Intrappolati nel lockdown: i dati dell'aiuto di Caritas Ambrosiana



Dei 903 beneficiari del fondo San Giuseppe, il 30% ha già perso il lavoro.

Al Servizio Accoglienza Immigrati (SAI) in un mese 83 senza casa a causa del Covid.

A Milano 2.500 costretti a fare la spesa agli Empori della Solidarietà.

Gualzetti: «Si rischia un impoverimento di lungo termine. Bisogna pensare alla ricostruzione»


La quarantena è finita, ma c’è chi non è ancora uscito dal lockdown. Anzi, al contrario, in queste settimane ha visto peggiorare la propria situazione.
I dati raccolti dai principali servizi della Caritas Ambrosiana restituiscono un quadro molto problematico a quattro mesi dall’inizio della crisi sanitaria dovuta al Coronavirus e dal dispiegarsi dei sui effetti collaterali.

I casi più gravi sono stati intercettati dal Servizio Accoglienza Immigrati (SAI), di via Galvani 16, nei pressi della stazione Centrale. Nel solo mese di giugno, allo sportello che offre accoglienza, assistenza legale e orientamento lavorativo, sono stati 83 gli stranieri che hanno chiesto aiuto perché non hanno più potuto permettersi di pagare l’affitto della stanza negli appartamenti che in genere condividono coi propri connazionali. Una situazione inedita, perché per la prima volta l’emergenza abitativa è direttamente collegata alla crisi sanitaria. A chiedere aiuto sono stati per l’80% uomini, per il 20% donne, prevalentemente (60%) provenienti dall’africa Subsahariana (Senegal, Nigeria, Guinea, Mali) e per il resto da paesi orientali (Afghanistan, Sri Lanka) e da paesi latinoamericani (Perù e Bolivia).

Continua, inoltre, a rimanere alta la richiesta di generi alimentari. Secondo l’ultimo report relativo al mese di giugno nella sola città di Milano sono 2500 le persone costrette a fare la spesa ai tre Empori della Solidarietà che Caritas Ambrosiana ha aperto rispettivamente nei quartieri di Barona, Lambrate, Niguarda. Tra queste persone, quasi il 66% ha iniziato ad usufruire del servizio dal mese di marzo, cioè da quanto il Paese si è fermato per evitare il contagio. L’incremento è stato più basso fuori città (+35%) dove però accanto al sistema di Empori e Botteghe solidali è rimasta attiva anche la distribuzione di pacchi viveri attraverso 126 centri di ascolto parrocchiali, consentendo complessivamente di raggiungere 18.092 persone.     

Altro dato allarmante emerge anche dai profili dei beneficiari del Fondo San Giuseppe, voluto dall’Arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini, insieme al Sindaco, Giuseppe Sala, con un sostegno significativo del Comune, per aiutare chi si trova in difficoltà economica in conseguenza della crisi sanitaria. Dei 903 beneficiari al mese di giugno, circa il 30% ha già perso il posto di lavoro, tra questi, l’8,3% è costituito da colf e badanti, figure professionali per le quali non vale il blocco dei licenziamenti e il 21,2% da lavoratori assunti con contratti a termine non rinnovati, per lo più nell’ambito della ristorazione e del settore alberghiero.

«Non sappiamo cosa accadrà quando la moratoria dei licenziamenti finirà, quello che possiamo documentare è che, purtroppo, per una parte di lavoratori più deboli e meno qualificati in genere questo tappo è già saltato. Chi perde il lavoro ora rischia di rimanere intrappolato in una condizione di impoverimento per lungo tempo. Dalla fase di assistenza cui la Caritas con la Diocesi tramite il Fondo San Giuseppe sta provvedendo, bisogna sin da ora immaginare anche la fase della ricostruzione con la collaborazione delle imprese e delle istituzioni affinché si immaginino percorsi di riqualificazione e affiancamento sociale in grado di traghettare le vittime del lockdown nel nuovo mondo post Covid».  

 
 DONA ORA CON CARTA DI CREDITO ON LINE 

Se vuoi fare la differenza
 SCEGLI UNA DONAZIONE MENSILE 
 


FONDO SAN GIUSEPPE
(25 marzo – 18 giugno 2020)

DATI
Domande ed erogazioni
Richieste ricevute: 1277
Richieste valutate: 1144 di cui 903 approvate
Risorse erogate: 1 milione e 402 mila euro
Risorse raccolte 6 milioni e 621 mila euro

Beneficiari
Donne: 425 (47%)
Uomini: 478 (53%)

Età
18-24 anni: 3,2%
25-34 anni: 18,6%
35-44 anni: 35,5%
45-54 anni: 30%
55-64 anni: 11,2%
Over 65 anni: 1,5%

Cittadinanza
Italiani: 430 (47,6%)
Stranieri:  473 (52,4%)

Residenza
Milano: 404 (44,7%)
Fuori Milano: 499 (55,3%)

Situazione lavorativa:
Licenziati: 8,3%
In attesa di cassa integrazione: 26%
Autonomi: 12,4%
Lavoratori parasubordinati e occasionali: 10%
Fine contratti a termine: 21,2%
Altro: 22,1%

AIUTI ALIMENTARI
(giugno 2019)

Milano
Emporio della Solidarietà           
Persone aiutate

Barona: 886
Lambrate: 696
Niguarda: 916

Tot: 2498 (+66% rispetto al periodo pre Covid)

Diocesi
       
8.062 (+35,29% rispetto al periodo pre Covid)               
(Barona, Lambrate, Niguarda, Cesano Boscone, Garbagnate,Molteno, Saronno, Varese, Busto Arsizio, Bruzzano, Chiesa Rossa, Comasina, Gratosoglio, Sant’Antonio Maria Zaccaria)

Totale aiuti alimentari
18.092

(compreso consegne a domicilio e
Fornitura pasti)

Foto: Tiberio Mavrici

 DONA ORA CON CARTA DI CREDITO ON LINE  
Se vuoi fare la differenza 
 SCEGLI UNA DONAZIONE MENSILE  


Dona con Bonifico Bancario
C/C presso la Banca Popolare di Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN: IT82Q0503401647000000064700 - BIC BAPPIT21G57
 
Dona con Bollettino di c/c postale
C.C.P. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus - Via S.Bernardino 4 - 20122 Milano

CAUSALE OFFERTA: Emergenza Coronavirus

Le donazioni per questo progetto sono detraibili/deducibili fiscalmente
Scopri tutto sulle detrazioni


Per richiedere la ricevuta valdia ai fini fiscali a seguito di una donazionecon bonifico o bollettino di c/c postaleè necessario mettersi in contatto con il nostro Ufficio Raccolta Fondi scrivendo a offerte@caritasambrosiana.it 
 
Per motivi di privacy le banche non ci inviano i dati di chi fa un bonifico per sostenere i nostri progetti.
Se vuoi ricevere la ricevuta fiscale o il ringraziamento per la tua donazione contatta l’Ufficio Raccolta Fondi comunicando il tuo nome, cognome, indirizzo, codice fiscale e inviando la contabile del bonifico: offerte@caritasambrosiana.it tel. 02 76037.324
 
Per qualsiasi informazione: offerte@caritasambrosiana.it
 
 
 
 
 
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
01/07/2020
Iniziative

La cultura della cura. L'emergenza aiuta le emergenze?

Mercoledì 1/7 - ore 18.00 - Diretta streaming Youtube e Facebook. Scopri come vedere la diretta e leggi il programma

29/06/2020
Iniziative

Finestre sul mondo

Ciclo di 4 incontri online aperto ai giovani. Ultimo appuntamento su Haiti insieme a Chiara e a padre Elder

17/06/2020
Iniziative

La cultura della cura. Distanziamento fisico - Prossimità sociale

Mercoledì 17/6 - ore 18.00 - Diretta streaming Youtube e Facebook. Scopri come vedere la diretta e leggi il programma

08/06/2020
Iniziative

La cultura della cura. Stare nell'incertezza

Lunedì 8/6 - ore 18.00 - Diretta streaming Youtube e Facebook. Scopri come vedere la diretta e leggi il programma

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Riapre la lombardia. Equilibri sociali precari

I lombardi, in generale, e naturalmente anche quelli che si dedicano al volontariato sono orgogliosi della loro capacità di fare.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
America Latina e Caraibi
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno.