Per una ecologia umana integrale

Dall’Expo al Giubileo della misericordia: una carità che si fa cultura
 
Almeno per noi di Caritas l’anno pastorale sarà come se dovesse cominciare più tardi. La durata di Expo fino alla fine di ottobre farà sì che tutta una serie di appuntamenti tradizionali di inizio anno subiranno dei cambiamenti. A cominciare dall’ormai consueto Convegno di settembre che quest’anno non verrà celebrato, essendo ancora coinvolti con diversi appuntamenti all’interno del sito di Expo. Gli stessi incontri di inizio anno nelle sette zone pastorali subiranno uno spostamento di due mesi in quanto si svolgeranno dalla metà di novembre. Non subirà cambiamenti la Giornata Diocesana Caritas con il Convegno che la precede e che si terranno rispettivamente la domenica 8 novembre e il sabato 7 novembre.
Ma al di là degli aspetti legati al calendario, vorrei dedicare queste righe a condividere con i lettori qualcosa dei temi su cui saremo coinvolti nei prossimi mesi. Temi che riguarderanno in qualche modo il cammino della nostra Chiesa milanese, della Chiesa che è in Italia, ma anche della Chiesa universale.
Partendo da questo livello, infatti, non potremo non soffermarci sui contenuti della enciclica di Papa Francesco, Laudato si’, “sulla cura della casa comune”. Un’enciclica che si innesta sui grandi temi che la partecipazione ad Expo ci ha provocato ad approfondire, quelli del rapporto con la natura e le risorse da trarvi perché ogni essere umano possa avere cibo sicuro e dunque prospettiva di vita buona.
Sempre per rimanere sul piano della Chiesa universale non potremo dimenticare l’atteso Sinodo sulla famiglia del prossimo ottobre, anche per continuare la riflessione sulla famiglia come luogo privilegiato per sperimentare quegli stili di vita indispensabili per una autentica lotta allo spreco e alla cultura dello scarto: ciò che è in gioco non è solo una giusta educazione al comprare, al cucinare, al mangiare; c’è di mezzo l’affinamento di una reale capacità di prenderci cura che difenda le categorie più fragili, dai bimbi non ancora nati, agli anziani che si pensano ormai inutili e di peso.
Un ultimo “evento” segnerà il cammino della Chiesa universale nel prossimo anno pastorale. Si tratta del Giubileo della Misericordia che Papa Francesco ha indetto a partire dal prossimo 8 dicembre: un tempo di grande riconciliazione con Dio, con gli altri uomini, con la natura; un tempo di grande conversione che dovrà toccare anche il modo di pensare ed organizzare l’economia, il mercato, la finanza, affinché la misericordia di Dio trovi canali umani lungo i quali raggiungere quanti ne hanno più bisogno. Un tempo nel quale noi, operatori della carità, siamo chiamati a pensarci anche come operatori della misericordia, attuatori di una specie di giubileo permanente, affinché chi cade lungo il cammino della vita sia aiutato sempre a rialzarsi.
Per venire al livello della Chiesa italiana non possiamo dimenticare che dal 9 al 13 novembre, a Firenze si terrà il 5° Convegno Ecclesiale Nazionale che avrà come titolo “In Gesù Cristo il nuovo umanesimo”. Saremo presenti anche come Caritas Ambrosiana nella delegazione della Diocesi di Milano. Ma il tema dovrà toccarci un po’ tutti: se siamo stati in Expo, se viviamo il nostro servizio a favore dei più poveri, se non è più rimandabile un nuovo modo di pensare all’ecologia, tutto questo diventa autentico a partire da una precisa idea di uomo che l’incontro con Gesù Cristo ci consente. È solo guardando a Gesù che noi impariamo CHI è l’uomo, COME lui deve rapportarsi al creato per trarne le risorse per una vita buona e COME dobbiamo occuparci di lui quando per tanti motivi finisce per essere escluso dal banchetto della felicità.
Last but not least dicono gli inglesi. Arriviamo al livello della nostra Chiesa milanese e alla lettera pastorale dal titolo: Educarsi al “pensiero di Cristo” (1 Cor 2,16), con la quale l’Arcivescovo Scola ci indica il cammino di una fede che non si ferma sul piano intellettuale o su quello liturgico o devozionale, ma che diventa pensiero, forma mentis criterio di lettura e di giudizio di quanto accade. Mi viene da pensare a quante volte capita che pur bravi e generosi operatori della carità, poi non riescano a lasciare che le azioni che compiono a favore di chi è variamente segnato dalla vita plasmino il loro modo di giudicare, il loro modo di pensare alla politica, il loro modo di affrontare le grandi sfide mondiali. Ecco allora il senso del sottotitolo che abbiamo pensato per questo anno pastorale di Caritas Ambrosiana: tutto il cammino che siamo invitati a percorrere sui grandi temi che spaziano dall’Expo al Giubileo della misericordia, deve condurci a due grandi obiettivi. Il primo è quello di coltivare un’ecologia, un modo di pensare al rapporto con la natura in cui non solo le risorse del pianeta siano rispettate, ma anche quella risorsa centrale che è l’uomo, specie quando è ferito o escluso. Il secondo riguarda i frutti che la nostra attività caritativa deve produrre su ciascuno di noi, affinché la carità non sia solo un involucro esterno, ma la forma stessa del nostro vivere.
 
Don Roberto Davanzo

Leggi l'inserto del Segno di Settembre

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
10/09/2022
Convegni

Convegno Diocesano Caritas Decanali 2022

Sabato 10 settembre dalle ore 9.00 alle ore 13.00 in diretta streaming sul canale Youtube di Caritas Ambrosiana e in presenza (posti limitati su invito) presso la sede della Caritas Ambrosiana, Via S. Bernardino 4. “La via del Vangelo è la pace. Pregare per la pace: relazioni giuste e alleanze di pace.”...

21/07/2022
Iniziative

Il menù della poesia - Refettorio Ambrosiano

Nell’ambito di «Milano è viva nei quartieri», il Teatro dell’Elfo presenta «Il menù della poesia»: nella mensa solidale di piazza Greco cene con spettacolo il 21 luglio, il 7 e il 22 settembre...

05/07/2022
Convegni

Il valore della cura

5 luglio • ore 9.30-13.00 presso la sede diCaritas Ambrosiana via san Bernardino 4, Milano e in diretta streaming sul canale Youtube di Caritas Ambrosiana. Carenza di educatori e di altre figure professionali: proposte per affrontare un’emergenza nazionale che incide su persone, famiglie, servizi e comunità locali...

05/07/2022
Iniziative

Mai più stragi

5 luglio, ore 19, piazza Duca d’Aosta (davanti Stazione Centrale), Milano. Mai più stragi, mai più soli: scendiamo in piazza come scorta civica. In piazza, insieme, perché nessuno sia più solo: martedì 5 luglio alle ore 19 davanti alla Stazione Centrale di Milano manifesteremo a sostegno del procuratore Nicola Gratteri e di tutti i cittadini che rischiano la vita contro le mafie...

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Giovani fragili apritevi al mondo

Sono usciti dalla stagione pandemica marchiati da segni profondi. Anche se invisibili. Il virus ha fatto, tra le loro fila, molte meno vittime “fisiche” che tra i membri delle altre classi d’età. ...... Leggi qui


IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Regali solidali - Le prime consegne

Grazie alla generosità dei nostri sostenitori abbiamo iniziato la distribuzione di kit scolastici per i bambini ucraini ospitati presso il centro di Balti in Mo ...

Notizie
Tabella trasparenza
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...

La nostra offerta