Relazioni e apprendimenti al tempo degli smartphone


Michele Aglieri, pedagogista dell’Università Cattolica di Milano, ha aperto il seminario del 21 novembre con due brevi racconti dal sapore digitale.
Il primo:
Camminando nella piazza di una cittadina con degli amici e la loro figlia tredicenne sente una frase della ragazza:
“Noo era Morgan!”
“lo hai salutato?” le risponde lui.
“No, l’ho scritto sul gruppo WhatsApp della classe” dice lei chiudendo i commenti sul passaggio del più bello della scuola.
Un segnale che i ragazzi ignorano le persone in carne ed ossa e si preoccupano soltanto di comunicare col tefonino? No, dice Aglieri, il pettegolezzo tra ragazzi esisteva anche ai miei tempi, semplicemente ora lo si fa anche attraverso i social network.
Secondo racconto:
Lungo sfogo di un ragazzino sulla sua pagina facebook a proposito della nuova compagna del padre. Nei commenti si inserisce un amico, ma poi anche la madre ed un’amica che si lasciano andare ad espressioni di aperto disprezzo al limite con la violenza. L’amico suggerisce al ragazzino di continuare la conversazione in privato.
“Chi ha fatto un uso responsabile del mezzo in questo caso? Di sicuro non gli adulti”.
La responsabilità educativa invece è sempre degli adulti, in ogni luogo. E quando parliamo di social network proprio di luoghi, di ambienti, stiamo parlando. Luoghi in cui ci si incontra in mezzo ad altre persone che osservano, ascoltano e commentano.
Ai media si educa e ci si educa di continuo, lo sguardo critico fa fatica a star dietro all'evoluzione tecnologica, ma non per questo è autorizzato ad assentarsi, anche perché se no chi lo insegna ai ragazzi?
Il problema dell’oblio, cioè del fatto che ogni cosa che scriviamo resti indelebilmente tracciata, non rientra solitamente tra le considerazioni che un ragazzo fa quando utilizza i social network. Sul web ci si costruisce una reputazione e quindi è importante saper filtrare cosa si vuole rendere pubblico.
Anche del fatto che i media siano un business, con tutto ciò che questo comporta sull’organizzazione degli spazi e delle notizie sulle pagine, c’è scarsa consapevolezza. Le piattaforme web sono nate come forma d'arte e di aggregazione, ma sono di fatto diventate strumenti commerciali visti i numeri che ci sono sul loro utilizzo (vd www.internetlivestats.com).
I new-media creano attese, formano valori, fanno cultura, quindi è importante capire quali attese, valori e culture promuovono i media su cui si muovono i nostril figli. Obiettivi per un educatore sono quelli di  lavorare sulla competenza mediale perché generi giuste scelte dal punto di vista etico ed estetico. È un lavoro quindi sulla cittadinanza, sui valori e sulle relazioni. Vuol dire insegnare un metodo centrato sulla saggezza rapportandosi con i ragazzi, rispettare le cose che loro fanno, capire il senso delle loro azioni senza giudicarli e usare la nostra curiosità verso di loro.
Esistono poi alcuni luoghi comuni che vanno analizzati e spesso smontati:
-"I nativi digitali sanno fare tutto con i media". Non è vero, spesso, per esempio gli studenti universitari non sanno usare word. Si autoalfabetizzano, fanno tutto da soli, ma imparano solo ciò che gli serve.
-"Quelli sono luoghi virtuali". Ma di fatto vi transita del denaro, vi si litiga, vi si organizzano appuntamenti, tutte operazioni molto concrete.
-"Solitudine vs socializzazione: stai in rete perché sei solo o perché usi vari modi di socializzare? Questa è la vera questione, anche perché spesso i ragazzi stanno sul web mentre sono in mezzo agli amici in carne ed ossa. Ma di fatto è una questione che riguarda le competenze relazionali e di cui gli eventuali “abusi di web” sono solo una possibile conseguenza.
- "I nuovi media fanno più paura dei vecchi". Ma forse un ragazzino che sta tutti i pomeriggi a leggere un libro è auspicabile?
Conclusione con alcune indicazioni: è importante assegnare protagonismo ai ragazzi ed usare i loro desideri per incontrarli. I social network, i giochi e le mille opzioni che internet offre sono ottime opportunità per farlo.
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
30/09/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Non si può vivere sani in un pianeta malato - Mercoledì 30 Settembre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

21/10/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Lavoro dignitoso e imprese sociali - Mercoledì 21 Ottobre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

28/10/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Fratelli tutti: nessuno sia lasciato indietro - Mercoledì 28 Ottobre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

25/09/2020
Convegni

La Rotta Balcanica, dentro o fuori l'Europa?

Venerdì 25 Settembre dalle ore 10.00 - Diretta Youtube e Facebook. L’obiettivo è far conoscere la via che i richiedenti asilo che fuggono da persecuzioni e conflitti del medio oriente devono percorrere dai confini greco-turchi per giungere in Europa. Si tratta di una via pericolosa e impervia, fatta di attraversamenti di paesi, sia dell’Unione europea che esterni all’Unione. Ne parleranno dei rappresentanti delle Istituzioni europee e due europarlamentari...

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Debiti e usura. Il coronavirus li fa crescere

La legge sul sovra-indebitamento ha dato sino ad ora esiti molto modesti. A dimostrarlo sono i risultati delle fondazioni antiusura.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
America Latina e Caraibi
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno.