Extrema ratio: accogliere e sostenere le persone agli arresti domiciliari

Il progetto “Extrema ratio: accogliere e sostenere le persone agli arresti domiciliari”, avviato nel giugno del 2017 e concluso alla fine del 2019, ha avuto l’obiettivo di intervenire rispetto al fenomeno delle misure cautelari - attraverso la realizzazione di azioni sperimentali di accoglienza abitativa, di accompagnamento socioeducativo, di sensibilizzazione e di ricerca - per favorire, in particolare, l’accesso alla misura cautelare dell’arresto domiciliare, riducendo l’uso della carcerazione preventiva.  Il progetto è stato realizzato nel territorio della Diocesi di Milano da Caritas Ambrosiana, insieme alle cooperative sociali Farsi Prossimo di Milano e L’Arcobaleno di Lecco, ed è stato promosso da Caritas Italiana, in collaborazione con l’Ispettorato Generale dei Cappellani delle Carceri, nell’ambito del Progetto Nazionale Carcere “Liberare la pena”, finanziato con fondi CEI 8xmille. Esso ha operato con il sostegno e la collaborazione dei cappellani degli istituti penitenziari della diocesi, della Conferenza Regionale Volontariato Giustizia della Lombardia, della Camera penale “Gian Domenico Pisapia” di Milano, del Garante dei diritti delle persone private della libertà del Comune di Milano e dell’Associazione Volontari Caritas di Lecco.
Nel suo anno e mezzo di attività il progetto ha ricevuto 74 richieste di intervento per 71 persone segnalate, per lo più si è trattato di richieste di accoglienza abitativa (48 richieste, il 65% del totale). Le segnalazioni sono state accolte nel 72% dei casi; di fatto sono state accolte tutte le segnalazioni coerenti con gli obiettivi e i criteri progettuali. Le 51 segnalazioni accolte hanno dato vita a 7 percorsi di accoglienza domiciliare (4 in appartamento e 3 in comunità) e a 11 percorsi di accompagnamento nel territorio (5 a Lecco e 6 a Milano). In 7 casi la domanda non è sfociata in una vera e propria presa in carico, ma è stata indirizzata ai servizi pubblici e del privato sociale del territorio, in 6 casi si è risolta con un’azione di orientamento rivolta direttamente alla persona in misura cautelare, a familiari o a operatori del territorio. In totale sono stati erogati quasi 3.000 giorni di accoglienza domiciliare (2.977) e i percorsi di accompagnamento territoriale hanno avuto una durata cumulata pari a 1.902 giorni.
Il progetto è stato accompagnato da un’azione di ricerca che ha indagato il fenomeno degli arresti domiciliari in generale e i discorsi degli ‘esperti’ che concorrono alla sua definizione e costruzione, e ha svolto, allo stesso tempo, un monitoraggio etnografico della costituzione del servizio di accoglienza e accompagnamento socioeducativo, con l’obiettivo di dare rimandi continui alle pratiche agite nel contesto del progetto e di individuare indicazioni di carattere più generale per gli interventi di accompagnamento sociale rivolti a persone in misura cautelare. Gli esiti della ricerca sono oggetto di uno specifico rapporto. Sono inoltre state realizzate diverse attività di formazione e sensibilizzazione, con la finalità di sviluppare le capacità di presa in carico delle persone agli arresti domiciliari da parte delle agenzie e dei servizi territoriali e di creare, nella comunità, una maggiore consapevolezza e un clima più favorevole rispetto a questa misura cautelare.
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
27/06/2022
Iniziative

Scegli da che parte stare 2022

Campi di formazione e lavoro volontario nel bene confiscato Libera Masseria e Spino d'Adda. Campi estivi per minorenni e maggiorenni dal 27 giugno al 6 agosto 2022. Leggi tute le informazioni...

18/06/2022
Iniziative

Sante subito! Famiglie 2022

Sabato 18 giugno dalle ore 17.00 in Piazza del Duomo a Milano

19/05/2022
Convegni

SOSTENERE L’ADOZIONE: accompagnare la sofferenza, prendersi cura del b ...

Convegno per operatori sul sostegno post adottivo

18/05/2022
Iniziative

Giornate di Eremo 2022

Rivedi le dirette streaming degli incontri di eremo e scarica i testi delle lectio di don Stefano Guidi direttore FOM e di don Maurizio Zago direttore dell'Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria. Guarda tutti i materiali disponibili...

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Diamo Lavoro e Fondo San Giuseppe

A Milano, e nel territorio diocesano, uno dei drammi più gravi è costituito dalla condizione di persone che sono alla ricerca di un lavoro, ma non posseggono adeguata qualificazione...... Leggi qui


IN EVIDENZA
Notizie
Straordinariamente BUONA

Francesco Canella ha vissuto per due anni l'esperienza dei Cantieri della Solidarietà con Kay Chal, conoscendo suor Luisa

Notizie
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...

La nostra offerta