Il volontario che arriva all’ora di pranzo

Insegnanti e professionisti. Uomini e donne in pari numero. Età media 40 anni. Eccoli i personal shopper che in agosto consegnano i pasti a casa degli anziani. L’iniziativa, organizzata da Caritas Ambrosiana in collaborazione con il Comune di Milano dal 2004, continua a trovare un largo consenso. A dispetto della crisi o forse proprio per questo, dal momento che le vacanze si accorciano e quindi, perché no, si può anche decidere di passare i lunghi pomeriggi estivi dedicando un po’ di tempo libero agli altri.
 
In dieci anni sono stati 500 i milanesi che hanno scelto di provare questa esperienza: la metà dopo averla fatta una volta ha voluto ripeterla almeno un’altra.  Segno che la proposta piace. D’altra parte il servizio è semplice, non richiede una lunga formazione (basta essere dotati di un po’ di cortesia e disponibilità). Inoltre è estremamente flessibile (impegna poco più di un’ora al giorno e si può decidere se dedicare tutto il mese o un periodo più breve). In genere è gratificante: perché basta veramente poco per farsi volere bene e diventare un volto noto che si ritrova volentieri sul pianerottolo quando si apre la porta.
 
La consegna dei pasti affidata ai personal shopper della Caritas quest’anno si svolge nel quartiere Cagnola. I volontari, 53, sono entrati in servizio il 1° agosto e saranno operativi fino al 30: portano i pasti preparati dall’azienda di ristorazione del Comune nelle abitazioni di anziani indicati dai Servizi sociali. Ma non solo. I personal shopper stessi si rendono disponibili anche a fare dell’altro: acquistare medicine, offrire un passaggio dal medico o all’ambulatorio, fare da accompagnatori per una passeggiata al parco.  Quell’appuntamento breve, ma fisso e costante, ripetuto ogni giorno, anche se solo per qualche settimana, diventa un’occasione per stringere un’amicizia.
 
«I personal shopper offrono un aiuto concreto ai cittadini e fanno un’esperienza personalmente gratificante. Per questo chi prova a farlo una volta, ritorna – osserva don Roberto Davanzo direttore di Caritas Ambrosiana –. Dopotutto fare il volontariato è un po’ come buttarsi d’estate in una piscina gelata. Inizialmente si sta sul bordo un po’ circospetti, indecisi se tuffarsi o no. Ma una volta nella vasca, non si vorrebbe più uscire».
 
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
11/03/2021
Convegni

Una comunità a misura di...ogni persona

Il webinar si terrà giovedì 11 marzo, dalle 20.45 alle 22.45

18/02/2021
Convegni

L'Europa si è fermata a Lipa - Webinar

Giovedì 18 febbraio dalle ore 20.45 diretta Youtube sulla situazione dei migranti nel campo di Lipa, sulla condizione dei profughi in Bosnia, sulle attività di emergenza di Caritas Ambrosiana nel campo di Lipa e in Bosnia e sulle politiche migratore dell'Unione Europea. Iscriviti gratuitamente...

14/02/2021
Iniziative

Dalla zona di Varese sulla pace

Iniziativa di ACR, Caritas e Pastorale familiare della Zona II: ogni giorno un video di tre minuti con uno stralcio del testo, domande e riflessioni

13/02/2021
Convegni

Fratelli tutti?

Oggi 13 febbraio 2021 si terrà l’abituale Convegno Mondialità promosso da Pastorale Missionaria, Pastorale dei Migranti e Caritas Ambrosiana. Guarda la diretta ora...

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
I nuovi poveri. La gente della zona rossa

Nel corso del 2020, le misure assunte per rallentare la corsa del Coronavirus hanno avuto uno spiacevole effetto collaterale

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Notizie
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza