Dal maltrattamento si può uscire: la storia di Maria

Maria ha 50 anni e si è sposata a 24 anni con Luigi, dopo qualche mese di fidanzamento. Racconta che già nel fidanzamento Luigi aveva avuto verso di lei dei comportamenti particolarmente aggressivi, che lei non “aveva voluto” riconoscere come violenza, anche perché lui immediatamente dopo si scusava e la corteggiava assiduamente. Nei primi mesi di matrimonio già erano avvenuti degli episodi di violenza anche se sporadici, a cui erano seguiti momenti di tranquillità che facevano illudere Maria che lui finalmente fosse cambiato. Maria aveva bisogno di quell’illusione perché non poteva mettere in crisi l’amore che provava verso Luigi, con cui aveva costruito il progetto familiare.

Alla nascita di Matteo, avvenuta dopo circa un anno dal matrimonio, la situazione si era ulteriormente aggravata. Anche Matteo era diventato il pretesto di liti che finivano sempre con calci e pugni. Maria racconta che una sera lei stava dando da mangiare a Matteo seduto sul seggiolone, mentre il marito pretendeva che lei interrompesse l’accudimento del figlio per andare in cucina a prendergli il sale. Maria non era stata pronta come lui avrebbe voluto e ciò l’aveva fatto reagire con violenza, buttandole anche addosso i piatti che erano sul tavolo. Dopo quella crisi lui si era chiuso in camera, costringendola a dormire sul divano. L’indomani mattina, prima di uscire per andare al lavoro, Luigi aveva salutato Maria come se nulla fosse accaduto. Maria dal canto suo,  non sapendo più come comportarsi per il timore di attivare la sua violenza, si adeguava a ogni suo comportamento.

Nel corso degli anni questi episodi di violenza erano diventati sempre più frequenti e Maria si era sentita sempre più in trappola. Ormai era soggiogata dal marito, anche dal punto di vista psicologico. Lui le centellinava i soldi per la spesa per poi darle la responsabilità di non saper amministrare. Maria non poteva contare sull’aiuto di nessuno, anche perché la sua famiglia era lontana e lei non aveva voluto coinvolgerli. Nel corso degli anni, quando Matteo era cresciuto e non richiedeva più l’assidua presenza della mamma, Luigi “aveva permesso” a Maria di andare a lavorare, proibendole però di avere dei rapporti extra lavoro anche semplicemente con le colleghe e appropriandosi dei suoi soldi.
Nonostante il modello negativo del padre, Matteo era cresciuto abbastanza bene, grazie all’affetto e alla capacità genitoriale della mamma, ed era diventato per Maria la motivazione ad andare avanti. È stato proprio il figlio, una volta adulto, a incoraggiare la mamma a chiedere aiuto.

Già nel primo colloquio al Se.D (Servizio Disagio Donne della Caritas Ambrosiana) Maria aveva scoperto “il mondo” costituito dalla rete di servizi che avrebbero potuto accompagnarla nel suo percorso di uscita dalla violenza. Maria aveva accettato volentieri l’ingresso in comunità dove, nella fase iniziale, aveva trovato protezione, ma anche l’incoraggiamento a tirar fuori le proprie risorse, di cui lei stessa non era più consapevole a causa delle continue denigrazioni del marito. Parallelamente alla denuncia e all’avvio dell’iter legale conclusasi con una separazione giudiziale molto faticosa, Maria si era impegnata per mettere le basi per la sua autonomia. Aveva frequentato un corso di formazione professionale che l’aveva messa nella condizione di trovare un lavoro.

Il suo percorso è durato più di un anno e mezzo, ma oggi Maria ha raggiunto l'autonomia e ha ricostruito un rapporto positivo con il figlio.
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
30/01/2020
Iniziative

Aperitivo Young Caritas

Giovedì 30 gennaio 2020 ore 18;30 - Via San Bernardino, 4 a Milano Hai un'età compresa tra i 18 e i 30 anni? Vuoi approfondire il tema delle Fake News? ...

01/02/2020
Convegni

Dal buon vicinato all’accoglienza: per una quotidianità condivisa

Convegno annuale dello Sportello Anania sui temi dell'accoglienza

08/02/2020
Convegni

Tratta e schiavitù

Il grande business delle mafie - 8 febbraio 2020. Giornata mondiale contro la tratta di persone. Armi, droga, merce contraffatta, tabacco… ma soprattutto esseri umani. Gruppi criminali internazionali, ma anche mafie italiane, si stanno arricchendo sulla pelle di milioni di persone spesso in condizioni di grande vulnerabilità. Uomini, donne e, sempre più spesso bambini e bambine, vengono trafficati e ridotti in condizioni di vera e propria schiavitù per lo sfruttamento lavorativo...

21/01/2020
Iniziative

La libertà che non si può rinchiudere dentro una cella

Al Museo Diocesano, detenuti in scena con un reading sull’esperienza spirituale in carcere. Presentazione dei risultati di un percorso triennale dedicato al pluralismo religioso in 9 istituti penitenziari lombardi. Gualzetti: «Riconoscere la libertà di culto ai detenuti significa prendere atto del pluralismo religioso presente nelle carceri e prevenire fenomeni di radicalizzazione»

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Una politica giusta per i deboli. Sarà la volta buona?

Correva l’anno 2018 – e sembra passato un secolo per i tempi della politica italiana – l’estate era appena finita
.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Iniziative
Info Volontariato in Caritas Ambrosiana

Scopri come diventare volontario in Caritas Ambrosiana e nelle realtà vicine alla Caritas. Trasformare la tua voglia e la tua energia in servizi utili agli altr ...

Progetti in evidenza
Biglietti di Natale 2019

A Natale scegli i biglietti di Auguri di Caritas Ambrosiana e trasforma i tuoi auguri in un segno concreto di solidarietà a favore delle famiglie che si recano ...

La nostra offerta
Proposte formative per le scuole

Sei un docente di una scuola primaria o secondaria? Vuoi dare la possibiltà ai tuoi alunni di migliorare la loro crescita con delle proposte formative speciali ...

Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2018 dalla pubblica ammini ...