Vivere in autonomia

Appartamenti di cohousing. Una cascina solidale. Un casa-famiglia. Tre buone prassi. Tre progetti, in parte già realizzati, che a Milano cercano di dare una risposta al bisogno di autonomia delle persone disabili a cominciare proprio della casa.

Queste tre esperienze sono state raccontate dagli stessi protagonisti nel corso del convegno “Abitare Insieme” che si è svolto l'11 maggio nella sede di Caritas Ambrosiana.
«Quando invitiamo qualcuno a cena e vogliamo fare bella figura, penso io a cucinare, perché le altre mie coinquiline, diciamolo, non sono proprio capaci», racconta Alice, 28 anni, affetta da autismo, che vive da quattro anni insieme a due studentesse e ad un’altra ragazza con i suoi stessi problemi in un appartamento in via Novara.
«Ho scoperto che so fare tante cose e questo mi ha dato fiducia. Per esempio prendo l’autobus da sola per andare al lavoro, cosa che prima mi terrorizzava. Insomma vivo molto meglio di prima», assicura.

Incoraggiata anche dalla sua storia, l’Associazione la Comune ha già ristrutturato altri due appartamenti, nel quartiere Isola, ottenuti in comodato gratuito dalla parrocchia del Sacro Volto.
«Il progetto – ha spiegato Marco Marzagalli –è stato sostenuto da Comune e Fondazione Cariplo – Siamo pronti ad inaugurare le due nuove case con una grande festa. Ma abbiamo ancora bisogno dell’aiuto di tutti, perché i ragazzi diventino anche economicamente autonomi. Non vogliamo beneficenza ma chiediamo che possano avere un lavoro».

Diversa la scelta di Son (Speranza oltre noi). In questo caso i disabili vivranno insieme con le loro famiglie, ma all’interno di una cascina che offrirà loro anche un’occasione di reddito. Nella casa colonica, nel quartiere Adriano, acquistata dai genitori, sarà aperta una gelateria solidale e una tisaneria dove saranno impiegati i ragazzi.
«Hanno già aderito 8 famiglie», spiega Fabio Recalcati. «Fondamentale il contributo del Comune, della parrocchia Gesù di Nazareth e delle fondazioni private che hanno sostenuto metà dei costi».

Si rivolge a disabili più gravi la casa famiglia Cenni, di via Gabetti 15, a Milano, voluta dall’ ”Associazione Genitori Fondazione don Gnocchi”. Nell’appartamento di 5 locali vivono tre persone con disabilità psicomotorie e due assistenti. Da lunedì a venerdì gli ospiti frequentano i Centri Diurni, il sabato e la domenica passano la giornata in famiglia e tornando a Casa Cenni per la sera.

«Creare le condizioni perché le persone disabili siano autonome è una sfida prima di tutto culturale. Troppe sono ancora le barriere, non solo architettoniche, che impediscono questi cammini. Dobbiamo sostenerli, cambiando innanzitutto il nostro sguardo», ha detto Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana.
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
11/03/2021
Convegni

Una comunità a misura di...ogni persona

Il webinar si terrà giovedì 11 marzo, dalle 20.45 alle 22.45

01/03/2021   Iniziative

Perché maltratto. Le situazioni di crisi: causa o effetto?

La situazione che stiamo vivendo da circa un anno, dovuta all'emergenza sanitaria, suscita un interrogativo: per quale motivo in momenti di particolare difficoltà e crisi molti uomini riversano sofferenza e frustrazione sulle donne? E quali possono essere gli interventi possibili in termini di prevenzione e contrasto a questo meccanismo spesso poco indagato?

18/02/2021
Convegni

L'Europa si è fermata a Lipa - Webinar

Giovedì 18 febbraio dalle ore 20.45 diretta Youtube sulla situazione dei migranti nel campo di Lipa, sulla condizione dei profughi in Bosnia, sulle attività di emergenza di Caritas Ambrosiana nel campo di Lipa e in Bosnia e sulle politiche migratore dell'Unione Europea. Iscriviti gratuitamente...

14/02/2021
Iniziative

Dalla zona di Varese sulla pace

Iniziativa di ACR, Caritas e Pastorale familiare della Zona II: ogni giorno un video di tre minuti con uno stralcio del testo, domande e riflessioni

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Lavoro a rischio per tutti. Le risorse non vanno sprecate

L’altro giorno mi è capitato di parlare con una giovane imprenditrice e mamma. La sua azienda (un’impresa individuale con qualche collaboratore occasionale) si occupa di organizzare eventi.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Notizie
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza