La prostituzione cresce: serve una agenzia nazionale anti-tratta

«La percentuale delle donne che denunciano i propri sfruttatori è ancora bassa, ma potrebbe essere incrementata se si implementassero i programmi di accoglienza e protezione previsti dall’articolo 18 del testo unico sull’immigrazione attraverso anche la creazione di un’Agenzia nazionale anti-tratta. Spiace, invece constatare che il dibattito pubblico sulla prostituzione è stato deviato da una campagna d’opinione contro la legge Merlin e a favore di una qualche forma di regolamentazione del mercato del sesso», osserva don Roberto Davanzo, direttore di Caritas Ambrosiana.
 
Della dimensione criminale del mercato del sesso e i sui intrecci con le mafie internazionali si parlerà, domani, giovedì 9 ottobre, al convegno “Sfruttamento sessuale. Cultura, economia, criminalità”, promosso da Caritas Ambrosiana e i sindacati CGIL, CISL, UIL di Milano nell’ambito del Forum permanente sulla prostituzione. L’incontro si svolgerà dalle 9.30 alle 13.30, in Sala Alessi del Comune di Milano (Piazza della Scala 2).
 
Interverranno l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino, Ivana Brunato (Forum Permanente sulla Prostituzione), Luisa Rosti (Università degli Studi di Pavia), Luisa Leonini (Università degli studi di Milano), Fabrizio Maronta (giornalista di Limes), Alessandro De Lisi (Progetto San Francesco), Ester Nocera (magistrato), Stefano Carugo e Fabio Pizzul (consiglieri della Regione Lombardia).
 
Oltre all’assistenza in strada, alcune organizzazioni non profit, come le cooperative promosse da Caritas Ambrosiana, offrono alle donne che vogliono uscire dal racket accoglienze in strutture ad indirizzo protetto. Dall’osservazione degli operatori dell’unità di strada Avenida della Caritas Ambrosiana emerge che il giro di vite contro la prostituzione sulle strade, in nome del decoro, è fallito. Passata la paura delle multe, le donne costrette a prostituirsi sono tornate lungo le principali direttrici del traffico cittadino. La tratta non si è arrestata, anzi, pare diventata ancora più raffinata e potente.  Le organizzazioni criminali che la gestiscono sono più ramificate di prima, con forti collegamenti internazionali, capaci di gestire contemporaneamente più traffici illeciti: prostituzione, droga, immigrazione clandestina.
«Come purtroppo dimostrano anche altre esperienze europee – continua don Davanzo, anticipando la riflessione di domani –, creare quartieri a luci rosse dove poter esercitare liberamente la prostituzione, non impedisce alle organizzazioni criminali di prosperare». D’altro canto, anche le multe contro i clienti e le prostitute, sono risultate una misura fallimentare. «Applicate in altri paesi e sperimentate anche in parte in Italia per iniziativa di qualche Comune nel recente passato, hanno dimostrato di non essere affatto un efficace deterrente», ragiona il direttore di Caritas Ambrosiana. Secondo il quale «la sola strada è sciogliere il vincolo che lega le donne ai loro sfruttatori, aiutarle e favorire le denunce, incontrale e far capire che non sono sole e che possono chiedere aiuto. Così si potranno anche aggredire le organizzazioni criminali e aiutare le ragazze che ne sono vittima».
 
«Inoltre – aggiunge don Davanzo – occorre interrogarsi sulla domanda di sesso a pagamento. Il fatto che la prostituzione sia il mestiere più antico del mondo non può spingerci a buttare la spugna nel grande sforzo educativo che occorre affrontare soprattutto con i clienti».
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
11/03/2021
Convegni

Una comunità a misura di...ogni persona

Il webinar si terrà giovedì 11 marzo, dalle 20.45 alle 22.45

01/03/2021   Iniziative

Perché maltratto. Le situazioni di crisi: causa o effetto?

La situazione che stiamo vivendo da circa un anno, dovuta all'emergenza sanitaria, suscita un interrogativo: per quale motivo in momenti di particolare difficoltà e crisi molti uomini riversano sofferenza e frustrazione sulle donne? E quali possono essere gli interventi possibili in termini di prevenzione e contrasto a questo meccanismo spesso poco indagato?

18/02/2021
Convegni

L'Europa si è fermata a Lipa - Webinar

Giovedì 18 febbraio dalle ore 20.45 diretta Youtube sulla situazione dei migranti nel campo di Lipa, sulla condizione dei profughi in Bosnia, sulle attività di emergenza di Caritas Ambrosiana nel campo di Lipa e in Bosnia e sulle politiche migratore dell'Unione Europea. Iscriviti gratuitamente...

14/02/2021
Iniziative

Dalla zona di Varese sulla pace

Iniziativa di ACR, Caritas e Pastorale familiare della Zona II: ogni giorno un video di tre minuti con uno stralcio del testo, domande e riflessioni

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Lavoro a rischio per tutti. Le risorse non vanno sprecate

L’altro giorno mi è capitato di parlare con una giovane imprenditrice e mamma. La sua azienda (un’impresa individuale con qualche collaboratore occasionale) si occupa di organizzare eventi.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Notizie
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza