Gli interventi ad 1 anno dal ciclone Idai


Nel mese di marzo 2019 una vasta area tra Mozambico, Zimbabwe e Malawi veniva colpita da un forte ciclone denominato Idai. Si tratta di uno dei cicloni più violenti degli ultimi 20 anni in tutto l’emisfero meridionale, con una velocità del vento di 180-220 km all’ora, seguito alcuni giorni dopo da un secondo uragano – Kenneth, della stessa intensità. Le devastanti perturbazioni sono state precedute e seguite da forti piogge torrenziali che hanno causato vaste alluvioni e ingenti danni all’agricoltura.


Il ciclone ha colpito più di 2,5 milioni di persone, tra cui oltre 1.000 vittime, 2.000 feriti e 600.000 sfollati. Sono state distrutte 270.000 abitazioni e danneggiati centinaia di migliaia di ettari di coltivazioni - in aree con già alti tassi di povertà e una forte insicurezza alimentare – oltre ad altre strutture di primaria importanza come scuole, ospedali e fonti di approvvigionamento idrico.
Sin dall’inizio della catastrofe la rete Caritas, in collaborazione con diversi organismi, ha attivato diversi interventi nei tre paesi coinvolti con lo scopo di sopperire a esigenze primarie urgenti delle popolazioni colpite.


Caritas Ambrosiana ha risposto all’appello di emergenza contribuendo ad attivare i primi interventi d’urgenza.
In particolare in Mozambico, il paese più colpito dal ciclone, è stato lanciato in collaborazione con Caritas Mozambicana un piano di aiuti d’urgenza in quattro province che hanno subìto maggiori danni - Sofola, Manica, Zambézia, Capo Delgado. L’obiettivo dell’intervento è stato quello di fornire alla popolazione colpita assistenza alimentare, materiale igienico sanitario e alloggi.
Oltre 11.000 famiglie hanno beneficiato di aiuti d’urgenza. Tra queste, 10.000 hanno ricevuto kit alimentari, oltre 5.000 hanno ottenuto utensili per la cucina, mentre le famiglie che avevano ancora la possibilità di coltivare - circa 2.000 - hanno beneficiato anche di sementi e strumenti da lavoro.












A 3.000 famiglie ospitate nei centri di accoglienza sono stati distribuiti purificatori di acqua potabile e materiale igienico sanitario. Altri 7.600 nuclei famigliari cui abitazioni sono state distrutte dal ciclone hanno ricevuto materiale utile per realizzare dei temporanei ripari d’urgenza, come teloni di plastica, attrezzi, coperte e zanzariere.



newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
11/03/2021
Convegni

Una comunità a misura di...ogni persona

Il webinar si terrà giovedì 11 marzo, dalle 20.45 alle 22.45

01/03/2021   Iniziative

Perché maltratto. Le situazioni di crisi: causa o effetto?

La situazione che stiamo vivendo da circa un anno, dovuta all'emergenza sanitaria, suscita un interrogativo: per quale motivo in momenti di particolare difficoltà e crisi molti uomini riversano sofferenza e frustrazione sulle donne? E quali possono essere gli interventi possibili in termini di prevenzione e contrasto a questo meccanismo spesso poco indagato?

18/02/2021
Convegni

L'Europa si è fermata a Lipa - Webinar

Giovedì 18 febbraio dalle ore 20.45 diretta Youtube sulla situazione dei migranti nel campo di Lipa, sulla condizione dei profughi in Bosnia, sulle attività di emergenza di Caritas Ambrosiana nel campo di Lipa e in Bosnia e sulle politiche migratore dell'Unione Europea. Iscriviti gratuitamente...

14/02/2021
Iniziative

Dalla zona di Varese sulla pace

Iniziativa di ACR, Caritas e Pastorale familiare della Zona II: ogni giorno un video di tre minuti con uno stralcio del testo, domande e riflessioni

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
I nuovi poveri. La gente della zona rossa

Nel corso del 2020, le misure assunte per rallentare la corsa del Coronavirus hanno avuto uno spiacevole effetto collaterale

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Notizie
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza