Un’agricoltura familiare e sostenibile.

La Via Campesina è il movimento internazionale che riunisce milioni di contadini, agricoltori di piccole e medie dimensioni, le persone senza terra, le donne contadine, indigeni, migranti e lavoratori agricoli di tutto il mondo. Difende la piccola agricoltura sostenibile, come un modo per promuovere la giustizia sociale e la dignità. Si oppone fermamente a un aziendalismo agricolo guidato dalle multinazionali che stanno distruggendo le persone e la natura.

La Via Campesina comprende circa 150 organizzazioni locali e nazionali in 70 paesi di Africa, Asia, Europa e Americhe. Nel complesso rappresenta circa 200 milioni di contadini. Si tratta di un movimento autonomo, pluralista e multiculturale, indipendente da qualsiasi tipo politico, economico o di altro genere di affiliazione.

Un gruppo di rappresentanti degli agricoltori - donne e uomini provenienti dai quattro continenti - ha fondato La Via Campesina nel 1993 a Mons, in Belgio. Allora le politiche agricole e l'industria agro-alimentare stavano diventando globalizzate e piccoli contadini senza terra, agricoltori, donne e giovani hanno deciso di organizzarsi.

La Via Campesina è ormai considerato un attore importante nei dibattiti sui temi agro-alimentari. E' ascoltato da istituzioni come la FAO e le Nazioni Unite, dal Consiglio dei diritti dell'uomo, ed è ampiamente riconosciuto, tra gli altri movimenti sociali, sia a livello locale sia a livello globale.
Il movimento si fonda su un forte senso di unità e di solidarietà tra i produttori agricoli di piccole e medie dimensioni del Nord e del Sud del mondo. L'obiettivo principale è quello di realizzare la sovranità alimentare e di fermare gli effetti distruttivi delle politiche neoliberiste. Si basa inoltre sulla convinzione che i piccoli agricoltori, tra cui contadini pescatori, pastori e popoli indigeni, che costituiscono quasi la metà della popolazione mondiale, sono in grado di produrre cibo per le loro comunità e di nutrire il mondo in modo sano e sostenibile.

Le donne svolgono un ruolo cruciale nel lavoro della Via Campesina. Secondo la FAO, le donne producono il 70% del cibo sulla terra, ma sono emarginate e oppresse da politiche neoliberiste e patriarcato. Il movimento difende i diritti delle donne e dell'uguaglianza di genere a tutti i livelli. E lotta contro tutte le forme di violenza contro le donne.
Via Campesina ha lanciato l'idea di "sovranità alimentare" in occasione del Vertice mondiale sull'alimentazione del 1996. Questa idea è ora diventata un obiettivo globale condiviso da una grande varietà di settori sociali, come i poveri delle città, i gruppi ambientalisti e dei consumatori, le associazioni di donne, pescatori, pastori e molte altre.
La sovranità alimentare è il diritto dei popoli ad alimenti sani e culturalmente appropriati prodotti con metodi sostenibili e il diritto di definire il proprio cibo e i propri sistemi agricoli. Si sviluppa attraverso un modello di piccole comunità che beneficiano di produzioni su scala sostenibile e nel loro ambiente più naturale. Mette i bisogni, le aspirazioni e il sostentamento di coloro che producono, distribuiscono e consumano alimenti nel cuore dei sistemi alimentari e delle politiche piuttosto che le esigenze dei mercati.
La sovranità alimentare ha come priorità la produzione alimentare locale e di consumo. Dà a un paese il diritto di proteggere i suoi produttori locali da importazioni a basso costo e la possibilità di controllare la produzione. Assicura che i diritti di utilizzo e gestione di terre, territori, acqua, sementi, bestiame e la tutela della biodiversità siano nelle mani di chi produce il cibo e non delle imprese. Pertanto l'attuazione di una vera riforma agraria è una delle priorità del movimento degli agricoltori.
La sovranità alimentare appare come una delle risposte più potenti per l'attuale emergenza del cibo, della povertà e della crisi climatica.

Via Campesina è un movimento popolare di massa la cui vitalità e legittimità provengono da organizzazioni agricole a livello locale e nazionale. Il movimento si basa sul decentramento di potere tra 9 regioni. Il coordinamento tra le regioni è attuato dal Comitato Internazionale di Coordinamento composto da una donna e un uomo per ogni regione, eletti dalle organizzazioni membri delle rispettive aree. Il segretariato internazionale ruota in base alla decisione collettiva fatta ogni quattro anni dalla Conferenza Internazionale. La prima volta è stato in Belgio (1993-1996), poi in Honduras (1997-2004) e ha attualmente sede in Indonesia fino al 2013.
Il movimento è finanziato dai contributi dei suoi membri, da donazioni private e dal sostegno finanziario di alcune ONG, fondazioni e autorità locali e nazionali.
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
01/07/2020
Iniziative

La cultura della cura. L'emergenza aiuta le emergenze?

Mercoledì 1/7 - ore 18.00 - Diretta streaming Youtube e Facebook. Scopri come vedere la diretta e leggi il programma

29/06/2020
Iniziative

Finestre sul mondo

Ciclo di 4 incontri online aperto ai giovani. Ultimo appuntamento su Haiti insieme a Chiara e a padre Elder

17/06/2020
Iniziative

La cultura della cura. Distanziamento fisico - Prossimità sociale

Mercoledì 17/6 - ore 18.00 - Diretta streaming Youtube e Facebook. Scopri come vedere la diretta e leggi il programma

08/06/2020
Iniziative

La cultura della cura. Stare nell'incertezza

Lunedì 8/6 - ore 18.00 - Diretta streaming Youtube e Facebook. Scopri come vedere la diretta e leggi il programma

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Riapre la lombardia. Equilibri sociali precari

I lombardi, in generale, e naturalmente anche quelli che si dedicano al volontariato sono orgogliosi della loro capacità di fare.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
America Latina e Caraibi
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno.