Per non lasciare indietro nessuno 2014-2017

«Occorre una nuova stagione educativa»
 
Caritas Ambrosiana ha partecipato da settembre 2014 a giugno 2017 al Progetto AIDS di Caritas Italiana che in 16 diocesi italiane, tra cui quella di Milano, ha coinvolto migliaia di persone.
 
Gli esiti del progetto sono stati illustrati il 19 gennaio 2018 a Milano.
Nei tre anni del progetto nel territorio della diocesi di Milano, Caritas Ambrosiana e gli enti partner hanno incontrato più di 6000 persone nelle scuole, nelle parrocchie, tra gli operatori e i volontari dei centri di accoglienza, in quasi 250 azioni di sensibilizzazione, informazione e formazione. Sono stati raggiunti soprattutto giovani con meno di 20 anni (62%). Il 5% dei destinatari incontrati sono seminaristi, sacerdoti, religiosi e religiose.
 
I questionari, somministrati prima degli interventi di informazione e formazione svolti da Caritas Ambrosiana e gli enti partner nel territorio della diocesi di Milano, mostrano come ancora siano diffuse idee sbagliate e pregiudizi nei confronti di chi è affetto dalla malattia.
 
Da questionari diffusi tra i partecipanti, prima degli interventi di formazione, alla domanda se l’HIV si possa trasmettere con il bacio ha risposto affermativamente il 28,8% dei giovani. La percentuale si abbassava al 12% tra gli adulti, mentre saliva al 37,8% tra i ragazzi di terza media.
 
All’inizio del progetto, il 24,7% dei giovani e l’8,3% degli adulti ritenevano possibile la trasmissione dell’HIV utilizzando in comune stoviglie e temevano di poter essere contagiati bevendo dallo stesso bicchiere il 29,7% dei giovani, l’11,7% adulti.
 
Mentre venivano manifestati pochi dubbi sul fatto che le persone con HIV meritino lo stesso rispetto dovuto a tutti (96,7% adulti e 91,1 giovani%), il 16,1% dei giovani dichiarava che si sarebbe sentito in forte disagio accanto ad un persona con HIV contro l’8,8% degli adulti. Inoltre il 42,3% dei giovani e il 33% degli adulti ritenevano poco opportuno che persone con HIV lavorassero con i bambini.
 
Che una persona con aspetto sano possa avere l’HIV è un’evidenza sia per gli adulti (96,8%) che per i giovani (95,5%), mentre i ragazzi di terza media ne sono un po’ meno sicuri (88,2%). Alla domanda se l’infezione da HIV sia trasmessa da persone che sono consapevoli del proprio stato, erroneamente lo presume il 15,7% degli adulti, il 18.8% dei giovani e il 30% di chi frequenta la terza media. E’ molto alta già in partenza la consapevolezza (96%) che l’HIV sia trasmissibile attraverso lo scambio di siringhe infette o attraverso rapporti sessuali vaginali, molto meno per altri tipi di rapporto.
 
Era atteso che il venir progressivamente meno di campagne di informazione e di una capillare e sistematica educazione dei giovani su questo tema negli ultimi vent’anni, parallelamente al venir meno dell’allarme sociale, portasse all’evidenza di questi risultati anche nel territorio ambrosiano, così come dimostrato altrove da ricerche di altre associazioni. Nei dati raccolti colpisce in particolare lo spartiacque tra i nati fino al 1980 e i nati negli anni successivi, che hanno minori informazioni corrette e maggiori pregiudizi. I grandi progressi sulla quantità e qualità di vita delle persone con HIV, non sono stati accompagnati da un aumento altrettanto significativo della consapevolezza sociale, anzi!»
 
Proprio il progetto “Per non lasciare indietro nessuno” dimostra però quanto terreno si possa recuperare.
 
Al termine degli incontri lo stesse persone hanno risposto in mondo diverso: la percentuale di chi crede che il contagio possa avvenire con un bacio è scesa tra i ragazzi di terza media all’11%, tra i giovani al 6% e tra gli adulti al 2,7%, la percentuale di chi crede che l’infezione si possa propagare attraverso le stoviglie utilizzate da persone infette è calata al 7,8% tra i giovani e all’1,6% tra gli adulti. 
Si riducono, anche se non si annullano, il timore di poter essere contagiati bevendo dallo stesso bicchiere (22,9% giovani, 9,9% adulti), il forte disagio di sapersi accanto ad un persona con HIV (14,4% giovani, 7,3% adulti) e la convinzione che non sia opportuno che persone con HIV lavorino con i bambini 36,2% dei giovani, 29,8% degli adulti.
 
Almeno a breve termine, dunque, è stato possibile misurare un aumento delle conoscenze e una riduzione della percezione negativa delle persone con HIV.
 
Le scuole – e in primo luogo le scuole non statali – hanno partecipato con convinzione al progetto. Con più difficoltà, invece, è stato raggiunto il mondo degli adulti, soprattutto all’interno dei contesti parrocchiali. Quando però si è riusciti ad affrontare il tema HIV, questo argomento che a molti sembrava lontano sia nel tempo che per sensibilità, si è fatto vicino e coinvolgente. Dopo tre anni di lavoro possiamo dire che è necessaria una capillare, competente e continua azione educativa soprattutto verso i più giovani. E’ quindi assolutamente opportuno tornare ad investire risorse su questo fronte, e la recente intesa Stato-Regioni sul nuovo Piano Nazionale AIDS potrebbe essere un promettente inizio.
 
Sono stati partner del progetto: Consorzio Farsi Prossimo, A77 cooperativa sociale, Contina Cooperativa Sociale, Coop. Soc. Comunità Del Giambellino, La Strada Soc. Coop. Soc., Associazione Fides, Fondazione Somaschi, Fondazione Archè, Coordinamento Regionale delle Case Alloggio per persone con HIV/AIDS della Lombardia (C.R.C.A. Lombardia), Fondazione Lila Milano.
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
11/03/2021
Convegni

Una comunità a misura di...ogni persona

Il webinar si terrà giovedì 11 marzo, dalle 20.45 alle 22.45

01/03/2021   Iniziative

Perché maltratto. Le situazioni di crisi: causa o effetto?

La situazione che stiamo vivendo da circa un anno, dovuta all'emergenza sanitaria, suscita un interrogativo: per quale motivo in momenti di particolare difficoltà e crisi molti uomini riversano sofferenza e frustrazione sulle donne? E quali possono essere gli interventi possibili in termini di prevenzione e contrasto a questo meccanismo spesso poco indagato?

18/02/2021
Convegni

L'Europa si è fermata a Lipa - Webinar

Giovedì 18 febbraio dalle ore 20.45 diretta Youtube sulla situazione dei migranti nel campo di Lipa, sulla condizione dei profughi in Bosnia, sulle attività di emergenza di Caritas Ambrosiana nel campo di Lipa e in Bosnia e sulle politiche migratore dell'Unione Europea. Iscriviti gratuitamente...

14/02/2021
Iniziative

Dalla zona di Varese sulla pace

Iniziativa di ACR, Caritas e Pastorale familiare della Zona II: ogni giorno un video di tre minuti con uno stralcio del testo, domande e riflessioni

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
I nuovi poveri. La gente della zona rossa

Nel corso del 2020, le misure assunte per rallentare la corsa del Coronavirus hanno avuto uno spiacevole effetto collaterale

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Notizie
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza