Cibo per tutti... anche a Katako

Febbraio 2015: da 8 mesi è iniziato il progetto “Rilancio del Centro Agro-pastorale di Katako”, a 7 km da Kindu in Repubblica democratica del Congo, ed è ora di primi bilanci.
Katako è un villaggio senza acqua corrente, energia elettrica né strade asfaltate. Qui sorge il centro agro-pastorale Sant'Isodoro: 100 ettari di terreno dall'enorme potenziale che finora era rimasto inespresso.
In questi mesi abbiamo agito su vari fronti: miglioramento delle strutture, accesso all'acqua, coinvolgimento della comunità e rilancio delle attività agro-pastorali. Tutte attività volte a garantire alla diocesi di Kindu (con cui Caritas Ambrosiana collabora da circa 5 anni) la possibilità di svolgere la propria missione di sostegno alla comunità.
 
I primi passi, dunque, sono stati la riabilitazione di un vecchio pozzo, e la potabilizzazione di una sorgente situata sul terreno del centro in fondo ad un piccolo avvallamento. Il pozzo, profondo 20 metri, è stato munito di una pompa manuale, mentre per facilitare l'accesso alla sorgente abbiamo costruito una scalinata che facilita il passaggio in quei punti dove il sentiero è troppo ripido, soprattutto quando si porta un secchio di 15 litri d'acqua sulla testa. A fine Agosto entrambe le opere erano terminate, così da garantire alle 3000 persone che abitano la zona circostante Sant'Isodoro, due nuovi punti di accesso all'acqua potabile: un bel via vai di secchi e taniche!

katako acqua
 
Durante gli stessi mesi, insieme alla Caritas di Kindu, un vecchio rudere è stato ristrutturato e adattato ad ospitare 50 maiali, raddoppiando la capacità del centro che ne ospitava già 50. Ad oggi abbiamo 83 suini, e  molti sono stati venduti oppure donati a qualche famiglia bisognosa.
A fianco dell'allevamento suino c'è quello bovino, che richiede tempo e pazienza affinché gli animali si adattino al clima tropicale della zona. Ogni settimana un veterinario le visita e cura, e speriamo che inizino presto a produrre latte in maniera costante. A breve, inoltre, vorremmo incominciare la costruzione di un pollaio che possa ospitare un centinaio di volatili.

katako allevamento maiali
 
Un ulteriore passo in avanti è stato lo sviluppo di colture differenziate come melanzane, pomodori, cavoli, carote: verdure poco presenti nel paniere locale (fatto al 90% di manioca), al fine di venderle e farle conoscere alla comunità, la cui dieta è molto povera.
In questo percorso si inseriscono dei corsi di formazione per ragazze madri, che portiamo avanti insieme alle suore Figlie della Resurrezione. Nei villaggi di quest'area del Congo le bambine raramente vanno a scuola, la parità di genere non esiste e la poligamia é molto diffusa: è così che molte ragazze di 13-14 anni sono già madri.
 
Sabato 21 Febbraio c'è stato il primo incontro tra 17 di queste ragazze (possiamo riceverne fino a 30), un agronomo esperto di formazione (Raphaël) e le suore. Tra risate e pianti di bambini venuti al seguito delle madri, il corso è iniziato e si prefigge di creare un primo gruppo di giovani donne autonome, capaci di portare in famiglia un miglioramento  sia economico che nutrizionale.
 
Durante questo primo incontro con loro, per dimostrare l'importanza del corso, Raphaël chiede alle giovani madri cosa abbiano mangiato negli ultimi giorni, e la risposta, unanime e prevedibile è: “fou-fou na sombe, kila siku” (“polenta di manioca e spinaci di manioca, ogni giorno”).
Così si crea un po' di imbarazzo quando alla fine, prendendo coraggio, una delle ragazze chiede: “E voi, cosa mangiate?”. Il solo fatto di aver mangiato cose diverse ogni giorno degli ultimi 3 gli fa strabuzzare gli occhi, e a me in questo caso, stringere lo stomaco.
 
La presenza fissa di Raphaël, insieme al sostegno delle suore Figlie della Resurrezione, permetterà alle ragazze di coltivare ognuna un piccolo terreno, sul quale pianterà carote, melanzane, pomodori, peperoni: tutte verdure assenti dal paniere locale, composto al 90% dalla sola manioca, con conseguenti ricadute in termini di malnutrizione, soprattutto dei bambini.
 
Un passaggio da non sottovalutare sarà quello in cui le suore insegneranno come cucinare le verdure dell’orto. C'è un aneddoto che ci racconta Soeur Jacqueline: “Quando siamo arrivate a lavorare a Katako, abbiamo regalato le prime melanzane che abbiamo raccolto, pensando che sarebbero state apprezzate. In realtà scopriamo che i mariti delle donne a cui le avevamo regalate si sono rifiutati di mangiarle... Bene, sono passati due mesi e devo dire che si sono abituati: adesso dobbiamo stare attente che non ce le vengano a rubare!”
 
Infine abbiamo pensato a come rendere sostenibile tutto questo. Il centro Sant'Isodoro, infatti, è circondato da un grande palmeto che negli anni è stato inglobato nella foresta circostante. Grazie alla mano d'opera locale abbiamo recuperato alla foresta stessa un gran numero di piante, che ci permetteranno nei prossimi mesi di incominciare la produzione e commercializzazione di sapone derivato dall'olio di palma.

katako mucche
 
Il centro agro-pastorale di Katako però, non è solo questo. Vorremmo che fosse il battito di ali di una farfalla da una parte del mondo, che causa un uragano dalla parte opposta: il sogno che condividiamo con le suore Figlie della Resurrezione che vivono quotidianamente a fianco della comunità , è che Katako diventi un esempio ed un punto di riferimento per la comunità locale e per le altre diocesi. Il primo tassello di un effetto-domino positivo.

Emanuele Arosio

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
23/09/2020
Iniziative

INFO VOLONTARIATO

Mercoledì 23 settembre

25/09/2020
Convegni

La Rotta Balcanica, dentro o fuori l'Europa?

Venerdì 25 Settembre dalle ore 10.00 - Diretta Youtube e Facebook L’obiettivo è infatti far conoscere la via che i richiedenti asilo che fuggono da persecuzioni e conflitti del medio oriente devono percorrere dai confini greco-turchi per giungere in Europa. Si tratta di una via pericolosa e impervia, fatta di attraversamenti di paesi, sia dell’Unione europea che esterni all’Unione. Ne parleranno dei rappresentanti delle Istituzioni europee e due europarlamentari...

30/09/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Non si può vivere sani in un pianeta malato - Mercoledì 30 Settembre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

21/10/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Lavoro dignitoso e imprese sociali - Mercoledì 21 Ottobre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Debiti e usura. Il coronavirus li fa crescere

La legge sul sovra-indebitamento ha dato sino ad ora esiti molto modesti. A dimostrarlo sono i risultati delle fondazioni antiusura.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
America Latina e Caraibi
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno.