Emergenza Profughi nei Balcani


La rotta balcanica è ufficialmente chiusa dal marzo 2016 da quando l'accordo tra Ue e Turchia è entrato in vigore; in realtà nel corso del 2018, più di 60 mila migranti sono stati registrati dalle autorità dei paesi dei Balcani occidentali. Si tratta di famiglie in fuga da guerre e violenze nei loro paesi d'origine: Siria, Afghanistan e Pakistan; che si dirigono verso la frontiera con la Croazia per cercare di attraversare i confini con l'Unione Europea

La sorveglianza dei confini e la brutalità della polizia ungherese contro i migranti hanno spalancato le porte ad una nuova rotta attraverso i Balcani, che attraversa Albania, Montenegro e Bosnia. E così il commercio clandestino di essere umani ha raggiunto anche la Bosnia. Qui i rifugiati pagano i contrabbandieri per il passaggio in Croazia o in Slovenia, altri tentano di attraversare il confine su camion o treni. La maggior parte ancora cerca di entrare in territorio croato a piedi. Per questo la polizia ha intensificato i controlli lungo le frontiere e quotidianamente i migranti vengono respinti con violenza dalle forze dell'ordine. Sono decine le testimonianze di maltrattamenti che registriamo, a questi si aggiungono i pericoli legati all’attraversamento delle zone minate risalenti alle guerre degli anni ‘90. Le condizioni fisiche e psicologiche dei migranti peggiorano velocemente ed i rischi di scontri con le comunità locali aumentano.

Anche negli ultimi invernali la rotta è rimasta aperta e percorsa, nonostante le rigide temperature e l'abbondante neve caduta. Si sono registrati molti casi con principi di assideramento per gruppi di migranti che si erano persi lungo le montagne al confine con la Croazia, e pultroppo con la registrazione di alcuni decessi.

Ad oggi le condizioni di viaggio rimangono estremamente precarie e i Paesi balcanici non sono preparati ad affrontare l’accoglienza di un numero così elevato di persone: intere famiglie con bambini dormono all’aperto, senza accesso ai servizi più basilari come acqua potabile, bagni, docce.

 

Rotta Balcanica all’Inverso
 
Le condizioni di vita sono tali da spingere i migranti da tempo a Bihać a tornare indietro lungo la rotta balcanica. Un fenomeno che abbiamo notato in parte in Serbia, ove Ipsia- Acli gestisce, insieme a Caritas, alcuni campi di accoglienza: persone migrate in Bosnia mesi fa stanno ora ritornando, anche perché le condizioni di vita nei campi di Serbia sono migliori, specie in considerazione dell’arrivo dell’inverno.
I campi organizzati a Bihać sono ora al pieno delle loro capacità. Tuttavia, in alcune strutture, ad esempio l’ex studentato “Borići”, ci sarebbe ancora qualche spazio per poter realizzare allacciamenti di acqua ed energia elettrica  in modo da accogliere altre persone in container abitativi. Il “Borici” ha ora 400 posti, tutti occupati, ma potrebbe ospitarne altre 150 persone in container. Il Cantone Una-Sana non ha concesso a IOM l’autorizzazione. La politica cantonale è dunque di mantenere i numeri concordati all’apertura dei campi e di non andare assolutamente oltre.
 

Tensioni Crescenti
 
Ciò che sta pericolosamente provocando momenti accesi di protesta e incidenti tra migranti e forze di sicurezze è l’ordinanza con cui il Cantone ha decretato la restrizione della libertà di movimento delle persone, pur regolarmente registrate. Ciò significa che i migranti non possono più uscire liberamente dai campi IOM. Ora devono mettersi in fila, con lunghe attese, passare i controlli, per ottenere semplicemente il permesso di andare a fare la spesa al supermercato. Accade che in alcuni momenti la fila sia lunghissima e le attese estenuanti o che la security neghi loro l’uscita. Così i migranti si sentono letteralmente in prigione. Sempre a Bihać, al campo IOM denominato “Sedra”, adibito all’accoglienza di nuclei familiari, è accaduto che sia stato impedito persino di andarsene (e dunque di tentare il “game”). I migranti non capiscono. Dicono: “Non ci vogliono qui, ma allo stesso tempo non ci fanno andare via”. La situazione è dominata dal caos, mal organizzata, contraddittoria.
 

Esodi Famigliari
 
Ci sono uomini spostati da un campo all’altro singolarmente, senza il resto della famiglia, per liberare stanze precedentemente occupate con l’intero nucleo. Il disagio di queste persone è grande! Stiamo costatando che, da metà agosto ad oggi, è aumentato il flusso di famiglie lungo l’intera  rotta balcanica, in Macedonia, in Serbia e in Grecia. Le famiglie ora risultano essere in maggioranza di provenienza afgana, siriana e irachena. Ciò evidentemente significa che sta avvenendo uno spostamento importante dalla Turchia verso i Balcani, lungo una rotta già intensamente percorsa da famiglie e da minori non accompagnati. Tra il 2018 e il 2019 il flusso si era assestato: mentre dall’estate scorsa, cioè da quando sono ripresi copiosi gli sbarchi tra la Turchia e la Grecia, si è fatto ben più evidente un effetto a cascata sui Paesi più a nord nella rotta balcanica.
Abbiamo realizzato osservazioni nella zona di Lohovo, a sud di Bihać , a pochi chilometri dal confine, sulla riva ovest del fiume Una, ossia nella zona di intensi azioni di respingimento dalla Croazia. Abbiamo, ad esempio, assistito al rientro verso Bihać di un gruppo di sette ragazzi africani respinti dalla polizia croata. Gli è stato portato via tutto, compresi gli zaini. Cogliendo tracce nei boschi della zona, abbiamo trovato conferme delle azioni sistematiche di pushback: custodie e pezzi di cellulari distrutti, insieme a guanti di lattice e mascherine in uso da parte delle forze di polizia (non certo da parte dei migranti in fuga). La presenza della polizia che sbarra, con la forza, la strada verso l’Europa non è dunque certamente diminuita!

Foto di Rocco Rorandelli
 


L'EMERGENZA IN BOSNIA ERZEGOVINA

L'emergenza profughi in Bosnia e Erzegovina rimane molto critica. Le stime parlano di circa 6.000 migranti con capacità ricettive nei campi profughi ancora insufficienti. La situazione di estrema precarietà fa sì che i migranti si accalchino all’addiaccio in strade e parchi durante le ore notturne in cerca di aiuti e riparo. Le scarsissime risorse a disposizione, la mancanza di strutture di accoglienza e di distribuzione del cibo e di beni di prima necessità rende la situazione estremamente precaria.
La zona di Bihac rimane attalmente quella più critica. Le autorità locali in questi mesi sono riuscite a individuare una location per collocare i migranti, è una ex fabbrica abbandonata, di fatto sono enormi capannoni dismessi e fatiscenti dentro cui hanno montato delle tende con letti a castello e dei servizi igenici chimici, per alloggiarte 2.500 persone. Il campo profughi di Bira è in questo momento è in condizioni veramente terribili, sia dal punto di vista igienico-sanitario, sia per la grande tensione all'interno del campo: sovraffollamento e nessuna attività ricreativa proposta alle persone presenti. Alcuni giorni la tensione tra i profughi è espola in tafferugli ed è dovuta intervenire la polizia arrestando più di 50 persone.
 
 
 
L'EMERGENZA IN SERBIA

In Serbia sono attivi 18 campi profughi che accolgono più di 4.500 migranti, qui la situazione umanitaria è certamente migliore rispetto ad altre copagini del contesto Balcanico. Questo perchè la Repubblica Serba è stata coinvolta fin da subito nell'emergenza migratoria iniziata nel 2013. Attualmente i maggiori problemi sono dati dalla graduale riduzione degli interventi nei campi profughi delle principali ONG che stanno comportando un grave peggiormanto della qualità della vita nei campi.
La situazione all'interno dei campi è ferma al giorno i rifugiati hanno lasciato la propria casa. Per i bambini le lezioni a scuola sono interrotte. Nessun adulto può lavorare. Per ora, la maggior parte dei migranti dispone solo di alloggi provvisori che variano da località in località.
Grazie alla collaborazione con Caritas Serbia e Ipsia, Caritas Ambrosiana è presente nel campo profughi di Bogavadja nella zona di Belgrado fin dall'inizio della crisi con programmi di emergenza: attraverso la distribuzione di aiuti umanitari; l'allestimento di strutture per accoglienza diffusa, la creazione di mense per preparare pasti caldi e con attività di tipo psico-sociale seguite da personale qualificato sull’emergenza.  
 
 
Foto di Rocco Rorandelli
 

Sostieni l'Intervento di Caritas Ambrosiana


Caritas Ambrosiana grazie alla collaborazione con Ipsia e il network Caritas è da molto tempo attiva nell’Emergenza Profughi nei Balcani.
 
  • Attraverso la realizzazione di attività orientate a sostenere l'accesso ai servizi educativi e scolastici di base.
  • La formazione degli operatori locali, il supporto economico e l'assistenza attraverso l’invio di volontari.
  • Nell'accoglienza profughi con distribuzione di beni di prima necessità (cibo, acqua e kit sanitari).
  • Nel miglioramento delle condizioni di vita nei campi profughi attraverso la realizzazione di social cafè, postazioni wi-fi e laboratori di animazione dei bambini.
  • Nel coordinamento di attività psico-sociali seguite da personale qualificato sull’emergenza.
  • La fornitura di abiti invernali e scarpe necessari per affrontare le rigide temperature invernali. 
 
 
 

DONA ORA CON CARTA DI CREDITO

 
Oppure

IN POSTA:
C.C.P. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus - Via S.Bernardino 4 - 20122 Milano.
 
CON BONIFICO:
C/C presso il Credito Valtellinese, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT17Y0521601631000000000578 - BIC BPCVIT2S

Dopo aver fatto il bonifico bancario siete pregati di contattarci per l'invio della ricevuta valida ai fini della detraibilità/deducibilità fiscale: offerte@caritasambrosiana.it oppure tel. 02.76037.324
 
Prima di effettuare una donazione leggi la Privacy Policy di Caritas Ambrosiana
 

CAUSALE OFFERTA: Emergenza Profughi nei Balcani
 
Oppure: 
Presso l'Ufficio Raccolta Fondi in Via S. Bernardino, 4 - Milano dal lun. al gio. dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30. Il venerdì dalle 9.30 alle 12.30
Con carta di credito telefonando al numero 02.76.037.324
 
Per qualsiasi informazione scrivici a: offerte@caritasambrosiana.it
 
LE DONAZIONI SONO DETRAIBILI/DEDUCIBILI FISCALMENTE

 
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
17/11/2019
Iniziative

A tavola senza sprechi

Domenica 17 novembre 2019 alle ore 11.30 presso il Refettorio Ambrosiano in Piazza Greco, 11 a Milano in occasione di BookCity 2019

27/11/2019
Convegni

Reti di prossimità con le persone anziane

Il seminario è uno spazio di restituzione dei dati e delle informazioni raccolte nella Zona Pastorale III di Lecco.

29/11/2019
Convegni

CENTRO TERESA GABRIELI STORIE DI CASA. TRENT'ANNI E POI .....

Il Centro Gabrieli, casa alloggio per persone con HIV/AIDS, festeggia i suoi 30 anni di ACCOGLIENZE.

30/11/2019
Convegni

Adolescenti dispersi

Scuole “superiori” e doposcuola tra obbligo e opportunità: convegno doposcuola il 30/11

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Sempre più italiani ai Centri di Ascolto Caritas
“Prima gli italiani” è stato un mantra del recente governo giallo-verde. Ma in realtà lo slogan era in voga ben prima che la coalizione composta dal M5S e dalla Lega di Matteo Salvini .... Leggi qui

IN EVIDENZA
Raccolta indumenti
Sportello Volontariato
Info Volontariato in Caritas Ambrosiana

Scopri come diventare volontario in Caritas Ambrosiana e nelle realtà vicine alla Caritas. Trasformare la tua voglia e la tua energia in servizi utili agli altr ...

Cinque per mille
5 per mille

Codice fiscale: 01704670155 - Sostieni il Rifugio Caritas per persone senza dimora in modo semplice e gratuito. Dona il tuo 5 per mille, scarica il modulo pre-c ...

Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2018 dalla pubblica ammini ...