Ebola: aggiornamento sugli interventi effettuati


Nel 2014 la Guinea è salita agli onori della cronaca per la diffusione del virus Ebola, una febbre emorragica, che colpisce il sistema nervoso e per cui non esiste vaccino. A partire dall’ottobre 2014, per tre mesi, il Paese ha registrato centinaia di nuovi casi ogni settimana e il virus ha cominciato a diffondersi dalle zone rurali alle città, capitale compresa, dove la concentrazione di abitanti è molto elevata. L’epidemia ha duramente colpito il Paese, costringendo l’allora presidente Alpha Conde a dichiarare l’emergenza sanitaria e a introdurre misure severe per limitare la diffusione del virus, come la chiusura delle frontiere, il divieto del trasporto dei cadaveri, l’ospedalizzazione forzata di tutti coloro che presentavano i sintomi. L’emergenza è rientrata a fine 2014, ma si sono avuti ritardi nelle produzioni; il settore che ne ha risentito di più è stato quello agricolo, dove molti coltivatori sono deceduti o sono rimasti segnati dalla malattia. Purtroppo, nel marzo 2016, un nuovo focolare è stato individuato, provocando migliaia di ricoveri, e rallentando la produzione agricola.


Caritas Guinea ha deciso di intervenire in favore di chi è sopravvissuto, lanciando un progetto rivolto a chiunque sia stato colpito direttamente o indirettamente, per la perdita di qualche familiare. L’intervento riguarda i settori agricolo e ittico, dato il clima mite e le abbondanti risorse naturali del Paese, dove la maggioranza della popolazione è tuttora impiegata. Le aree a disposizione molto vaste e, fortunatamente, dispongono di grande abbondanza d’acqua dolce vicino ai villaggi coinvolti.


Sono stati selezionati 6479 beneficiari fra gli adulti e i giovani delle diocesi di Kankan, N'Zérékoré e Conakry, che si sono riuniti in reti e comunità per il lavoro delle aree loro assegnate. Dopo un’iniziale formazione, agli agricoltori sono stati forniti gli attrezzi agricoli e i primi animali e semi per iniziare la coltivazione; si è proceduto alle operazioni di bonifica dei terreni e alla costruzione degli stagni che potessero ospitare i pesci.


La scelta dell’allevamento ittico è legata ai minori costi di produzione, alle possibilità di vendita e al maggior prezzo di vendita del pesce d’acqua dolce rispetto a quello d’acqua salata. Si è poi deciso di affiancare a questa produzione quella del riso, alimento base nella dieta guineana, adatto al clima e con una coltivazione più rispettosa delle risorse del terreno, che necessita di minor uso di agenti chimici. Delle aree selezionate, ben 46 ettari sono stati destinati a coltivazioni riso-piscicole, mentre 20 ettari sono stati destinati alla produzione orticola, 10 alla produzione di piante officinali e 2 per quella di anguria, per rispondere alle esigenze di quel gruppo di beneficiari.
Attualmente sono state prodotte 140 tonnellate di riso e 70,5 tonnellate di pesce, superando di gran lunga le aspettative, mentre ancora si attendono i risultati della coltivazione di ortaggi e piante officinali.
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
11/03/2021
Convegni

Una comunità a misura di...ogni persona

Il webinar si terrà giovedì 11 marzo, dalle 20.45 alle 22.45

01/03/2021   Iniziative

Perché maltratto. Le situazioni di crisi: causa o effetto?

La situazione che stiamo vivendo da circa un anno, dovuta all'emergenza sanitaria, suscita un interrogativo: per quale motivo in momenti di particolare difficoltà e crisi molti uomini riversano sofferenza e frustrazione sulle donne? E quali possono essere gli interventi possibili in termini di prevenzione e contrasto a questo meccanismo spesso poco indagato?

18/02/2021
Convegni

L'Europa si è fermata a Lipa - Webinar

Giovedì 18 febbraio dalle ore 20.45 diretta Youtube sulla situazione dei migranti nel campo di Lipa, sulla condizione dei profughi in Bosnia, sulle attività di emergenza di Caritas Ambrosiana nel campo di Lipa e in Bosnia e sulle politiche migratore dell'Unione Europea. Iscriviti gratuitamente...

14/02/2021
Iniziative

Dalla zona di Varese sulla pace

Iniziativa di ACR, Caritas e Pastorale familiare della Zona II: ogni giorno un video di tre minuti con uno stralcio del testo, domande e riflessioni

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
I nuovi poveri. La gente della zona rossa

Nel corso del 2020, le misure assunte per rallentare la corsa del Coronavirus hanno avuto uno spiacevole effetto collaterale

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Notizie
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza