Vestire gli ignudi

Sulla raccolta degli indumenti usati esiste ancora un equivoco. Si pensa che gli abiti che gettiamo nei cassonetti siano destinati a essere indossati dai poveri. L’idea è sbagliata ed è radicata nell’opinione corrente anche perché ci sono operatori che continuano ad alimentarla, quasi sempre, in mala fede. Le cose stanno diversamente. Per una semplice ragione. In Italia, come in molti altri paesi dell’Occidente, il numero d’indigenti non è tale da assorbire tutta l’enorme quantità di capi di abbigliamento che a ogni cambio di stagione eliminiamo dai nostri armadi per far posto a nuovi capi.

 
Nel nostro Paese, invece, ci sono persone – e sono purtroppo in aumento anche altrove in Europa – che non riescono a pagare le bollette, sono costrette a risparmiare sul cibo, fanno fatica ad acquistare i libri scolastici, non riescono a riqualificarsi quando vengono espulsi dal mercato del lavoro. Per queste ragioni, le cooperative di Caritas Ambrosiana, come altre realtà del terzo settore, hanno immaginato un modo nuovo per tradurre in termini contemporanei una delle opere di misericordia che la tradizione cristiana ci raccomanda: vestire gli ignudi.
 
Con il tempo sono riuscite a creare in questo settore una filiera solidale capace di dare lavoro a chi non ce l’ha, a creare valore e a donarlo a chi si trova in stato di bisogno, a ridurre l’impatto ambientale prodotto dagli abiti che noi consumatori bulimici trasformiamo in scarto.
 
In 20 anni esatti dalla loro costituzione hanno sostenuto 200 progetti sociali per un valore di circa 5 milioni di euro, hanno creato 170 posti di lavoro direttamente nella raccolta e nelle attività collegate, tra le quali la catena dei negozi Share. Non da ultimo, dando una seconda vita agli abiti destinati a diventare rifiuti, hanno generato un risparmio per gli abitanti dei territori della diocesi di Milano e Brescia di circa 2 milioni di euro sui costi di smaltimento. E contemporaneamente hanno continuato a destinare ai guardaroba parrocchiali la quota di abiti che serve effettivamente alle persone più disagiate.
 
Dietro la scritta Dona valore, che si può leggere solo sui cassonetti delle cooperative della rete RIUSE (Raccolta Indumenti Usati Solidale ed Etica) che fanno capo a Caritas Ambrosiana e più recentemente anche alla Caritas della diocesi di Brescia, c’è tutto questo. Un modello di economia circolare che viene guardato con interesse anche oltre i confini nazionali. Ora proprio nell’internazionalizzazione c’è la chiave per interpretare e cogliere le nuove sfide. 
 
Con i principali player del settore, Terre Asbl (Belgio), Oxfam Solidarité Asbl (Belgio), Ebs le Relais Est (Francia), Formacio i Treball (Spagna), le cooperative della rete RIUSE di Caritas Ambrosiana hanno dato vita a Tess (Textile with ethical sustainability and solidarity). Tess è un gruppo europeo di interesse economico (geie) i cui obiettivi sono dare vita a forme di commercio equo tra le imprese sociali che vendono indumenti raccolti in Europa e le imprese sociali (di norma ubicate nel Sud del mondo) che li acquistano e sostenere queste ultime nella fase di start-up. 
 
Ecco proprio la nascita di questa rete internazionale, certificato dal marchio etico Solid’r, offrirà una garanzia maggiore ai cittadini quando sceglieranno i cassonetti gialli Dona valore.
 
Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana

Leggi tutto l'inserto di Farsi Prossimo nel Segno di luglio/agosto 2018

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Dona ora per i progetti Caritas
EVENTI E INIZIATIVE
30/01/2020
Iniziative

Aperitivo Young Caritas

Giovedì 30 gennaio 2020 ore 18;30 - Via San Bernardino, 4 a Milano Hai un'età compresa tra i 18 e i 30 anni? Vuoi approfondire il tema delle Fake News? ...

01/02/2020
Convegni

Dal buon vicinato all’accoglienza: per una quotidianità condivisa

Convegno annuale dello Sportello Anania sui temi dell'accoglienza

08/02/2020
Convegni

Tratta e schiavitù

Il grande business delle mafie - 8 febbraio 2020. Giornata mondiale contro la tratta di persone. Armi, droga, merce contraffatta, tabacco… ma soprattutto esseri umani. Gruppi criminali internazionali, ma anche mafie italiane, si stanno arricchendo sulla pelle di milioni di persone spesso in condizioni di grande vulnerabilità. Uomini, donne e, sempre più spesso bambini e bambine, vengono trafficati e ridotti in condizioni di vera e propria schiavitù per lo sfruttamento lavorativo...

21/01/2020
Iniziative

La libertà che non si può rinchiudere dentro una cella

Al Museo Diocesano, detenuti in scena con un reading sull’esperienza spirituale in carcere. Presentazione dei risultati di un percorso triennale dedicato al pluralismo religioso in 9 istituti penitenziari lombardi. Gualzetti: «Riconoscere la libertà di culto ai detenuti significa prendere atto del pluralismo religioso presente nelle carceri e prevenire fenomeni di radicalizzazione»

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Una politica giusta per i deboli. Sarà la volta buona?

Correva l’anno 2018 – e sembra passato un secolo per i tempi della politica italiana – l’estate era appena finita
.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Iniziative
Info Volontariato in Caritas Ambrosiana

Scopri come diventare volontario in Caritas Ambrosiana e nelle realtà vicine alla Caritas. Trasformare la tua voglia e la tua energia in servizi utili agli altr ...

Progetti in evidenza
Biglietti di Natale 2019

A Natale scegli i biglietti di Auguri di Caritas Ambrosiana e trasforma i tuoi auguri in un segno concreto di solidarietà a favore delle famiglie che si recano ...

La nostra offerta
Proposte formative per le scuole

Sei un docente di una scuola primaria o secondaria? Vuoi dare la possibiltà ai tuoi alunni di migliorare la loro crescita con delle proposte formative speciali ...

Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2018 dalla pubblica ammini ...