Ritorno al futuro

Progetto ritorno al futuro

La storia di Ines

Ines passa le sue giornate nel carcere di san Vittore, nella sua cella, e pensa. Ha un mucchio di cose a cui pensare: per prima cosa ai suoi due bambini, che ha lasciato nella bella isola dove è nata, per lavorare e inviare loro del denaro.
Tutto è andato in modo diverso da come avrebbe dovuto andare: le scelte si sono dipanate in una strada che sembrava correre in fretta, che l’hanno portata qui, in carcere. Sono passati gli anni e ora, alcune compagne le hanno parlato della legge italiana (sembra che qui in carcere tutti studino un po’ di giurisprudenza, sulla propria pelle…) che le consentirebbe di trascorrere il tempo residuo della sua pena fuori, in una casa, lavorando.
Questo è l’affidamento sociale, le hanno spiegato, basta avere un luogo dove poter abitare. Ines pensa alla sua casa, ma le compagne le spiegano che non funziona così, la casa deve essere qui a Milano, e deve essere un luogo adatto a scontare la sua pena.
Ines torna a guardare dalla finestra e a pensare alle sue spiagge, tanto lei casa a Milano proprio non ce l’ha…potesse averla, certo che le piacerebbe trascorrere fuori la restante detenzione, parlerebbe volentieri con gli assistenti sociali,  anzi ne avrebbe proprio bisogno, per parlare del passato, per capire cosa fare a fine pena, cercare di lavorare un po’ (se la cava alla grande con ago e filo) e organizzarsi per il futuro, parola che non pronuncia da un po’, perché qui dentro i pensieri si fanno piccolini e il mare…sembra troppo lontano.
 
Quando un’educatrice le spiega che potrebbe esserci un appartamentino, da condividere con altre donne, che esiste una sartoria che cerca una lavorante, che esiste un’associazione che si occupa di casi proprio come il suo, Ines si chiede com’è possibile che qualcuno, qui, a Milano, possa pensare a lei….

 

Il progetto Ritorno al futuro

A pensare a lei sono gli operatori del progetto “Ritorno al futuro” che mira a favorire l’autonomia dei detenuti attraverso l’accesso all’affidamento in prova, alla semilibertà, alla detenzione domiciliare e alla detenzione speciale, nell’ultimo periodo di reclusione e verso il fine pena.
Non solo offrire un alloggio, ma anche accompagnamento socio educativo, piccolo supporto economico e accompagnamento dei familiari dei detenuti per il disbrigo delle pratiche burocratiche. I destinatari del progetto Ritorno al futuro sono i detenuti degli istituti di pena milanesi di San Vittore e di Bollate, gli ex detenuti e i loro familiari.

In particolare, per quanto riguarda l’accoglienza abitativa e l’accompagnamento socio-educativo sono beneficiari del progetto giovani di età compresa tra i 18 e i 45 anni.
Il beneficiario indiretto – a fronte dei dati presentati sull’efficacia della pena alternativa al carcere sulla riduzione delle recidive di atti criminali – è l’intera comunità.
 

Ines ce la sta facendo

Ines è ospite di uno degli appartamenti del Girasole da tre mesi, lavora presso un laboratorio di sartoria con una borsa lavoro. Con gli operatori sta considerando tanti temi che “là dentro” non riusciva ad affrontare. Le giornate non sono sempre facili, non sono sempre allegre.
Ogni giorno è una sfida con se stessi, dice agli operatori. Ora, però, si lotta insieme.



Fonte: Caritas Ambrosiana
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
13/05/2021
Iniziative

Infocantieri 13 maggio

Arrivano i Cantieri 2021!! Ve li presenteremo giovedì 13 maggio ore 20.45 in un incontro online. Scopri come partecipare

05/05/2021
Convegni

“LÌ SONO INSERITI I POVERI, CON LA LORO CULTURA, I LORO PROGETTI E LE ...

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 3° webinar – mercoledì 5 maggio 2021, ore 18.30 – 20.00

28/04/2021
Convegni

TRA ASSISTENZA E ATTIVAZIONE: CONFRONTO TRA ESPERIENZE GENERATIVE

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 2° webinar – mercoledì 28 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00. Vedi la diretta su Youtube...

22/04/2021
Iniziative

Giornate di eremo - Al primo posto c’è l’amore

Giovedì 22 aprile h. 18.30 - Al primo posto c’è l’amore - I Cor 13, 1-13 a cura di don Matteo Rivolta - Responsabile Caritas Zona Pastorale di Varese. Iscriviti gratuitamente all'evento in diretta Youtube sul canale di Caritas Ambrosiana

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Cibo, buttiamo di più mentre altri non mangiano

A causa dello smart working e più ancora delle limitazioni anti Covid che hanno colpito in modo particolare il settore, bar e ristoranti acquistano una minore quantità di cibo.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...