Concetto di emergenza

La parola catastrofe deriva dal greco καταστροφή (capovolgimento) ed indica una grave sciagura, di varia origine, caratterizzata da un cambiamento repentino e consistente della situazione precedente. Il termine è utilizzato come sinonimo di “disastro” che, invece, in latino significa “cattiva stella”.  La medicina dei disastri precisa che una catastrofe è un avvenimento improvviso e di grandi proporzioni che colpisce una collettività, provocando notevoli danni sia a persone che all’ambiente circostante tali da determinare una sproporzionata richiesta di aiuti che attiva mezzi di soccorso straordinari (Caviglia e Nardiello, 2009). Definire cosa è o non è una catastrofe è oggetto di controversie data la natura transdisciplinare dello studio dei disastri. Le organizzazioni internazionali che si occupano di disastri, come il Centre for Research on the Epidemiology of Disasters o la World Association for Disaster Emergency Medicine, li definiscono come degli eventi  negativi sulla salute e la sicurezza di una collettività,  caratterizzati da tre aspetti: richiedono assistenza e risorse aggiuntive per la gestione ed il soccorso, provocano un ingente numero di perdite umane e rappresentano una rottura nella relazione tra le persone ed il loro ambiente. Secondo gli approcci psicologici e sociologici una catastrofe o un disastro sono eventi che, anche a fronte di un eventuale numero limitato di vittime, sconvolgono le infrastrutture, i sistemi di comunicazione, le organizzazioni e l’intero tessuto sociale. Ne sono esempi le alluvioni, i terremoti, i gravi incidenti industriali. In questi contesti si registra uno sconvolgimento complessivo che porta con sé una molteplicità di bisogni (evacuazione, orientamento, ricongiungimento, soccorso sanitario, messa in sicurezza, ripristino delle reti di comunicazione). Da un punto di vista psicosociale, la catastrofe o il disastro diventano tali solo quando essi comportano implicazioni ed effetti a livello sociale. Un terremoto in una zona desertica, per esempio nel Sahara, può assumere il significato di “disastro” dal punto di vista del geologo e del sismologo, ma non sarà considerato tale dallo studioso delle scienze sociali ed umane.  Dal punto di vista psico-sociale, il termine disastro si riferisce ad una situazione di stress collettivo suscitato da un cambiamento catastrofico nell’ambiente fisico e sociale che causa una disgregazione di fondo del contesto entro il quale gli individui e i gruppi funzionano (Barton, 1970; Bardo, 1978).
 Col termine emergenza possiamo includere principalmente due categorie, situazioni in cui si possono creare le condizioni per un evento con caratteristiche emergenziali:
 
  1. naturali          sismi – eruzioni vulcaniche- bradisismi-uragani –tornado – cicloni tropicali-tifoni –siccità
 
  1. indotti dalla presenza e/o attività dell’uomo    
     incendi – frane e alluvioni – rischi chimici – nucleari – collasso di grandi sistemi tecnologici – gravi tensioni crisi sociali – conflitti
Per la  nostra riflessione è bene ricordare che parliamo di Maxi-emergenze, eventi dannosi, improvvisi e per lo più inattesi, che colpiscono l'umanità, provocando un elevato numero di vittime e feriti e quando il numero di richieste di socccorso è superiore alla quantità di risorse che sono normalmente previste per le emergenze ed è necessario attivare risorse e mezzi eccezionali.
Maxi-emergenze dove Caritas Italiana è convocata e coinvolta dalla CEI per intervenire sul territorio della Diocesi, Regione Ecclesiastica colpita dal evento calamitoso, attraverso una raccolta fondi straordinaria (colletta nazionale)  e l’impiego di operatori coinvolgendo i livelli Diocesani (Umbria 1997) i livelli delle Delegazioni Regionali (Molise 2002 – Abruzzo 2009).




newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
23/09/2020
Iniziative

INFO VOLONTARIATO

Mercoledì 23 settembre

25/09/2020
Convegni

La Rotta Balcanica, dentro o fuori l'Europa?

Venerdì 25 Settembre dalle ore 10.00 - Diretta Youtube e Facebook L’obiettivo è infatti far conoscere la via che i richiedenti asilo che fuggono da persecuzioni e conflitti del medio oriente devono percorrere dai confini greco-turchi per giungere in Europa. Si tratta di una via pericolosa e impervia, fatta di attraversamenti di paesi, sia dell’Unione europea che esterni all’Unione. Ne parleranno dei rappresentanti delle Istituzioni europee e due europarlamentari...

30/09/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Non si può vivere sani in un pianeta malato - Mercoledì 30 Settembre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

21/10/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Lavoro dignitoso e imprese sociali - Mercoledì 21 Ottobre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Debiti e usura. Il coronavirus li fa crescere

La legge sul sovra-indebitamento ha dato sino ad ora esiti molto modesti. A dimostrarlo sono i risultati delle fondazioni antiusura.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
America Latina e Caraibi
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno.