«Sanatoria deludente. Serve una nuova legge»

«L'esito, modesto, della sanatoria mostra come la politica dei condoni in materia di immigrazione clandestina mostri ormai la corda. È tempo di una nuova legge per regolarizzare gli ingressi di manodopera straniera».

A sostenerlo è il vicedirettore di Caritas Ambrosiana, Luciano Gualzetti, commentando i dati della sanatoria che si sta per chiudere.

Alle ore 18 del 15 ottobre, giorno della scadenza, sono state 129.814 le domande di regolarizzazione presentate al Ministero, un numero decisamente inferiore anche alle meno rosee aspettative che stimavano una richiesta di emersione intorno alle 200 mila unità e un risultato addirittura minimale se si considera che tre anni fa, per una sanatoria limitata esclusivamente a colf e bandanti, le richieste furono 300 mila.

Due le ragioni dell'insuccesso secondo Gualzetti: la certificazione e i costi.

«Per ottenere la regolarizzazione un immigrato doveva dimostrare di essere arrivato nel nostro paese prima del 31 dicembre del 2011. E per farlo doveva esibire la certificazione di un ente pubblico. Ma è evidentemente molto difficile che un clandestino si rivolga al circuito dell'assistenza pubblica. Solo successivamente, ma quando ormai era troppo tardi, il ministero ha consentito che a rilasciare la certificazione fosse anche un ente del privato sociale. Ora questo fatto deve aver scoraggiato molti immigrati».

C'è poi la questione dei costi. «Tra sanzioni, contributi arretrati e oneri fiscali, regolarizzare un lavoratore straniero con questa sanatoria costava ad un imprenditore intorno ai 6 mila euro. Una famiglia, invece, che intendeva regolarizzare una colf doveva prepararsi a spendere in media 1600 euro. Cifre che in tempi di crisi economica hanno fatto certamente da deterrente», osserva Gualzetti. Che fa anche notare la singolarmente alta percentuale di richieste di regolarizzazione nell'ambito domestico. «L'80% degli stranieri che hanno fatto domanda di regolarizzazione ha dichiarato di lavorare come colf o badante. Una quota troppo alta e molto sospetta, anche perchè la maggior parte di queste domande viene da immigrati di nazionalità marocchina, un paese che non è affatto noto per essere un esportatore di manodopera domestica».

Ma al di là di questi limiti è lo strumento della sanatoria in sé che ormai mostra la corda. Secondo il vicedirettore di Caritas Ambrosiana «la storia dell'immigrazione in Italia è fatta di stranieri che arrivano da clandestini e vengono poi condonati. Bisognerebbe, invece, mettere mano al sistema delle quote di ingresso e renderle più corrispondenti alla realtà del nostro Paese, riconoscendo una volta per tutte il ruolo di questi lavoratori in alcuni settori chiave nella nostra economia e del sistema di welfare».

Su questo tema si veda anche l'intervista rilasciata da Luciano Gualzetti a Milano7, l'inserto di Avvenire di domenica 14 ottobre

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
08/07/2019
Iniziative

In concerto con Enzo

Lunedì 8 luglio, ore 21.30 presso La Balera dell'Ortica a Milano si terrà lo spettacolo di Paolo Jannacci e Band "In concerto con Enzo" per ringraziare tutte le persone che hanno sostenuto l'iniziativa "Carrello Sospeso" a favore degli Empori della Solidarietà di Caritas Ambrosiana...

21/06/2019
Convegni

Assemblea annuale della Consulta Nazionale Antiusura

Milano 21 e 22 giugno 2019 - "Usura e criminalità organizzata: imprese e famiglie" - "La Chiesa e il denaro: responsabilità per il bene comune"

03/06/2019
Iniziative

Scegli da che parte stare

Caritas Ambrosiana, a fianco dell'esperienza ventennale dei Cantieri della Solidarietà in Italia e all'estero, rilancia per il quarto anno, per l'estate 2019, l'iniziativa "Scegli da che parte stare" organizzata dall'associazione Una Casa Anche Per TE (U.C.A.P.TE) con patrocinio del Comune di Cisliano ed in collaborazione con CGIL Lombardia, l'associazione La Barriera, Camera del Lavoro di Milano, CGIL Ticino Olona e Coop Lombardia.

23/05/2019
Convegni

La povertà energetica e le misure per affrontarla

23 maggio - dalle 9:30 alle 13:00 presso Caritas Ambrosiana

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Milano citta’ del cibo? Non per 18 mila persone
Secondo le nostre stime, a Milano 18 mila persone si recano nei centri di ascolto di Caritas Ambrosiana per chiedere aiuti alimentari
.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Emergenze in corso
Emergenza Cicloni Idai e Kenneth

Le infrastrutture sono state fortemente colpite dalla furia dei venti e dell’acqua e a pagare le conseguenze più pesanti sono le fasce più vulnerabili della pop ...

Cinque per mille
5 per mille

Codice fiscale: 01704670155 - Sostieni il Rifugio Caritas per persone senza dimora in modo semplice e gratuito. Dona il tuo 5 per mille, scarica il modulo pre-c ...

Progetti in evidenza
Quaresima di fraternità 2019

I progetti proposti saranno realizzati in Bosnia Erzegovina, Kenya, Perù e Siria. Vai alla pagina dedicata, scarica i materiali disponibili che abbiamo preparat ...

Emergenze in corso
Emergenza Profughi nei Balcani

Caritas Ambrosiana grazie alla collaborazione con il network di Caritas è attiva da tempo nell’Emergenza Profughi nei Balcani