«Sanatoria deludente. Serve una nuova legge»

«L'esito, modesto, della sanatoria mostra come la politica dei condoni in materia di immigrazione clandestina mostri ormai la corda. È tempo di una nuova legge per regolarizzare gli ingressi di manodopera straniera».

A sostenerlo è il vicedirettore di Caritas Ambrosiana, Luciano Gualzetti, commentando i dati della sanatoria che si sta per chiudere.

Alle ore 18 del 15 ottobre, giorno della scadenza, sono state 129.814 le domande di regolarizzazione presentate al Ministero, un numero decisamente inferiore anche alle meno rosee aspettative che stimavano una richiesta di emersione intorno alle 200 mila unità e un risultato addirittura minimale se si considera che tre anni fa, per una sanatoria limitata esclusivamente a colf e bandanti, le richieste furono 300 mila.

Due le ragioni dell'insuccesso secondo Gualzetti: la certificazione e i costi.

«Per ottenere la regolarizzazione un immigrato doveva dimostrare di essere arrivato nel nostro paese prima del 31 dicembre del 2011. E per farlo doveva esibire la certificazione di un ente pubblico. Ma è evidentemente molto difficile che un clandestino si rivolga al circuito dell'assistenza pubblica. Solo successivamente, ma quando ormai era troppo tardi, il ministero ha consentito che a rilasciare la certificazione fosse anche un ente del privato sociale. Ora questo fatto deve aver scoraggiato molti immigrati».

C'è poi la questione dei costi. «Tra sanzioni, contributi arretrati e oneri fiscali, regolarizzare un lavoratore straniero con questa sanatoria costava ad un imprenditore intorno ai 6 mila euro. Una famiglia, invece, che intendeva regolarizzare una colf doveva prepararsi a spendere in media 1600 euro. Cifre che in tempi di crisi economica hanno fatto certamente da deterrente», osserva Gualzetti. Che fa anche notare la singolarmente alta percentuale di richieste di regolarizzazione nell'ambito domestico. «L'80% degli stranieri che hanno fatto domanda di regolarizzazione ha dichiarato di lavorare come colf o badante. Una quota troppo alta e molto sospetta, anche perchè la maggior parte di queste domande viene da immigrati di nazionalità marocchina, un paese che non è affatto noto per essere un esportatore di manodopera domestica».

Ma al di là di questi limiti è lo strumento della sanatoria in sé che ormai mostra la corda. Secondo il vicedirettore di Caritas Ambrosiana «la storia dell'immigrazione in Italia è fatta di stranieri che arrivano da clandestini e vengono poi condonati. Bisognerebbe, invece, mettere mano al sistema delle quote di ingresso e renderle più corrispondenti alla realtà del nostro Paese, riconoscendo una volta per tutte il ruolo di questi lavoratori in alcuni settori chiave nella nostra economia e del sistema di welfare».

Su questo tema si veda anche l'intervista rilasciata da Luciano Gualzetti a Milano7, l'inserto di Avvenire di domenica 14 ottobre

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
11/03/2021
Convegni

Una comunità a misura di...ogni persona

Il webinar si terrà giovedì 11 marzo, dalle 20.45 alle 22.45

01/03/2021   Iniziative

Perché maltratto. Le situazioni di crisi: causa o effetto?

La situazione che stiamo vivendo da circa un anno, dovuta all'emergenza sanitaria, suscita un interrogativo: per quale motivo in momenti di particolare difficoltà e crisi molti uomini riversano sofferenza e frustrazione sulle donne? E quali possono essere gli interventi possibili in termini di prevenzione e contrasto a questo meccanismo spesso poco indagato?

18/02/2021
Convegni

L'Europa si è fermata a Lipa - Webinar

Giovedì 18 febbraio dalle ore 20.45 diretta Youtube sulla situazione dei migranti nel campo di Lipa, sulla condizione dei profughi in Bosnia, sulle attività di emergenza di Caritas Ambrosiana nel campo di Lipa e in Bosnia e sulle politiche migratore dell'Unione Europea. Iscriviti gratuitamente...

14/02/2021
Iniziative

Dalla zona di Varese sulla pace

Iniziativa di ACR, Caritas e Pastorale familiare della Zona II: ogni giorno un video di tre minuti con uno stralcio del testo, domande e riflessioni

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Lavoro a rischio per tutti. Le risorse non vanno sprecate

L’altro giorno mi è capitato di parlare con una giovane imprenditrice e mamma. La sua azienda (un’impresa individuale con qualche collaboratore occasionale) si occupa di organizzare eventi.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Notizie
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza