì 28 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00. Vedi la diretta su Youtube...

22/04/2021
Iniziative

Giornate di eremo - Al primo posto c’è l’amore

Giovedì 22 aprile h. 18.30 - Al primo posto c’è l’amore - I Cor 13, 1-13 a cura di don Matteo Rivolta - Responsabile Caritas Zona Pastorale di Varese. Iscriviti gratuitamente all'evento in diretta Youtube sul canale di Caritas Ambrosiana

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Cibo, buttiamo di più mentre altri non mangiano

A causa dello smart working e più ancora delle limitazioni anti Covid che hanno colpito in modo particolare il settore, bar e ristoranti acquistano una minore quantità di cibo.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...