Il bilancio di Expo: l'edicola Caritas

Con i suoi 250mila visitatori, l’Edicola Caritas è stato il cuore pulsante della Caritas all’Expo, il luogo in cui è stato rappresentato il tema “Dividere per moltiplicare”, l’apparente paradosso, che ispira l’azione di Caritas nel mondo per nutrire coloro che nel pianeta hanno fame.
Al contrario di quanto avvenuto in altri padiglioni, l’Edicola Caritas non ha messo in scena il cibo ma chi il cibo non ce l’ha, attraverso un percorso fatto di più tappe: l’opera Energia di Wolf Vostell, la torre delle monete emblema della iniqua distribuzione delle risorse, le mostre fotografiche della Fondazione Ente dello Spettacolo “Cibo e Cinema” e di Caritas Internationalis sul contributo delle donne per lo sviluppo. Un percorso guidato, grazie all’impegno lungo i sei mesi di 171 volontari e 14 giovani in servizio civile ed infine arricchito da 400 video messaggi in diverse lingue registrati dagli stessi visitatori.
 
La presenza di Caritas in Expo è stata poi caratterizzata da momenti di grande partecipazione. All’inizio, il 19 maggio, il Caritas Day, la grande parata lungo il Decumano dei delegati delle Caritas nazionali provenienti da tutto il mondo, preceduto il giorno prima in piazza Duomo a Milano da un grande spettacolo di arte, cultura e fede “Tutti siete invitati”, che ha portato davanti alla Cattedrale 50mila persone e 1 milione di spettatori per la diretta di Tv2000.
 
Il 4 ottobre, in occasione della festa di San Francesco d’Assisi, la grande tavola di fraternità, la “Mensa dei Popoli” che ha visto pranzare insieme in Expo 3mila persone, oltre la metà delle quali provenienti dalla mense dei poveri di tutta la Lombardia. In mezzo a questi due grandi eventi il palinsesto culturale. 11 convegni con esperti nazionali e internazionali in cui si sono toccati tutti i temi più scottanti: il diritto al cibo, i conflitti dimenticati, le migrazioni forzate, lo sfruttamento del lavoro agricolo, i paradossi del sistema alimentare. E ancora 7 dialoghi-testimonianza sull’eredità di Expo con i protagonisti del dibattito pubblico, ogni venerdì, nei mesi di settembre e ottobre. 
 
Expo è stata poi per Caritas il palcoscenico da cui lanciare proposte a livello internazionale e locale. Dall’aiuto ai piccoli agricoltori responsabili del 70% del cibo che consumiamo, ma minacciati dai cambiamenti climatici, dal land grabbing, dalle speculazioni finanziare; all’introduzione in Italia del Reddito di inclusione sociale come misura strutturale per sconfiggere la povertà.
 
Nel semestre espositivo, Caritas ha poi promosso progetti ed iniziative fuori Expo. Il Refettorio Ambrosiano, ideato da Massimo Bottura e Davide Rampello ha trasformato in 6 mesi 10 tonnellate di eccedenze alimentari provenienti da Expo in 11.800 pasti di qualità offerti quotidianamente a persone fragili inserite nei programmi di accompagnamento di Caritas Ambrosiana. Un lascito di Expo che proseguirà anche dopo il termine dell’Esposizione.
 
In agosto è partita Cena Sospesa: le donazioni dei clienti raccolte nei 28 ristoranti di Milano che hanno aderito all’iniziativa, hanno permesso alla Caritas di distribuire in un mese 1300 buoni pasto da 5 euro a persone impegnate in corsi di riqualificazione professionale o in tirocini.
 
«Caritas è stata una delle organizzazioni della società civile che per la sua dimensione internazionale ha potuto partecipare ad Expo alla pari di un Paese, dunque con un proprio spazio autonomo sul Decumano. Nella storia delle esposizione è stata la prima volta che è accaduto. E credo che sia stato un vantaggio per tutti – osserva Luciano Gualzetti, vicedirettore di Caritas Ambrosiana -. Noi abbiamo avuto la straordinaria opportunità di far arrivare la voce dei poveri che incontriamo nel mondo e di portare anche fisicamente gli esclusi ad Expo. Il nostro ruolo di coscienza critica, mettendo in luce anche i limiti di Expo, ha fatto bene alla stessa esposizione. Trattare la società civile in modo paritetico, non relegandola in un solo padiglione, penso che sia ciò che ha fatto dell’Expo di Milano un modello per le esposizioni del futuro».
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Numero dedicato donatori 0240703424
EVENTI E INIZIATIVE
12/06/2021
Iniziative

Premio "Reboot - Riavvio"

Sabato 12 giugno alle 11.00 al Giambellino Kerry Kennedy e Luciano Gualzetti consegnano il premio “Reboot-Riavvio”. Presentazione degli sviluppi del progetto “Nessuno resti indietro” per contrastare il digital divide alla luce di un monitoraggio sui doposcuola parrocchiali…

17/06/2021
Convegni

DOPOSCUOLA TRA RESILIENZA E RIPRESA

Caritas Ambrosiana presenta i dati della ricerca sui doposcuola in quest'anno di pandemia

28/06/2021
Iniziative

Scegli da che parte stare

Caritas Ambrosiana, a fianco dell'esperienza ventennale dei Cantieri della Solidarietà in Italia e all'estero, rilancia per il sesto anno, per l'estate 2021, l'iniziativa "Scegli da che parte stare" organizzata dall'associazione Una Casa Anche Per TE (U.C.A.P.TE) con patrocinio del Comune di Cisliano...

05/05/2021
Convegni

“LÌ SONO INSERITI I POVERI, CON LA LORO CULTURA, I LORO PROGETTI E LE ...

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 3° webinar – mercoledì 5 maggio 2021, ore 18.30 – 20.00

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 

Casa: una crisi senza sostegno
Il 30 giugno scade la moratoria sulle esecuzioni immobiliari per la prima casa. Circa 120 mila famiglie vivranno un momento tragico

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Numero dedicato donatori
Vuoi fare del bene? Chiamaci...

02.40703424 è il nuovo numero da chiamare per sapere come fare del bene... meglio! Chiama il nostro numero dedicato ai donatori Caritas, riceverai tutte le info ...

Progetti in evidenza
La nostra offerta
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...