Ucraina, un anno di aiuti

Gli “Italiani dell’anno”. Cioè – definizione proposta da Alberto Chiara, giornalista di Famiglia Cristiana, conduttore del convegno – coloro che non si sono persi in dispute ideologiche, e hanno dedicato se stessi, il proprio tempo, le proprie risorse, le proprie case, ad aiutare almeno una tra le milioni di persone cui la guerra causata dall’aggressione russa all’Ucraina ha stravolto la vita, a partire da un anno fa. E a cercare vie inedite per la pace.
 
A questi italiani, ai tanti mobilitati anche nella diocesi di Milano, ai loro colleghi della rete nazionale e internazionale Caritas, al loro lavoro che non è mai cessato, anche quando l’emozione e la pressione mediatica sono calate, sono stati dedicati il convegno (qui il programma) organizzato nella mattina di oggi, martedì 21 febbraio, da Caritas Ambrosiana, e il dossier (scaricabile da qui) che ricapitola gli esiti della “azione Caritas in un anno di guerra”.
 
Lo sforzo di aiuto e di accoglienza è stato imponente e articolato. E condotto su vari fronti. In Ucraina hanno agito a favore di vittime e sfollati interni Caritas Ukraine (espressione della Chiesa greco-cattolica di rito bizantino) e Caritas Spes (espressione della Chiesa cattolica latina), grazie ad appelli d’emergenza (per l’equivalente di 46 milioni di euro) finanziati grazie alla mobilitazione di 48 Caritas nazionali di tutto il mondo, coordinati dalla rete Caritas Internationalis. Altri 7 appelli d’emergenza (per 18 milioni di euro) sono stati lanciati e poi realizzati dalle Caritas nazionali dei paesi confinanti con l’Ucraina. Si stima che, in Ucraina e nei paesi confinanti, siano stati di conseguenza raggiunti, con aiuti di varia natura (d’urgenza, d’accoglienza, alimentari, sanitari, educativi, di supporto psicologico, legale e finanziario) 5,3 milioni di persone. Caritas Ambrosiana, destinando complessivamente circa 900 mila euro, ha dedicato particolare attenzione ai rifugiati nella Repubblica di Moldova, finanziando progetti realizzati dallo storico partner Missione Sociale Diaconia.

Nella diocesi di Milano, l’accoglienza si è sviluppata sia attraverso canali e formule istituzionali, sia attraverso una capillare mobilitazione spontanea e informale di parrocchie, comunità, famiglie. Caritas Ambrosiana, erogando nel complesso circa 1,8 milioni di euro, ha sostenuto sia lo sforzo sia delle sue cooperative impegnate come gestori delle accoglienze convenzionate con alcune Prefetture lombarde, sia quello delle parrocchie e di altri soggetti territoriali: in totale, attraverso questi canali, in un anno ha consentito l’accoglienza a quasi 1.700 profughi in 156 strutture, parrocchie, centri e appartamenti capillarmente diffusi nel territorio diocesano, sviluppando non solo doverose forme di assistenza materiale, ma anche molteplici progetti di integrazione (lavorativa, linguistica, educativa, culturale, sportiva).
 
«Nel faticoso e necessario cammino di (ri-)costruzione della pace e del dialogo che ci troviamo di fronte, e che non diserteremo, supportando e sviluppando iniziative anche nei prossimi giorni – ha concluso Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana, ringraziando parrocchie, cooperative, operatori, volontari e donatori –, non hanno spazio solo istanze di natura etica e politica. Mentre si prefigura e si prepara un domani migliore, bisogna realizzare un oggi solidale. Caritas Ambrosiana, le sue cooperative, le parrocchie della diocesi di Milano hanno compreso e tradotto questa esigenza in una miriade di esperienze e percorsi. Piegarsi su tante vittime e sulle loro ferite, fisiche e morali, non equivale a piegarsi all’ineluttabilità della violenza. Ma provare a lenire dolori strazianti. Destinati, se non curati, a incubare domani nuovi odi e nuove brutalità. Che, nel nostro piccolo, proviamo a scongiurare. Riconoscere e attribuire dignità a ogni uomo, a cominciare dai piccoli e dalle vittime: è il nostro modo, il primo, il più ineludibile, il più appassionante, per costruire pace».
 
Rivedi la diretta streaming del convegno



Guarda il video con i numeri degli interventi internazionali delle rete Caritas



Guarda il videomessaggio di Tetiana Stawnychy, Presidentessa di Caritas Ucraina


MATERIALI DISPONIBILI

Dossier
Ucraina: prossimi alle vittime, affamati di pace (in formato PDF)
Richiedilo gratuitamente


Libro di favole
Raccontami... dieci stori dall'Ucraina (in formato PDF)
Download diretto


PER DONARE A FAVORE DELL'EMERGENZA UCRAINA

Dona Ora con Carta di Credito
 

FAI UN REGALO SOLIDALE


IN POSTA
C.C.P. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus - Via S. Bernardino 4 - 20122 Milano.
 
CON BONIFICO
C/C presso il Banco BPM Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN:IT82Q0503401647000000064700

CAUSALE OFFERTA: Conflitto in Ucraina

Per motivi di privacy le banche non ci inviano i dati di chi fa un bonifico per sostenere i nostri progetti.

Se vuoi ricevere la ricevuta fiscale o il ringraziamento per la tua donazione contatta il nostro numero dedicato ai donatori al numero 02.40703424

IMPORTANTE
Caritas Ambrosiana non effettua raccolte di vestiti, generi alimentari, medicinali, coperte o qualsiasi altro bene in quanto non possiamo garantire il trasporto di questi prodotti vista la situazione di conflitto in atto, le procedure doganali e i costi di trasporto. Caritas Ambrosiana raccoglie solamente offerte in denaro.
Caritas Ambrosiana invita le Caritas sul territorio della diocesi ad attenersi a questa indicazione.




Per le offerte effettuate dal 1° gennaio 2021 Caritas Ambrosiana è tenuta a comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati delle erogazioni liberali per consentire l’inserimento delle stesse nelle dichiarazioni precompilate ai fini di detraibilità e/o deducibilità fiscale.
La scadenza per l’invio dei dati da parte di Caritas Ambrosiana è il 16 marzo 2023.
Per poter adempiere a ciò è necessario che Caritas sia in possesso dei dati fiscali di chi effettua la donazione entro la fine del 2022.
 
Comunica subito i tuoi dati quando fai una donazione così da non perdere l’occasione. 
 
Per effettuare l’opposizione alla comunicazione è possibile seguire la procedura indicata sul sito www.agenziaentrate.gov.it.

 
Per qualsiasi informazione 02.40703424
 
Le donazioni sono detraibili/deducibili fiscalmente


Foto: Caritas Ambrosiana  

Percentuale donazione destinata ai progetti
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
29/03/2023
Iniziative

Ricostruire il domani: la rete Caritas al fianco delle popolazioni di ...

Mercoledì 29 marzo 2023 dalle ore 21.00 in diretta streaming su YouTube

29/03/2023
Iniziative

Info Cantieri 2023

Mercoledì 29 marzo 2023 ore 20.00 ti aspettiamo presso la nostra sede per la presentazione dei Cantieri della Solidarietà 2023. 4 mete in Italia e 6 all'estero... o forse di più

18/03/2023
Convegni

La Caritas tra profezia e missione

Sabato 18 marzo dalle ore 9.30 alle ore 12.30 presso la Cripta della Parrocchia SS.Pietro e Paolo – via Petracchi – Masnago

25/02/2023
Convegni

Beati i costruttori di guerra?

Guarda la registrazione del Convegno Mondialità che si è tenuto sabato 18 febbraio 2023. Nel 60° anniversario dell’enciclica Pacem in Terris di papa Giovanni XXIII e in una condizione di guerra che coinvolge da vicino l’Europa e decine di altri Paesi nel mondo, il Convegno intende offrire una riflessione sui temi della pace e della guerra

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 

Guerra in ucraina. La rete di Caritas Ambrosiana
Siamo reduci, ed è un aggettivo per certi versi inevitabile, da un anno che ha sconvolto il mondo, e che non può non averci interpellati nel profondo delle nostre prassi, delle nostre convinzioni, delle nostre aspirazioni... Leggi qui


IN EVIDENZA
Iniziative
Notizie
Emergenze in corso
La nostra offerta