Il Cardinal Martini, il pastore che ci insegnò le diverse forme della carità

Ho già avuto modo di fare memoria sul nostro sito web della profonda relazione tra il card. Martini e la Caritas Ambrosiana. Non saremmo così come siamo se non avessimo avuto un pastore come lui che – avvalendosi di direttori come msg Angelo Bazzari e don Virginio Colmegna – delineò una fisionomia moderna dell’organismo pastorale finalizzato a promuovere nelle comunità cristiane e nella società tutta la cura per i più deboli e le premesse per il superamento di ogni ingiustizia.
Ormai è trascorso un mese dalla morte del card. Martini, ma ritorno volentieri sulla sua figura e sulla sua profezia, capace di trovare nella Parola di Dio e nel magistero conciliare le radici per uno sguardo rivolto al futuro. Quello sguardo che ce lo fa sentire, come operatori di Caritas, particolarmente vicino e capace ancora a lungo di interpellarci, stimolarci, illuminarci.
Dunque Martini uomo della carità, o meglio delle diverse forme di carità. Almeno tre.
 
La prima potremmo definirla la carità dell’insegnare a pescare: mi riferisco evidentemente al proverbio che suggerisce di offrire a chi ha fame più che un pesce, la capacità di procurarselo da soli. Ebbene, il Card. Martini ha svolto la sua azione educativa fornendo non tanto facili soluzioni carismatiche, quanto un metodo, un compagno di viaggio. Mi piace rileggere l’immenso servizio di introduzione alla Parola come un modo per vivere lo stile di Giovanni Battista che arriva ad affermare “lui deve crescere, io diminuire”. Il Card. Martini non ha mai trattenuto, ha sempre lasciato andare, mostrando così il suo essere autentico educatore. Nel suo incoraggiare a passare da una fede di convenzione ad una fede di convinzione, ha però donato lo strumento affinchè ogni credente potesse compiere in libertà questo cammino. Ha voluto credenti adulti affrancati da qualsivoglia dipendenza clericale.
 
La carità della ricerca della verità è la seconda carità di cui essere grati al Card. Martini. Quella verità che volle inserire nel suo motto episcopale – « Pro veritate, adversa diligere » - fu il costante oggetto della sua ricerca, ma anche il criterio che guidò il suo stile. Convinto della indisponibilità della verità nella sua interezza, l’Arcivescovo viveva l’apertura al diverso non solo come atto di cortesia, ma come accoglienza di ogni possibile contributo a questa ricerca. L’impegno al dialogo, l’ascolto rispettoso delle ragioni del non credente, il servizio dell’intercessione come composizione tra realtà in conflitto: non si trattava solo di strategie finalizzate a rendere bendisposto l’interlocutore ostico. Era il suo modo di manifestare la consapevolezza che solo Gesù è l’assoluto e tutto il resto – Chiesa compresa – è relativo a Lui.
 
Ma c’è una terza forma di carità che ha segnato lo stile e l’insegnamento del Card. Martini: quella presente nel mistero della croce di Gesù, unica “bellezza che salverà il mondo”. Mi riferisco ad una delle sue ultime lettere pastorali – quella per l’anno 1999-2000 - che, parafrasando un’espressione presente nell’opera di Dostoevskij “L’idiota” si intitolava “Quale bellezza salverà il mondo?”. A tale inquietante domanda il Card. Martini rispondeva affermando che “la bellezza che salva il mondo è l’amore che condivide il dolore”. Un amore che ha trovato la sua icona massima nella inaudita dedizione di un Dio che nella croce di Gesù ha manifestato in pienezza la sua carità. Un’icona da guardare in continuazione se solo si vuole fondare la donazione di sè in qualcosa di ben più solido che non la nostra fragile volontà.
 
È per questo che, come Caritas Ambrosiana, continuiamo a sentire il Card. Martini come particolarmente affine: non certo perchè è stato un Vescovo “sociale”, ma perchè ha saputo mostrare e vivere uno stile di carità che dice l’eccedenza di un’esperienza di fede in cui l’incontro col mistero del Dio cristiano ci rende a sua immagine e somiglianza.
 
Don Roberto Davanzo

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
23/09/2020
Iniziative

INFO VOLONTARIATO

Mercoledì 23 settembre

25/09/2020
Convegni

La Rotta Balcanica, dentro o fuori l'Europa?

Venerdì 25 Settembre dalle ore 10.00 - Diretta Youtube e Facebook L’obiettivo è infatti far conoscere la via che i richiedenti asilo che fuggono da persecuzioni e conflitti del medio oriente devono percorrere dai confini greco-turchi per giungere in Europa. Si tratta di una via pericolosa e impervia, fatta di attraversamenti di paesi, sia dell’Unione europea che esterni all’Unione. Ne parleranno dei rappresentanti delle Istituzioni europee e due europarlamentari...

30/09/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Non si può vivere sani in un pianeta malato - Mercoledì 30 Settembre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

21/10/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Lavoro dignitoso e imprese sociali - Mercoledì 21 Ottobre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Debiti e usura. Il coronavirus li fa crescere

La legge sul sovra-indebitamento ha dato sino ad ora esiti molto modesti. A dimostrarlo sono i risultati delle fondazioni antiusura.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
America Latina e Caraibi
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno.