Gli interventi ad 1 anno dal ciclone Idai


Nel mese di marzo 2019 una vasta area tra Mozambico, Zimbabwe e Malawi veniva colpita da un forte ciclone denominato Idai. Si tratta di uno dei cicloni più violenti degli ultimi 20 anni in tutto l’emisfero meridionale, con una velocità del vento di 180-220 km all’ora, seguito alcuni giorni dopo da un secondo uragano – Kenneth, della stessa intensità. Le devastanti perturbazioni sono state precedute e seguite da forti piogge torrenziali che hanno causato vaste alluvioni e ingenti danni all’agricoltura.


Il ciclone ha colpito più di 2,5 milioni di persone, tra cui oltre 1.000 vittime, 2.000 feriti e 600.000 sfollati. Sono state distrutte 270.000 abitazioni e danneggiati centinaia di migliaia di ettari di coltivazioni - in aree con già alti tassi di povertà e una forte insicurezza alimentare – oltre ad altre strutture di primaria importanza come scuole, ospedali e fonti di approvvigionamento idrico.
Sin dall’inizio della catastrofe la rete Caritas, in collaborazione con diversi organismi, ha attivato diversi interventi nei tre paesi coinvolti con lo scopo di sopperire a esigenze primarie urgenti delle popolazioni colpite.


Caritas Ambrosiana ha risposto all’appello di emergenza contribuendo ad attivare i primi interventi d’urgenza.
In particolare in Mozambico, il paese più colpito dal ciclone, è stato lanciato in collaborazione con Caritas Mozambicana un piano di aiuti d’urgenza in quattro province che hanno subìto maggiori danni - Sofola, Manica, Zambézia, Capo Delgado. L’obiettivo dell’intervento è stato quello di fornire alla popolazione colpita assistenza alimentare, materiale igienico sanitario e alloggi.
Oltre 11.000 famiglie hanno beneficiato di aiuti d’urgenza. Tra queste, 10.000 hanno ricevuto kit alimentari, oltre 5.000 hanno ottenuto utensili per la cucina, mentre le famiglie che avevano ancora la possibilità di coltivare - circa 2.000 - hanno beneficiato anche di sementi e strumenti da lavoro.












A 3.000 famiglie ospitate nei centri di accoglienza sono stati distribuiti purificatori di acqua potabile e materiale igienico sanitario. Altri 7.600 nuclei famigliari cui abitazioni sono state distrutte dal ciclone hanno ricevuto materiale utile per realizzare dei temporanei ripari d’urgenza, come teloni di plastica, attrezzi, coperte e zanzariere.



newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
23/09/2020
Iniziative

INFO VOLONTARIATO

Mercoledì 23 settembre

25/09/2020
Convegni

La Rotta Balcanica, dentro o fuori l'Europa?

Venerdì 25 Settembre dalle ore 10.00 - Diretta Youtube e Facebook L’obiettivo è infatti far conoscere la via che i richiedenti asilo che fuggono da persecuzioni e conflitti del medio oriente devono percorrere dai confini greco-turchi per giungere in Europa. Si tratta di una via pericolosa e impervia, fatta di attraversamenti di paesi, sia dell’Unione europea che esterni all’Unione. Ne parleranno dei rappresentanti delle Istituzioni europee e due europarlamentari...

30/09/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Non si può vivere sani in un pianeta malato - Mercoledì 30 Settembre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

21/10/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Lavoro dignitoso e imprese sociali - Mercoledì 21 Ottobre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Debiti e usura. Il coronavirus li fa crescere

La legge sul sovra-indebitamento ha dato sino ad ora esiti molto modesti. A dimostrarlo sono i risultati delle fondazioni antiusura.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
America Latina e Caraibi
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno.