Concetto di emergenza

La parola catastrofe deriva dal greco καταστροφή (capovolgimento) ed indica una grave sciagura, di varia origine, caratterizzata da un cambiamento repentino e consistente della situazione precedente. Il termine è utilizzato come sinonimo di “disastro” che, invece, in latino significa “cattiva stella”.  La medicina dei disastri precisa che una catastrofe è un avvenimento improvviso e di grandi proporzioni che colpisce una collettività, provocando notevoli danni sia a persone che all’ambiente circostante tali da determinare una sproporzionata richiesta di aiuti che attiva mezzi di soccorso straordinari (Caviglia e Nardiello, 2009). Definire cosa è o non è una catastrofe è oggetto di controversie data la natura transdisciplinare dello studio dei disastri. Le organizzazioni internazionali che si occupano di disastri, come il Centre for Research on the Epidemiology of Disasters o la World Association for Disaster Emergency Medicine, li definiscono come degli eventi  negativi sulla salute e la sicurezza di una collettività,  caratterizzati da tre aspetti: richiedono assistenza e risorse aggiuntive per la gestione ed il soccorso, provocano un ingente numero di perdite umane e rappresentano una rottura nella relazione tra le persone ed il loro ambiente. Secondo gli approcci psicologici e sociologici una catastrofe o un disastro sono eventi che, anche a fronte di un eventuale numero limitato di vittime, sconvolgono le infrastrutture, i sistemi di comunicazione, le organizzazioni e l’intero tessuto sociale. Ne sono esempi le alluvioni, i terremoti, i gravi incidenti industriali. In questi contesti si registra uno sconvolgimento complessivo che porta con sé una molteplicità di bisogni (evacuazione, orientamento, ricongiungimento, soccorso sanitario, messa in sicurezza, ripristino delle reti di comunicazione). Da un punto di vista psicosociale, la catastrofe o il disastro diventano tali solo quando essi comportano implicazioni ed effetti a livello sociale. Un terremoto in una zona desertica, per esempio nel Sahara, può assumere il significato di “disastro” dal punto di vista del geologo e del sismologo, ma non sarà considerato tale dallo studioso delle scienze sociali ed umane.  Dal punto di vista psico-sociale, il termine disastro si riferisce ad una situazione di stress collettivo suscitato da un cambiamento catastrofico nell’ambiente fisico e sociale che causa una disgregazione di fondo del contesto entro il quale gli individui e i gruppi funzionano (Barton, 1970; Bardo, 1978).
 Col termine emergenza possiamo includere principalmente due categorie, situazioni in cui si possono creare le condizioni per un evento con caratteristiche emergenziali:
 
  1. naturali          sismi – eruzioni vulcaniche- bradisismi-uragani –tornado – cicloni tropicali-tifoni –siccità
 
  1. indotti dalla presenza e/o attività dell’uomo    
     incendi – frane e alluvioni – rischi chimici – nucleari – collasso di grandi sistemi tecnologici – gravi tensioni crisi sociali – conflitti
Per la  nostra riflessione è bene ricordare che parliamo di Maxi-emergenze, eventi dannosi, improvvisi e per lo più inattesi, che colpiscono l'umanità, provocando un elevato numero di vittime e feriti e quando il numero di richieste di socccorso è superiore alla quantità di risorse che sono normalmente previste per le emergenze ed è necessario attivare risorse e mezzi eccezionali.
Maxi-emergenze dove Caritas Italiana è convocata e coinvolta dalla CEI per intervenire sul territorio della Diocesi, Regione Ecclesiastica colpita dal evento calamitoso, attraverso una raccolta fondi straordinaria (colletta nazionale)  e l’impiego di operatori coinvolgendo i livelli Diocesani (Umbria 1997) i livelli delle Delegazioni Regionali (Molise 2002 – Abruzzo 2009).




newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
11/03/2021
Convegni

Una comunità a misura di...ogni persona

Il webinar si terrà giovedì 11 marzo, dalle 20.45 alle 22.45

01/03/2021   Iniziative

Perché maltratto. Le situazioni di crisi: causa o effetto?

La situazione che stiamo vivendo da circa un anno, dovuta all'emergenza sanitaria, suscita un interrogativo: per quale motivo in momenti di particolare difficoltà e crisi molti uomini riversano sofferenza e frustrazione sulle donne? E quali possono essere gli interventi possibili in termini di prevenzione e contrasto a questo meccanismo spesso poco indagato?

18/02/2021
Convegni

L'Europa si è fermata a Lipa - Webinar

Giovedì 18 febbraio dalle ore 20.45 diretta Youtube sulla situazione dei migranti nel campo di Lipa, sulla condizione dei profughi in Bosnia, sulle attività di emergenza di Caritas Ambrosiana nel campo di Lipa e in Bosnia e sulle politiche migratore dell'Unione Europea. Iscriviti gratuitamente...

14/02/2021
Iniziative

Dalla zona di Varese sulla pace

Iniziativa di ACR, Caritas e Pastorale familiare della Zona II: ogni giorno un video di tre minuti con uno stralcio del testo, domande e riflessioni

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
I nuovi poveri. La gente della zona rossa

Nel corso del 2020, le misure assunte per rallentare la corsa del Coronavirus hanno avuto uno spiacevole effetto collaterale

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Notizie
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza