"Punto a capo sulla tratta. Primo rapporto di ricerca"

L’Italia dispone di strumenti normativi e di un sistema di interventi che per lungo tempo ne hanno fatto il modello più avanzato nel panorama europeo ed internazionale per la tutela delle persone trafficate nonché per il contrasto al fenomeno criminale. L’art. 18 del Testo Unico sull’Immigrazione (d.lgs. 286/98) e l’art. 13 della legge 228/2003 “Misure contro la tratta di persone” hanno infatti permesso la costruzione di una rete di progetti che, dal 2000 ad oggi, ha erogato servizi e misure di assistenza ad un numero considerevole di vittime. I programmi di prima assistenza (“progetti art. 13”) e quelli di assistenza e integrazione sociale (“progetti art. 18”), co-finanziati dal Dipartimento per le Pari Opportunità e realizzati da enti locali e organismi privati accreditati, sono attivi su tutto il territorio italiano, seppure con livelli di capillarità e strutturazione diversi. Secondo i dati ufficiali disponibili, dal 2000 al 2012, oltre 65.000 persone hanno ricevuto una qualche forma di supporto (informazioni, consulenza psicologica, consulenza legale, accompagnamenti socio-sanitari) dai progetti di protezione sociale, 21.378 hanno poi deciso di partecipare ad un programma di protezione sociale.

Che cosa è cambiato in questi tredici anni di implementazione dei progetti in termini fenomenologici, delle politiche, delle pratiche e delle metodologie anti-tratta? Quali sono le priorità inderogabili su cui le istituzioni centrali e periferiche (Governo, Parlamento, Regioni, Province, Comuni) devono concentrare le proprie azioni per superare le criticità esistenti e garantire il pieno rispetto dei diritti fondamentali delle vittime di tratta? Quali modifiche operative le organizzazioni non governative devono mettere in atto per rispondere ai reali e mutevoli bisogni delle persone trafficate che assistono?   

In occasione della Giornata europea contro la tratta di persone (18 ottobre 2013), la Caritas Italiana e il Coordinamento Nazionale delle Comunità di Accoglienza (CNCA), in collaborazione con il Gruppo Abele e l’Associazione On the Road, hanno presentato i risultati della ricerca Punto e a capo sulla tratta. 1° Rapporto sulla tratta e il grave sfruttamento. La ricerca risponde, tra le altre, anche alle domande sopra enunciate a partire da un punto di vista specifico: quello delle operatrici e degli operatori che, attraverso le unità di strada, i centri d’ascolto, gli sportelli, le strutture di accoglienza, i servizi di inclusione socio-lavorativa sono quotidianamente a contatto con vittime di tratta potenziali, presunte o già identificate e assistite.

Leggi le anticipazioni

L
eggi l'articolo di Italia Caritas

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
01/07/2020
Iniziative

La cultura della cura. L'emergenza aiuta le emergenze?

Mercoledì 1/7 - ore 18.00 - Diretta streaming Youtube e Facebook. Scopri come vedere la diretta e leggi il programma

29/06/2020
Iniziative

Finestre sul mondo

Ciclo di 4 incontri online aperto ai giovani. Ultimo appuntamento su Haiti insieme a Chiara e a padre Elder

17/06/2020
Iniziative

La cultura della cura. Distanziamento fisico - Prossimità sociale

Mercoledì 17/6 - ore 18.00 - Diretta streaming Youtube e Facebook. Scopri come vedere la diretta e leggi il programma

08/06/2020
Iniziative

La cultura della cura. Stare nell'incertezza

Lunedì 8/6 - ore 18.00 - Diretta streaming Youtube e Facebook. Scopri come vedere la diretta e leggi il programma

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Riapre la lombardia. Equilibri sociali precari

I lombardi, in generale, e naturalmente anche quelli che si dedicano al volontariato sono orgogliosi della loro capacità di fare.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
America Latina e Caraibi
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno.