Vicini a distanza - La storia di Monica

È stato l’anno della didattica a distanza: se ne è parlato tanto, spesso in negativo, sottolineando come – pur con l’innegabile merito di “far andare avanti il programma” – la modalità da remoto abbia tolto agli studenti la possibilità della relazione e abbia acuito le disuguaglianze. Una soluzione di forza maggiore, insomma, ma poco amata e poco esauriente.

Eppure.

Adesso che l’anno scolastico è finito e il tempo dei bilanci si avvicina, ecco che emergono come sempre raggi di luce tra le crepe: e si scopre che la didattica a distanza, in qualche caso, è stata anche l’occasione per mettere in contatto alcuni volontari con i “loro” bambini. Bambini che, altrimenti, non avrebbero forse incontrato.

L'area Doposcuola di Caritas Ambrosiana, infatti, ha organizzato durante l’anno dei corsi di formazione dal titolo “Vicini a distanza”: lezioni rivolte ai volontari dei doposcuola interessati a sviluppare competenze digitali, per gestire l’aiuto allo studio e più in generale la relazione con i ragazzi in DAD. Tre edizioni da 25 iscritti ciascuna, per un totale di parecchi nuovi “smart teacher”.

vicini a distanza

La storia di Monica

Monica Crippa, 55 anni, residente nel milanese, è una di queste.
Nel novembre scorso, continuando a sentir parlare di DAD, Monica si è immedesimata: ha pensato alla solitudine, al senso di disorientamento, alla fatica che dovevano provare i ragazzi, soprattutto quelli con difficoltà di apprendimento, o con poco accesso alla tecnologica, o provenienti da famiglie in cui l’italiano non è la prima lingua.

Chi li aiutava a fare i compiti? A chi chiedevano assistenza in caso di un ostacolo con la grammatica?
“Mi faceva male – dice semplicemente – pensare che qualcuno potesse rimanere indietro per un motivo come questo”.

Perciò Monica si è attivata, si è messa a cercare: e subito è stata trovata da un annuncio di Caritas Ambrosiana. Si è offerta come volontaria e ha conosciuto la “sua” bambina: classe quarta della scuola primaria, figlia di una famiglia con cinque bambini di cui tre in DAD, mamma originaria del Senegal e poco abituata a parlare italiano. Una situazione faticosa. “La famiglia risiede vicino a Varese – spiega contenta Monica – ma a questo punto la geografia non era più un problema! Potevo aiutarla io, da dove mi trovavo. Una bella scoperta”.

vicini a distanza

Colmare la distanza con le competenze

Presto Monica si è resa conto che la modalità a distanza presentava una serie di criticità tecniche: è stata perciò molto felice di partecipare al corso di formazione: “Il corso è stato davvero utile – racconta – ci ha fornito una serie di strumenti in più, dandoci informazioni e possibilità di esercitarci su vari tipi di piattaforme e applicazioni. Ma non è solo quello: il corso ci ha dato metodo, ci ha insegnato a stimolare nei bambini il senso delle priorità, a relazionarci con loro nel modo più ordinato, guidandoli anche a curare il flusso delle informazioni, a segnarsi tutto sul diario, a non perdere il filo. Ci ha dato spunti per rendere gli scambi più vivaci e interessanti. Davvero un corso ben organizzato, insomma, con anche uno scambio piacevole e proficuo tra noi partecipanti”.

Monica ritiene che proprio l’apprendimento orizzontale, nato dagli scambi spontanei tra volontari, sia stato la chiave di volta: “Gli organizzatori sono stati bravi a fare gruppi ben assortiti, c’era un clima da classe anche tra di noi. Anzi, avrei voluto che si continuasse, con corsi ancora più specifici”.

vicini a distanza

I miglioramenti si sono visti

E la “sua” bambina si è accorta dei progressi? “Credo di sì, perché ho imparato ad aiutarla meglio. E intanto, dall’esperienza in generale, ho imparato a essere più paziente e meno esigente, anche con me stessa: ci vuole tempo e umiltà. Da parte di D., i risultati sono migliorati rispetto al primo quadrimestre, lei mi sembrava contenta e anche i suoi genitori”.
Esperienza promossa, dunque: “La rifarei senz’altro – conferma Monica – Il miglior risultato è vedere che adesso D. mi fa delle domande, quando ha dei dubbi: sembra aver vinto timidezza e disinteresse. E io ho ritirato fuori una parte giocosa di me. Abbiamo condiviso anche queste sensazioni, al corso. E ho visto che più o meno a tutti i volontari, quando parlavano del loro bambino, si illuminavano gli occhi”.
Che, come si sa, è una cosa che si percepisce bene anche a distanza.

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
05/07/2022
Iniziative

Mai più stragi

5 luglio, ore 19, piazza Duca d’Aosta (davanti Stazione Centrale), Milano. Mai più stragi, mai più soli: scendiamo in piazza come scorta civica. In piazza, insieme, perché nessuno sia più solo: martedì 5 luglio alle ore 19 davanti alla Stazione Centrale di Milano manifesteremo a sostegno del procuratore Nicola Gratteri e di tutti i cittadini che rischiano la vita contro le mafie...

05/07/2022
Convegni

Il valore della cura

5 luglio • ore 9.30-13.00 presso la sede diCaritas Ambrosiana via san Bernardino 4, Milano e in diretta streaming sul canale Youtube di Caritas Ambrosiana. Carenza di educatori e di altre figure professionali: proposte per affrontare un’emergenza nazionale che incide su persone, famiglie, servizi e comunità locali...

27/06/2022
Iniziative

Scegli da che parte stare 2022

Campi di formazione e lavoro volontario nel bene confiscato Libera Masseria e Spino d'Adda. Campi estivi per minorenni e maggiorenni dal 27 giugno al 6 agosto 2022. Leggi tute le informazioni...

18/06/2022
Iniziative

Sante subito! Famiglie 2022

Sabato 18 giugno dalle ore 17.00 in Piazza del Duomo a Milano

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Diamo Lavoro e Fondo San Giuseppe

A Milano, e nel territorio diocesano, uno dei drammi più gravi è costituito dalla condizione di persone che sono alla ricerca di un lavoro, ma non posseggono adeguata qualificazione...... Leggi qui


IN EVIDENZA
Notizie
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...

La nostra offerta
Numero dedicato donatori
Vuoi fare del bene? Chiamaci...

02.40703424 è il nuovo numero da chiamare per sapere come fare del bene... meglio! Chiama il nostro numero dedicato ai donatori Caritas, riceverai tutte le info ...