Carità, espressione autentica delle nostre comunità

Nel nuovo anno pastorale la Caritas Ambrosiana vivrà un particolare impegno per imprimere una svolta alla pastorale della carità, che non può essere più delegata alla Caritas parrocchiale ma piuttosto deve essere espressione autentica della vita di una comunità cristiana. Senza la carità una parrocchia e una comunità non dovrebbe sentirsi a posto, esattamente come se non potesse vivere una partecipata liturgia domenicale e come se non riuscisse a proporre percorsi di catechesi che facciano vivere la bellezza e la gioia di una fede adulta. La carità rende la fede piena, concreta e credibile. Esattamente come la fede rende la carità vera espressione di una comunità che riconosce Dio come Padre di tutti, nessuno escluso, Cristo in ogni fratello soprattutto nei più poveri, la Chiesa come espressione di una comunità che entra nella storia e nel mondo con umiltà e disinteresse per servire tutti, per il bene comune.
Veniamo da un’estate devastante. Attraversata da una guerra in atto che entra nei luoghi ordinari della nostra convivenza: simboli della nostra cultura. Le strade come nella strage sulla Promenade des Anglais di Nizza in Francia. In uno dei più belli lungomare della Costa Azzurra, in piena festa e vacanza, si è abbattuta una violenza cieca su turisti compresi bambini e anziani.  I Centri Commerciali come nell’attacco di Monaco di Baviera in Germania dove la violenza di un tedesco si è scagliata sui clienti. Dopo giornali, concerti, stadi, anche i luoghi del turismo e del commercio non sono immuni a questa guerra che ci raggiunge anche in Europa, non solo per i flussi dei profughi che continuano.
Ma entra anche nelle chiese. Pensiamo all’inaudita uccisione di un prete durante la celebrazione della messa all’interno della chiesa di Saint-Etienne-du Rouvray, vicino Rouen, sempre in Francia. Padre Jacques Harmel era uno che costruiva ponti e non muri. E viene ucciso nel momento più alto della vita del sacerdote quando celebra la Parola e spezza il Pane. Annuncio di una vita che vale solo se è donata, spezzata con il fratello, chiunque esso sia. Alla chiamata alle armi in una guerra di religione come certuni vorrebbero, Papa Francesco ha risposto ribadendo che il faro del cristiano sono le beatitudini e di pregare per i nemici e i persecutori perché il nostro Dio ‘fa sorgere il sole sopra i malvagi e i buoni e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti’ (Mt 5, 45). La sorprendente risposta dei mussulmani francesi e italiani di recarsi nelle Chiese per portare la propria adesione a questa visione di misericordia ci dà speranza che non si cada nel tranello della paura reciproca e di nuovi muri.
Siamo ancora nell’Anno della Misericordia che si concluderà il prossimo novembre. Non dobbiamo  smettere come Caritas, come era nelle intenzioni di Papa Francesco, di proporre questa come un’occasione per verificare l’adesione al Vangelo delle nostre vite e della vita delle nostre comunità delle quali siamo al servizio. Promuovere le opere di misericordia e quindi la vicinanza e il coinvolgimento dei poveri nelle nostre reti e opere caritative, ma anche nelle ordinarie attività pastorali, è dare senso al compito affidato alla Caritas di promozione e coordinamento aperto e intelligente della Carità.
Nel ringraziare ancora una volta don Roberto Davanzo per il suo servizio come direttore di questi anni, ma anche perché ci ha aiutato ad approfondire le opere di misericordia, pubblicate sull’inserto Farsi Prossimo ed ora disponibili sul nostro sito, accogliamo don Massimiliano come dono fatto dal nostro Cardinale Angelo Scola per una Caritas Ambrosiana sempre più attenta ai cammini dei giovani e delle nostre comunità pastorali, perché siano sempre più fraterne e accoglienti.
Qui di seguito troviamo il suo saluto.
Buon Anno pastorale a tutti voi!
Luciano Gualzetti


Leggi tutto l'inserto Farsi Prossimo sul Segno di Settembre 2016
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
28/10/2020
Convegni

Presentazione Rapporto Povertà - Segui la diretta streaming

Mercoledì 28 ottobre dalle ore 10.00 in diretta streaming sul canale Youtube di Caritas Ambrosiana. Quest’anno, oltre ai dati del campione dei centri di ascolto e servizi Caritas rilevati nel corso del 2019, saranno presentati anche alcuni dati del 2020, relativi a persone in difficoltà a causa dell’emergenza Covid - 19, e i risultati di un’indagine relativa all’impatto che l’emergenza ha avuto sulle attività dei centri e servizi Caritas in diocesi.

28/10/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Fratelli tutti: nessuno sia lasciato indietro - Mercoledì 28 Ottobre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

28/10/2020
Iniziative

INFO VOLONTARIATO

Mercoledì 28 ottobre

07/11/2020
Convegni

Convegno Diocesano Caritas

Sabato 7 novembre 2020 - ore 10.00 Diretta streaming sul canale Youtube di Caritas Ambrosiana

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Emergenza casa. Sfrattati dal coronavirus

Sempre più inesorabilmente la pandemia ci sta costringendo a vedere quei nodi della nostra vita sociale che per ignavia abbiamo per troppi anni ignorato.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Anziani
La nostra offerta
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...