Carcere: riforma Cartabia urgente

Sanzioni sostitutive, messa alla prova e giustizia riparativa: una riforma necessaria e urgente

L’Osservatorio carcere e territorio del Comune di Milano e la Conferenza regionale volontariato e giustizia della Lombardia esprimono forte rammarico e perplessità a fronte del rinvio dell’entrata in vigore della ‘Riforma Cartabia’, in particolare per la parte relativa alle sanzioni sostitutive, all’ampliamento della messa alla prova e all’introduzione di un ordinamento organico sulla giustizia riparativa.
 
Gli operatori e i volontari che quotidianamente operano nelle carceri e nel territorio per proporre alle persone sottoposte a una misura penale efficaci percorsi di inclusione sociale avevano accolto con soddisfazione queste parti della riforma, ben consapevoli della loro urgente necessità e della loro utilità per garantire l’effettiva realizzazione del dettato costituzionale che prevede che le pene debbano tendere alla rieducazione del condannato.
 
Per di più, la riforma va in una direzione, da sempre auspicata, di "risposte penali" non esclusivamente carcerarie, ma declinate in modo differenziato attraverso pene da eseguire nella comunità sulla base di un preciso programma di inserimento sociale, anche in questo caso in linea con la Costituzione, che parla appunto di pene e non esclusivamente di carcere. In sintesi, l’immediata attuazione di queste parti della riforma darebbe al nostro paese un sistema penale più innovativo, più giusto e più celere, e, al contempo, garantirebbe una maggiore concretezza e una maggiore certezza della risposta penale.
 
La riforma ha anche il pregio di incidere sul problema mai risolto del sovraffollamento dei nostri istituti penali e su una situazione penitenziaria che ha portato, nel 2022, a un numero di suicidi in carcere più alto che mai. Suicidi che hanno riguardato, nella maggioranza dei casi, persone condannate a pene brevi e per lievi reati. Persone che manifestavano vulnerabilità psicologiche e sociali a cui il carcere non è in grado di offrire alcuna risposta utile o efficace, nemmeno nei termini della tutela della sicurezza e dell’incolumità pubblica. L’attuazione piena e celere di queste parti della riforma permetterebbe anche di evitare l’aumento esponenziale dei “liberi sospesi”, ossia di quelle persone destinatarie di una pena detentiva che di fatto viene eseguita a distanza di svariati anni dal reato imputato, quando magari quelle stesse persone hanno totalmente cambiato vita e non hanno più commesso, nel frattempo, nuovi reati. A ben vedere si tratta dunque di una riforma che, oltre a restituire autorevolezza allo Stato e al suo sistema penale, darebbe migliori risultati anche in termini di prevenzione dei crimini e di riduzione della recidiva.
 
Le realtà del terzo settore, da sempre attente a questi aspetti, avevano già messo in campo i passaggi formativi e organizzativi necessari per fare la propria parte nel garantire l’effettività e l’efficacia delle misure previste dalla riforma, per promuovere il ruolo fondamentale delle comunità, per accogliere e accompagnare le persone sottoposte alle nuove pene sostitutive o coinvolte in percorsi di giustizia riparativa.
 
Insomma, per quel che ci riguarda noi siamo pronti! Auspichiamo che anche il nuovo governo sia capace di non cedere alle retoriche giustizialiste del populismo penale e abbia il coraggio e l’autorevolezza necessari per portare avanti con decisione le innovazioni penali positive proposte dalla riforma Cartabia.
 

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
06/11/2022
Iniziative

Giornata diocesana Caritas e Convegno Diocesano

Domenica 6 novembre si celebrerà la Giornata Diocesana Caritas - Giornata Mondiale dei Poveri per la Diocesi di Milano. I materiali a disposizione, il programma del convegno diocesano e la diretta streaming...

27/10/2022
Iniziative

Webinar progetti Avvento 2022

Segui la diretta streaming del webinar di presentazione dei progetti di Avvento di carità per il 2022 sul canale Youtube di Caritas Ambrosiana. Ci saranno interventi dal Nepal, dal Niger e dalla Turchia da parte dei responsabili dei progetti. Guarda la diretta ora...

25/10/2022
Convegni

Presentazione dati povertà 2021

Martedì 25 ottobre 2022, dalle ore 10,00 alle ore 12,00, in modalità mista (on-line e in presenza, per un numero limitato di posti, presso la sede di Caritas Ambrosiana, in via San Bernardino n° 4 - Milano) si terrà il convegno di presentazione del “Rapporto sulle povertà nella Diocesi di Milano. Dati 2021”. Iscriviti gratuitamente all'evento in presenza oppure on-line...

15/10/2022
Convegni

La Chiesa e la crisi energetica, convegno in Curia

Nell’appuntamento del 15 ottobre, concluso dall’Arcivescovo, i vari aspetti dell’emergenza, gli strumenti per farvi fronte e, soprattutto, l’esigenza di modificare gli stili di vita e di ritessere legami di comunità. Iscrizioni online, diretta web

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 

Corridoi universitari. Un futuro denso di promesse


IIt’s a dream, è un sogno. Non ha cessato di ripeterlo, per l’intera prima giornata dopo il suo sbarco a Malpensa, la studentessa di origine burundese... Leggi qui


IN EVIDENZA
Carcere
Morire di carcere

Il 2022 segna il macabro record dei suicidi dietro alle sbarre. Sono 79 le persone che si sono tolte la vita in carcere: una ogni 4 giorni. Non è un fenomeno pu ...

Notizie
Convegno Caritas sulla Pace

LA VIA DEL VANGELO È LA PACE. Convegno con l’Arcivescovo, poi la Giornata diocesana Monsignor Mario Delpini aprirà la mattinata di riflessioni con accademici ...

La nostra offerta
Progetti in evidenza
Regali solidali - Le prime consegne

Grazie alla generosità dei nostri sostenitori abbiamo iniziato la distribuzione di kit scolastici per i bambini ucraini ospitati presso il centro di Balti in Mo ...