Un’agricoltura familiare e sostenibile.

La Via Campesina è il movimento internazionale che riunisce milioni di contadini, agricoltori di piccole e medie dimensioni, le persone senza terra, le donne contadine, indigeni, migranti e lavoratori agricoli di tutto il mondo. Difende la piccola agricoltura sostenibile, come un modo per promuovere la giustizia sociale e la dignità. Si oppone fermamente a un aziendalismo agricolo guidato dalle multinazionali che stanno distruggendo le persone e la natura.

La Via Campesina comprende circa 150 organizzazioni locali e nazionali in 70 paesi di Africa, Asia, Europa e Americhe. Nel complesso rappresenta circa 200 milioni di contadini. Si tratta di un movimento autonomo, pluralista e multiculturale, indipendente da qualsiasi tipo politico, economico o di altro genere di affiliazione.

Un gruppo di rappresentanti degli agricoltori - donne e uomini provenienti dai quattro continenti - ha fondato La Via Campesina nel 1993 a Mons, in Belgio. Allora le politiche agricole e l'industria agro-alimentare stavano diventando globalizzate e piccoli contadini senza terra, agricoltori, donne e giovani hanno deciso di organizzarsi.

La Via Campesina è ormai considerato un attore importante nei dibattiti sui temi agro-alimentari. E' ascoltato da istituzioni come la FAO e le Nazioni Unite, dal Consiglio dei diritti dell'uomo, ed è ampiamente riconosciuto, tra gli altri movimenti sociali, sia a livello locale sia a livello globale.
Il movimento si fonda su un forte senso di unità e di solidarietà tra i produttori agricoli di piccole e medie dimensioni del Nord e del Sud del mondo. L'obiettivo principale è quello di realizzare la sovranità alimentare e di fermare gli effetti distruttivi delle politiche neoliberiste. Si basa inoltre sulla convinzione che i piccoli agricoltori, tra cui contadini pescatori, pastori e popoli indigeni, che costituiscono quasi la metà della popolazione mondiale, sono in grado di produrre cibo per le loro comunità e di nutrire il mondo in modo sano e sostenibile.

Le donne svolgono un ruolo cruciale nel lavoro della Via Campesina. Secondo la FAO, le donne producono il 70% del cibo sulla terra, ma sono emarginate e oppresse da politiche neoliberiste e patriarcato. Il movimento difende i diritti delle donne e dell'uguaglianza di genere a tutti i livelli. E lotta contro tutte le forme di violenza contro le donne.
Via Campesina ha lanciato l'idea di "sovranità alimentare" in occasione del Vertice mondiale sull'alimentazione del 1996. Questa idea è ora diventata un obiettivo globale condiviso da una grande varietà di settori sociali, come i poveri delle città, i gruppi ambientalisti e dei consumatori, le associazioni di donne, pescatori, pastori e molte altre.
La sovranità alimentare è il diritto dei popoli ad alimenti sani e culturalmente appropriati prodotti con metodi sostenibili e il diritto di definire il proprio cibo e i propri sistemi agricoli. Si sviluppa attraverso un modello di piccole comunità che beneficiano di produzioni su scala sostenibile e nel loro ambiente più naturale. Mette i bisogni, le aspirazioni e il sostentamento di coloro che producono, distribuiscono e consumano alimenti nel cuore dei sistemi alimentari e delle politiche piuttosto che le esigenze dei mercati.
La sovranità alimentare ha come priorità la produzione alimentare locale e di consumo. Dà a un paese il diritto di proteggere i suoi produttori locali da importazioni a basso costo e la possibilità di controllare la produzione. Assicura che i diritti di utilizzo e gestione di terre, territori, acqua, sementi, bestiame e la tutela della biodiversità siano nelle mani di chi produce il cibo e non delle imprese. Pertanto l'attuazione di una vera riforma agraria è una delle priorità del movimento degli agricoltori.
La sovranità alimentare appare come una delle risposte più potenti per l'attuale emergenza del cibo, della povertà e della crisi climatica.

Via Campesina è un movimento popolare di massa la cui vitalità e legittimità provengono da organizzazioni agricole a livello locale e nazionale. Il movimento si basa sul decentramento di potere tra 9 regioni. Il coordinamento tra le regioni è attuato dal Comitato Internazionale di Coordinamento composto da una donna e un uomo per ogni regione, eletti dalle organizzazioni membri delle rispettive aree. Il segretariato internazionale ruota in base alla decisione collettiva fatta ogni quattro anni dalla Conferenza Internazionale. La prima volta è stato in Belgio (1993-1996), poi in Honduras (1997-2004) e ha attualmente sede in Indonesia fino al 2013.
Il movimento è finanziato dai contributi dei suoi membri, da donazioni private e dal sostegno finanziario di alcune ONG, fondazioni e autorità locali e nazionali.
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
11/03/2021
Convegni

Una comunità a misura di...ogni persona

Il webinar si terrà giovedì 11 marzo, dalle 20.45 alle 22.45

01/03/2021   Iniziative

Perché maltratto. Le situazioni di crisi: causa o effetto?

La situazione che stiamo vivendo da circa un anno, dovuta all'emergenza sanitaria, suscita un interrogativo: per quale motivo in momenti di particolare difficoltà e crisi molti uomini riversano sofferenza e frustrazione sulle donne? E quali possono essere gli interventi possibili in termini di prevenzione e contrasto a questo meccanismo spesso poco indagato?

18/02/2021
Convegni

L'Europa si è fermata a Lipa - Webinar

Giovedì 18 febbraio dalle ore 20.45 diretta Youtube sulla situazione dei migranti nel campo di Lipa, sulla condizione dei profughi in Bosnia, sulle attività di emergenza di Caritas Ambrosiana nel campo di Lipa e in Bosnia e sulle politiche migratore dell'Unione Europea. Iscriviti gratuitamente...

14/02/2021
Iniziative

Dalla zona di Varese sulla pace

Iniziativa di ACR, Caritas e Pastorale familiare della Zona II: ogni giorno un video di tre minuti con uno stralcio del testo, domande e riflessioni

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Lavoro a rischio per tutti. Le risorse non vanno sprecate

L’altro giorno mi è capitato di parlare con una giovane imprenditrice e mamma. La sua azienda (un’impresa individuale con qualche collaboratore occasionale) si occupa di organizzare eventi.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Notizie
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza