«Combattere la povertà delle famiglie»


«La crisi non è un fatto soprannaturale ma è determinata da una finanza ancora senza regole e dalle politiche di austerità dei governi che hanno portato alla disperazione milioni di persone». Lo ha detto Jorge Nuño Mayer, segretario generale di Caritas Europa, durante la visita del presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz al Rifugio Caritas, il ricovero notturno per senza tetto (nella foto).

Mayer ha anche sottolineato che «i fondi strutturali devono avere un ruolo prioritario, che bisogna combattere la povertà dei bambini e delle famiglie e che le organizzazioni sociali devono essere integrate con le politiche sociali dei paesi Ue».

L’intervento ha anticipato i contenuti di uno studio sugli impatti della crisi economica nei 5 paesi europei più pesantemente colpiti (Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo e Spagna). I risultati del Rapporto dimostrano che le misure di austerità – se non accompagnate da adeguate politiche di sostegno e di sviluppo – rischiano di avere un impatto sempre più negativo sulle vite delle persone povere, e di far cadere molte altre persone per la prima volta in una condizione di povertà. Infatti, nell’analizzare la crisi che ha colpito Italia, Portogallo, Spagna, Grecia e Irlanda, Caritas Europa denuncia come «la risposta dei governi stia determinando nei diversi paesi un circolo vizioso: i tagli alle spese operati con l’obiettivo di raggiungere gli obiettivi europei di riduzione del debito pubblico, stanno riducendo il livello dei consumi e determinano costi sociali elevati, legati al mancato accesso ai servizi da parte di una porzione significativa di popolazione, colpita da disoccupazione in aumento».

«Dobbiamo fermare la macchina che produce la povertà. E il modo migliore per farlo è riconoscere che non c’è giustizia nella nostra società. Dobbiamo creare più giustizia tra gli stati e anch all’interno degli stati», ha sottolineato il presidente Martin Schulz che, rivolgendoosi agli operatori del Rifugio Caritas ha aggiunto: «La dignità inizia con il rispetto. E uno dei problemi principali della società moderna è la mancanza di rispetto. Quello che voi fate è rispettare le persone non importa in che condizioni si trovino».

Nel suo intervento che ha preceduto le parole di Schulz, il direttore di Caritas Ambrosiana, don Roberto Davanzo ha illustrato la situazione della grave emarginazione nel capoluogo lombardo. «Secondo una recente indagine a Milano vivono 10 mila senza dimora. I posti letto nelle strutture di accoglienza sono 3 mila. Le mense per i poveri gestite dai religiosi ogni giorno distribuiscono 4 mila pasti. Questi numeri dicono che il problema non è solo dare un tetto e un pasto caldo. Ma che il problema principale è accompagnare le persone verso un cammino di reinserimento sociale», ha sottolineato don Davanzo.

«È un bene che l’Europa, rappresentata dal Presidente del Parlamento Europeo, abbia modo di conoscere iniziative come quella del Rifugio Caritas, in Stazione Centrale, a Milano: progetti come questo rappresentano un esempio virtuoso di come in Italia, oggi, di fronte all’arretramento dello Stato sui temi del welfare, per motivi che ben conosciamo, nascano alleanze forti tra organizzazioni del Terzo Settore, aziende, fondazioni d’impresa che alimentano e sperimentano soluzioni in linea con un nuovo, necessario, modello di welfare» ha detto Giuseppe Guzzetti il presidente di Fondazione Cariplo tra i sostenitori che hanno reso possibile l’apertura del centro di accoglienza.


«Il Rifugio Caritas è uno degli 11 centri di accoglienza che con la collaborazione di Ferrovie dello Stato abbiamo aperto nei pressi di altrettante stazioni italiane», ha ricordato Novella Pellegrini, segretario generale di Enel Cuore Onlus.

«Siamo lieti di avere messo a disposizione le nostre strutture a chi non ha casa», ha detto Umberto Lebruto, responsabile produzione Milano di Rete Ferroviaria Italiana, proprietaria dell’immobile che ospita il Rifugio Caritas.

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
11/03/2021
Convegni

Una comunità a misura di...ogni persona

Il webinar si terrà giovedì 11 marzo, dalle 20.45 alle 22.45

01/03/2021   Iniziative

Perché maltratto. Le situazioni di crisi: causa o effetto?

La situazione che stiamo vivendo da circa un anno, dovuta all'emergenza sanitaria, suscita un interrogativo: per quale motivo in momenti di particolare difficoltà e crisi molti uomini riversano sofferenza e frustrazione sulle donne? E quali possono essere gli interventi possibili in termini di prevenzione e contrasto a questo meccanismo spesso poco indagato?

18/02/2021
Convegni

L'Europa si è fermata a Lipa - Webinar

Giovedì 18 febbraio dalle ore 20.45 diretta Youtube sulla situazione dei migranti nel campo di Lipa, sulla condizione dei profughi in Bosnia, sulle attività di emergenza di Caritas Ambrosiana nel campo di Lipa e in Bosnia e sulle politiche migratore dell'Unione Europea. Iscriviti gratuitamente...

14/02/2021
Iniziative

Dalla zona di Varese sulla pace

Iniziativa di ACR, Caritas e Pastorale familiare della Zona II: ogni giorno un video di tre minuti con uno stralcio del testo, domande e riflessioni

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Lavoro a rischio per tutti. Le risorse non vanno sprecate

L’altro giorno mi è capitato di parlare con una giovane imprenditrice e mamma. La sua azienda (un’impresa individuale con qualche collaboratore occasionale) si occupa di organizzare eventi.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Notizie
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza