Chiude il campo rom di via Novara.

Il 31 luglio è stato chiuso definitivamente il campo rom comunale di via Novara 523. Il campo è stato allestito nel 2001 per dare una collocazione a un gruppo di rom kosovari e macedoni, arrivati in Italia negli anni ’90 a seguito del conflitto nei Balcani.
Della chiusura del campo si è iniziato a parlare nel 2010, in seguito alla decisione di destinare l’area alla realizzazione di un parcheggio in vista dell’Expo 2015. Negli ultimi anni il campo è andato incontro a un processo di degrado che ha reso sempre più difficoltosa e insalubre la vita dei suoi abitanti; chiuderlo rientra nella logica più ampia del “superamento dei campi” per promuovere un’effettiva integrazione sociale. Il principio della chiusura del campo è quindi condivisibile; ciò che ha reso molto problematica questa operazione sono stati i tempi lunghi, l’incertezza e i continui rinvii della data di chiusura.

Dal 2010 a oggi 22 famiglie di via Novara sono state accompagnate a un percorso di inserimento abitativo in alloggio, sia in autonomia che attraverso alloggi “ponte”; non si è trattato di una semplice collocazione in appartamento, ma di un percorso verso un’effettiva autonomia che ha necessariamente dovuto tenere conto anche dell’inserimento lavorativo. Si è dimostrato un percorso in molti casi lungo e per alcune famiglie non è ancora terminato.
Al momento della chiusura si trovavano al campo ancora 12 famiglie, alle quali il Comune di Milano ha offerto una collocazione temporanea nei proprio centri di accoglienza.

La Caritas ha coordinato il campo in modo ufficiale dal 2001 al 2011, prima con una convenzione con il Comune di Milano e poi con un’ATS insieme al Consorzio Farsi Prossimo e alla Coop. Intrecci; in seguito ha proseguito la propria presenza in modo “volontario”, per continuare a garantire alle famiglie rimaste comunque un sostegno pur nell’incertezza rispetto al loro destino.
La chiusura del campo rappresenta per la Caritas la conclusione di un intervento durato 15 anni (le famiglie sono state incontrate la prima volta nel 1999, quando ancora vivevano su un’area abbandonata accanto al Cimitero Maggiore), nel corso dei quali abbiamo visto i bambini crescere, diventare adolescenti e adulti, e avere a loro volta una propria famiglia.

Per i suoi abitanti, la chiusura del campo di via Novara ha significato la conclusione di una fase della loro vita in Italia; per gli operatori della Caritas rappresenta la fase finale di una significativa esperienza professionale e umana.
Il lavoro con gli abitanti di quello che è stato il campo di via Novara non è però finito: la relazione sta già continuando con le famiglie uscite e proseguirà per chi lo vorrà nei luoghi dove si troveranno a vivere.
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
11/03/2021
Convegni

Una comunità a misura di...ogni persona

Il webinar si terrà giovedì 11 marzo, dalle 20.45 alle 22.45

01/03/2021   Iniziative

Perché maltratto. Le situazioni di crisi: causa o effetto?

La situazione che stiamo vivendo da circa un anno, dovuta all'emergenza sanitaria, suscita un interrogativo: per quale motivo in momenti di particolare difficoltà e crisi molti uomini riversano sofferenza e frustrazione sulle donne? E quali possono essere gli interventi possibili in termini di prevenzione e contrasto a questo meccanismo spesso poco indagato?

18/02/2021
Convegni

L'Europa si è fermata a Lipa - Webinar

Giovedì 18 febbraio dalle ore 20.45 diretta Youtube sulla situazione dei migranti nel campo di Lipa, sulla condizione dei profughi in Bosnia, sulle attività di emergenza di Caritas Ambrosiana nel campo di Lipa e in Bosnia e sulle politiche migratore dell'Unione Europea. Iscriviti gratuitamente...

14/02/2021
Iniziative

Dalla zona di Varese sulla pace

Iniziativa di ACR, Caritas e Pastorale familiare della Zona II: ogni giorno un video di tre minuti con uno stralcio del testo, domande e riflessioni

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Lavoro a rischio per tutti. Le risorse non vanno sprecate

L’altro giorno mi è capitato di parlare con una giovane imprenditrice e mamma. La sua azienda (un’impresa individuale con qualche collaboratore occasionale) si occupa di organizzare eventi.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Notizie
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza