Perché ce la prendiamo con chi sta peggio?





Si è appena conclusa un’estate caldissima e non solo in senso metereologico. L’opinione pubblica si è di nuovo infiammata sul tema dell’immigrazione. 
Come accade spesso, e sempre più di frequente, ad innescare l’incendio è stato un episodio, in sé, di piccolo conto, facilmente risolvibile, trasformato invece in un caso politico nazionale: l’arrivo al porto di Catania di un centinaio di migranti salvati nel Mediterraneo dall’incrociatore della Marina militare, Diciotti. Il braccio di ferro ingaggiato dal nostro governo con le altre cancellerie europee per decidere chi si sarebbe dovuto assumere la responsabilità di accoglierli si è concluso con una sonora sconfitta italiana, e solo l’intervento dei vescovi ha permesso al nostro Paese di salvare almeno la faccia. 

Tuttavia il fatto ancora più interessante è stato l’epilogo di quella vicenda. L’allontanamento spontaneo di una parte significativa di quei migranti, tutti eritrei, dai centri della Caritas dove avevano trovato ospitalità avrebbe potuto aprire un varco nella propaganda. Il Paese si sarebbe dovuto chiedere dove erano andati quei giovani, per quale ragione avevano rifiutato di vivere nutriti e vestiti a nostre spese, bighellonando senza fare nulla, chattando sui loro costosi smartphone, come sostengono i nuovi agit-prop dei social media. Ci saremmo dovuti chiedere in cambio di cosa avevano barattato l’assistenza offerta così generosamente? Rispondere a quelle domande avrebbe permesso di capire, per esempio, che quei ragazzi cercavano un futuro e come moltissimi altri che sono giunti in Italia, sapevano di non poterlo trovare da noi. Nei giorni immediatamente successivi al loro arrivo a Milano, gli otto che abbiamo accolto, ci avevano espresso il desiderio di raggiungere i propri parenti in Germania. Una cinquantina di loro, usciti dal centro di accoglienza di Rocca di Papa si sono diretti in Francia. 

La verità che quell’episodio fa emergere è che il nostro Paese non è da tempo la meta di destinazione dei flussi migratori. Che chi arriva da noi vuole andare altrove e sa di avere buone possibilità di riuscirci, nonostante i regolamenti internazionali e i controlli alla frontiera, più sbandierati che effettuati. Tanto appunto da rinunciare ad un’offerta sicura di accoglienza, come è stato nel caso dei reduci della Diciotti.
Qualcuno potrebbe pure rallegrarsene. Le persone più serie dovrebbero invece chiedersi come mai abbiamo smesso di essere attrattivi per i migranti. Invece che litigare tra presunti buonisti e cattivisti, o di gonfiare i muscoli come bulli pestando i pugni sul tavolo con i nostri vicini europei, dovremmo interrogarci sulle ragioni per le quali la ripresa economica nel nostro Paese è più lenta che altrove, genera meno che altrove nuova occupazione; per quale ragione nonostante una tassazione che pesa sulle tasche dei cittadini italiani più che in altri stati membri della Ue, abbiamo meno servizi, meno risorse. 

Dovremmo discutere sui motivi per i quali il nostro sistema di welfare invece di aiutare chi sta peggio a migliorare la propria situazione rimettendolo nella condizione di tornare a contribuire al benessere di tutti, lo imprigiona in un’assistenza senza fine. Naturalmente di tutto questo non parliamo e preferiamo prendercela con chi sta peggio di noi. 
 
Luciano Gualzetti


Leggi tutto l'inserto "Farsi Prossimo" del Segno di Ottobre 2018
newsletter
Iscriviti alle nostre newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
11/01/2019
Corsi di formazione

Percorso formativo per aspiranti famiglie affidatarie di minori non ac ...

Percorso formativo per famiglie e single che sono interessati a capire come accogliere i minori non accompagnati

01/12/2018
Iniziative

1 DICEMBRE 2018: 30ma giornata di lotta all'AIDS

…e dopo tanto viaggiare, in lungo e in largo.. mari, oceani e deserti… in un campo, sotto un grande albero si addormentarono abbandonati… uno vicino all’altro, finalmente liberi.

29/11/2018
Convegni

Per una giustizia almeno un poco più giusta

Tre incontri sulla giustizia penale da ottobre 2018 a gennaio 2019

27/11/2018
Convegni

La comunità di cura nella metamorfosi del sociale

Presentati martedì 27 novembre all’Auditorium del Centro San Fedele di Milano i dati della ricerca condotta da Aaster per le diocesi della Lombardia. Una ricerca qualitativa sui volontari dei Centri di Ascolto, con i dati che emergono dai focus group e dai questionari somministrati.

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
A Natale, il sapore del pane spezzato

Esiste una interpretazione banale del Natale che trasforma questa fondamentale festa religiosa in una fiera di buoni sentimenti.
... Leggi qui

IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Bilancio Sociale 2017

Richiedi gratuitamente il nostro Bilancio Sociale 2017 per vedere come abbiamo lavorato lo scorso anno per raggiungere la nostra missione sociale di incontro ve ...

Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2017 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas Ambrosiana e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno. Da oltre 50 anni Caritas Ambrosiana ope ...