Etiopia, emergenza terribile: proseguono gli aiuti Caritas

L’Etiopia, e in particolare la regione settentrionale del Tigray, governata da un forte movimento indipendentista, è stata oggetto a partire dal 2020 di una violenta guerra civile, che ha causato una ingentissima crisi umanitaria, con circa mezzo milione di morti, milioni di sfollati e una popolazione civile segnata dalla diffusa carenza di generi alimentari e di prima necessità. Ancora oggi, si calcola che gli sfollati siano 3.450.000 in più di 2.500 siti (64% a causa delle conseguenze del conflitto, 17% per la siccità, 9% per tensioni sociali, 10% per cause varie), 12 milioni di persone vivano una situazione di insicurezza alimentare (di cui 2 milioni nel Tigray e 3,5 milioni nella vicina regione dell’Amhara).
In questo quadro, la rete internazionale Caritas (incluse Caritas Italiana e Caritas Ambrosiana) ha fatto la propria parte, venendo in soccorso delle comunità provate dalla guerra. La prima parte dell’intervento di emergenza, prolungatasi fino al 2023, si è ormai conclusa, e ora si sta aprendo una nuova stagione di interventi, in uno scenario che rimane comunque molto grave, dal momento che il conflitto è peggiorato costantemente da gennaio 2022, con un’escalation di atrocità e violazioni gravissime dei diritti umani.

Il confronto bellico sembrava essere cessato all’inizio di novembre, con la firma di un accordo di pace in Sud Africa, ma se è vero che le armi sono state messe a tacere tra i due principali contendenti – il governo di Addis Abeba e il Fronte popolare di Liberazione del Tigray (Tplf) –, le violazioni dei diritti umani sono però continuate, in particolare nella parte occidentale della regione che chiede l’indipendenza. Inoltre, ci sono notizie secondo cui l’esercito dell’Eritrea, paese confinante, storicamente contrapposto all’Etiopia, continua ad occupare aree nel nord e nel nord-est della regione.
 
A una situazione politico-militare così drammatica si sono poi aggiunti fattori emergenziali di origine naturale, come la siccità in alcune zone e, paradossalmente, forti inondazioni in altre, oltre che epidemie come il colera e l’invasione di locuste che hanno distrutto i già ridotti raccolti. Non è mancata, infine, la necessità di accogliere anche profughi, fuggiti dalla guerra in Sudan.
 
GLI INTERVENTI DA SOSTENERE
L’azione umanitaria è stata fondamentale per sostenere popolazioni tanto provate, ed è dunque necessario che continui. Le iniziative Caritas si concentreranno in futuro, oltre che nel Tigray, anche nella regione di Amhara.
La rete Caritas negli scorsi anni ha garantito la sicurezza alimentare di famiglie vulnerabili, rifugiati, sfollati interni e rimpatriati in 99.605 comunità, ha assicurato condizioni igieniche dignitose a 62.085 persone, ha dotato di alloggio e di strumenti agricoli per provvedere alle necessità di base 14.171 famiglie. Ben 62,4 tonnellate di cibo altamente nutriente sono state distribuite a 10.400 bambini malnutriti sotto i 5 anni, mentre 4.585 famiglie (22.925 persone) hanno ricevuto contanti per l'acquisto di sementi e piantine.
Sono stati distribuiti infine diversi materiali non alimentari: 2 mila coperte, 2 mila zanzariere, 2.145 paia di lenzuola, 2.290 bollitori, 2.278 taniche e stoviglie varie, 1.252 teloni, 5.900 metri di tubi per la fornitura idrica.
Tra gli interventi attuati, non vanno dimenticati i laboratori proposti a 273 destinatari con un ruolo riconosciuto nelle loro comunità di appartenenza (sacerdoti, suore e laici), sui temi della ricerca della pace, della riconciliazione e dell’accompagnamento di persone traumatizzate.
 

I prossimi interventi riguarderanno 6.708 famiglie di sfollati, ovvero circa 33.500 persone nel Tigray e in Amhara. Si garantiranno loro voucher per l’acquisto di cibo, sementi e beni di prima necessità per l’igiene personale e la salute, oltre che per una vita quotidiana dignitosa (farmaci, materassi, lenzuola, sapone…).
Si garantirà l’accesso all’acqua a 2.700 famiglie (circa 13.500 persone) attraverso il ripristino totale di 46 sistemi idrici e la costruzione di 8 nuovi pozzi; per la buona gestione degli stessi è prevista una formazione a 338 membri dei comitati di gestione dell’acqua.


 
Per contribuire agli interventi: 

PER DONARE
 

Dona Ora per gli interventi di emergenza
in Etiopia con Carta di Credito

 


IN POSTA
C.C.P. n. 000013576228 intestato Caritas Ambrosiana Onlus - Via S. Bernardino 4 - 20122 Milano.
 
CON BONIFICO
C/C presso il Banco BPM Milano, intestato a Caritas Ambrosiana Onlus IBAN:IT82Q0503401647000000064700

CAUSALE OFFERTA: Emergenza Etiopia


Per motivi di privacy le banche non ci inviano i dati di chi fa un bonifico per sostenere i nostri progetti.

Se vuoi ricevere la ricevuta fiscale o il ringraziamento per la tua donazione contatta il nostro numero dedicato ai donatori al numero 02.40703424

IMPORTANTE
Caritas Ambrosiana non effettua raccolte di vestiti, generi alimentari, medicinali, coperte o qualsiasi altro bene in quanto non possiamo garantire il trasporto Caritas Ambrosiana raccoglie solamente offerte in denaro.
Caritas Ambrosiana invita le Caritas sul territorio della diocesi ad attenersi a questa indicazione.




Per le offerte effettuate dal 1° gennaio 2021 Caritas Ambrosiana è tenuta a comunicare all’Agenzia delle Entrate i dati delle erogazioni liberali per consentire l’inserimento delle stesse nelle dichiarazioni precompilate ai fini di detraibilità e/o deducibilità fiscale.
La scadenza per l’invio dei dati da parte di Caritas Ambrosiana è il 16 marzo 2024.
Per poter adempiere a ciò è necessario che Caritas sia in possesso dei dati fiscali di chi effettua la donazione entro la fine del 2023.
 
Comunica subito i tuoi dati quando fai una donazione così da non perdere l’occasione. 
 
Per effettuare l’opposizione alla comunicazione è possibile seguire la procedura indicata sul sito www.agenziaentrate.gov.it.

 
Per qualsiasi informazione 02.40703424
 
Le donazioni sono detraibili/deducibili fiscalmente



Percentuale donazione destinata ai progetti
 
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Regali solidali
EVENTI E INIZIATIVE
14/09/2024
Convegni

Convegno Caritas Decanali 2024

Farsi prossimo per essere pellegrini di speranza

26/09/2024
Iniziative

Serata informativa sull'affido familiare dei Minori Non Accompagnati

Serata informativa per approfondire il tema dell'affido familiare dei minori non accompagnati

23/07/2024
Iniziative

Il pranzo è servito

Caritas Ambrosiana, insieme alla sua Associazione Volontari e alla Cooperativa Farsi Prossimo, torna ad organizzare al refettorio Ambrosiano l'iniziativa del "Pranzo è servito"

13/06/2024
Convegni

20 anni di educazione al debito responsabile e di prevenzione dell’usu ...

Giovedì 13 giugno 2024 dalle ore 9:30 alle ore 12:30 - Università Cattolica del Sacro Cuore - Largo Agostino Gemelli 1 - Milano - Sala Pio XI. Iscriviti gratuitamente all'evento. Il convegno sarà dedicato ai temi del sovra indebitamento delle famiglie, delle disuguaglianze sociali ed economiche e del contrasto all’usura...

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Sulla salute nessun azzardo, è tempo di responsabilità
Nel 2023 la somma raccolta in Italia dal gioco d’azzardo ha raggiunto un nuovo record, salendo a quota 147,7 miliardi di euro... Leggi qui

IN EVIDENZA
Tabella trasparenza
Trasparenza 2023

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2023 dalla pubblica ammini ...

La nostra offerta
Numero dedicato donatori
Vuoi fare del bene? Chiamaci...

02.40703424 è il nuovo numero da chiamare per sapere come fare del bene... meglio! Chiama il nostro numero dedicato ai donatori Caritas, riceverai tutte le info ...

Progetti in evidenza