Famiglia, non solo cibo

Lo scorso mese abbiamo descritto il lavoro che circa venti decanati stanno svolgendo in vista dell’appuntamento del 12 aprile quando diverse famiglie metteranno in gioco il loro protagonismo in vista di una rinnovata capacità di condivisione attorno a quattro ambiti: l’abitare, il lavorare, il consumare e il prendersi cura. L’idea che sta alla base di questa iniziativa è insieme semplice e impegnativa: le questioni poste sul tappeto dalla prossima edizione dell’Expo, seppure centrate sul tema del cibo, rimandano ad un “nutrire” che passa obbligatoriamente da un “con-dividere”. Attori principali di questa condivisione, che diventa antidoto ad un individualismo devastante e triste, sono proprio le famiglie, intese come prioritaria scuola di socialità. Ciò che nutre la vita del pianeta non è solo ciò che soddisfa il fabbisogno energetico-calorico degli esseri umani. Abbiamo bisogno di cibo, ma insieme abbiamo bisogno di casa, di lavoro, di legami. E di questi differenti ingredienti la famiglia può e deve sempre più mostrarsi come il primo luogo nel quale sperimentare una inedita condivisione che peraltro da tempo viene già sperimentata con beneficio di quanti ne sono coinvolti.
La lotta contro la fame passa indubbiamente attraverso il ripensamento dei meccanismi di produzione e distribuzione delle derrate alimentari o la revisione della finanza e del mercato. Così come ha bisogno di norme sempre nuove, capaci di far superare le inequità presenti nel pianeta e che sono la causa di ogni male. Senza dimenticare la necessità di misure finalizzate a combattere l’enorme spreco e le vergognose eccedenze alimentari.
Ma saremmo miopi se ci fermassimo a questo pur necessario livello politico e non ci impegnassimo nel favorire la diffusione di stili di vita quotidiani, accessibili e praticabili dalla base della popolazione.
Intanto perchè lo spreco alimentare avviene anzitutto nelle famiglie (responsabili del 43% dello spreco in Italia), ma poi perchè ogni cambiamento culturale deve passare dagli ambiti più basilari della vita dell’uomo, là dove l’uomo impara a vivere, là dove l’uomo scopre di non essere il padrone del mondo.
Ecco dunque il perchè di questo lavoro che attorno al 12 aprile vedrà l’attuarsi di una significativa tappa di quel percorso che avrà come oggetto l’agire abituale dei singoli e delle famiglie, convinti che la costruzione di un rapporto responsabile e capace di cura nei confronti del pianeta deve partire da scelte quotidiane orientate alla costruzione del bene comune.
Già dicevo che su questo fronte non siamo all’anno zero e che in diverse situazioni alcune famiglie si sono organizzate in esperienze di condivisione del lavoro, dell’abitare, del consumare e del prendersi cura.
Ora si tratta di passare da una dimensione più sperimentale ad una fase di confronto, di riflessione e di diffusione più capillare di proposte, perchè siano prese in considerazione anche da altre famiglie che potrebbero essere interessate e coinvolte.
L’idea di fondo resta sempre la stessa: prima di preoccuparci di aumentare la produzione di beni perchè bastino a tutti, proviamo a redistribuire quelli che già ci sono e che, magari, non vengono usati al massimo delle loro potenzialità. Così per le case – pubbliche e private - che già ci sono e che sono vuote in numeri impressionanti. Così per il cibo che, se acquistato collettivamente, aiuta a sostenere i produttori locali, ci fa risparmiare dal punto di vista del trasporto e del consumo energetico. Così per il tempo che potremmo mettere a disposizione per situazioni di solitudine e di fragilità, rimandando la richiesta dell’intervento dei servizi sociali a quelle più estreme e complesse. Dunque, coraggio. Magari la tua famiglia non si è mai coinvolta in esperienze di questo genere, ma il 12 aprile potrebbe essere l’occasione per scatenare la curiosità.
Don Roberto Davanzo

Leggi tutto l'inserto Farsi Prossimo del Segno di aprile 2015

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
25/09/2020
Convegni

La Rotta Balcanica, dentro o fuori l'Europa?

Venerdì 25 Settembre dalle ore 10.00 - Diretta Youtube e Facebook L’obiettivo è infatti far conoscere la via che i richiedenti asilo che fuggono da persecuzioni e conflitti del medio oriente devono percorrere dai confini greco-turchi per giungere in Europa. Si tratta di una via pericolosa e impervia, fatta di attraversamenti di paesi, sia dell’Unione europea che esterni all’Unione. Ne parleranno dei rappresentanti delle Istituzioni europee e due europarlamentari...

30/09/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Non si può vivere sani in un pianeta malato - Mercoledì 30 Settembre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

21/10/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Lavoro dignitoso e imprese sociali - Mercoledì 21 Ottobre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

28/10/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Fratelli tutti: nessuno sia lasciato indietro - Mercoledì 28 Ottobre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Debiti e usura. Il coronavirus li fa crescere

La legge sul sovra-indebitamento ha dato sino ad ora esiti molto modesti. A dimostrarlo sono i risultati delle fondazioni antiusura.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
America Latina e Caraibi
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno.