Ebola: aggiornamento sugli interventi effettuati


Nel 2014 la Guinea è salita agli onori della cronaca per la diffusione del virus Ebola, una febbre emorragica, che colpisce il sistema nervoso e per cui non esiste vaccino. A partire dall’ottobre 2014, per tre mesi, il Paese ha registrato centinaia di nuovi casi ogni settimana e il virus ha cominciato a diffondersi dalle zone rurali alle città, capitale compresa, dove la concentrazione di abitanti è molto elevata. L’epidemia ha duramente colpito il Paese, costringendo l’allora presidente Alpha Conde a dichiarare l’emergenza sanitaria e a introdurre misure severe per limitare la diffusione del virus, come la chiusura delle frontiere, il divieto del trasporto dei cadaveri, l’ospedalizzazione forzata di tutti coloro che presentavano i sintomi. L’emergenza è rientrata a fine 2014, ma si sono avuti ritardi nelle produzioni; il settore che ne ha risentito di più è stato quello agricolo, dove molti coltivatori sono deceduti o sono rimasti segnati dalla malattia. Purtroppo, nel marzo 2016, un nuovo focolare è stato individuato, provocando migliaia di ricoveri, e rallentando la produzione agricola.


Caritas Guinea ha deciso di intervenire in favore di chi è sopravvissuto, lanciando un progetto rivolto a chiunque sia stato colpito direttamente o indirettamente, per la perdita di qualche familiare. L’intervento riguarda i settori agricolo e ittico, dato il clima mite e le abbondanti risorse naturali del Paese, dove la maggioranza della popolazione è tuttora impiegata. Le aree a disposizione molto vaste e, fortunatamente, dispongono di grande abbondanza d’acqua dolce vicino ai villaggi coinvolti.


Sono stati selezionati 6479 beneficiari fra gli adulti e i giovani delle diocesi di Kankan, N'Zérékoré e Conakry, che si sono riuniti in reti e comunità per il lavoro delle aree loro assegnate. Dopo un’iniziale formazione, agli agricoltori sono stati forniti gli attrezzi agricoli e i primi animali e semi per iniziare la coltivazione; si è proceduto alle operazioni di bonifica dei terreni e alla costruzione degli stagni che potessero ospitare i pesci.


La scelta dell’allevamento ittico è legata ai minori costi di produzione, alle possibilità di vendita e al maggior prezzo di vendita del pesce d’acqua dolce rispetto a quello d’acqua salata. Si è poi deciso di affiancare a questa produzione quella del riso, alimento base nella dieta guineana, adatto al clima e con una coltivazione più rispettosa delle risorse del terreno, che necessita di minor uso di agenti chimici. Delle aree selezionate, ben 46 ettari sono stati destinati a coltivazioni riso-piscicole, mentre 20 ettari sono stati destinati alla produzione orticola, 10 alla produzione di piante officinali e 2 per quella di anguria, per rispondere alle esigenze di quel gruppo di beneficiari.
Attualmente sono state prodotte 140 tonnellate di riso e 70,5 tonnellate di pesce, superando di gran lunga le aspettative, mentre ancora si attendono i risultati della coltivazione di ortaggi e piante officinali.
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
13/05/2021
Iniziative

Infocantieri 13 maggio

Arrivano i Cantieri 2021!! Ve li presenteremo giovedì 13 maggio ore 20.45 in un incontro online. Scopri come partecipare

05/05/2021
Convegni

“LÌ SONO INSERITI I POVERI, CON LA LORO CULTURA, I LORO PROGETTI E LE ...

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 3° webinar – mercoledì 5 maggio 2021, ore 18.30 – 20.00

28/04/2021
Convegni

TRA ASSISTENZA E ATTIVAZIONE: CONFRONTO TRA ESPERIENZE GENERATIVE

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 2° webinar – mercoledì 28 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00. Vedi la diretta su Youtube...

22/04/2021
Iniziative

Giornate di eremo - Al primo posto c’è l’amore

Giovedì 22 aprile h. 18.30 - Al primo posto c’è l’amore - I Cor 13, 1-13 a cura di don Matteo Rivolta - Responsabile Caritas Zona Pastorale di Varese. Iscriviti gratuitamente all'evento in diretta Youtube sul canale di Caritas Ambrosiana

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Cibo, buttiamo di più mentre altri non mangiano

A causa dello smart working e più ancora delle limitazioni anti Covid che hanno colpito in modo particolare il settore, bar e ristoranti acquistano una minore quantità di cibo.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...