Mappe rischi in Italia



I fenomeni naturali testimoniano la vita del nostro pianeta e costituiscono la parte più manifesta degli eventi che ne scandiscono l’evoluzione. La loro intensità si pone su una scala molto variabile e, in talune circostanze, sono fonte di gravi pericoli per l’uomo e per i suoi interessi ed attività.
Tra gli eventi naturali che possono generare situazioni di rischio si possono principalmente annoverare le alluvioni, le trombe d’aria, le valanghe e le frane, i terremoti e le eruzioni vulcaniche; anche gli incendi possono essere considerati eventi naturali, benché il loro innesco sia spesso legato all’intervento
umano accidentale o doloso.
In Lombardia sono le frane e le alluvioni i fenomeni più frequenti e conseguono principalmente ad eventi pluviometrici intensi o prolungati. Essi si presentano, peraltro, in tutto il territorio italiano con una frequenza sempre maggiore: secondo il Dipartimento di Protezione Civile i fenomeni naturali violenti si succedono mediamente ogni 18 mesi, anche se, in alcuni casi, con tempi di ritorno stimati superiori a qualche secolo. Per tempo di ritorno si intende la probabilità che un evento naturale di una
data intensità si ripeta in maniera simile entro un determinato periodo di tempo.
Questa tendenza è legata sia a variazioni climatiche (che sicuramente incidono sull’intensità e la frequenza dei fenomeni) sia ai mutati modelli di antropizzazione che hanno privilegiato, dal dopoguerra ad oggi, l’occupazione e lo sfruttamento del territorio senza considerare opportunamente i fattori di rischio. Tale considerazione trova particolare esempio nelle aree “perifluviali” dove gli interventi dell’uomo, oltre a determinare spesso una sensibile diminuzione delle sezioni di flusso (come nel caso di ponti o tombinature), hanno permesso l’insediamento di strutture residenziali e produttive in aree golenali, che costituiscono gli ambiti naturali di smaltimento delle piene. Valutazioni simili possono essere espresse anche per le zone potenzialmente interessate da eventi franosi: in talune aree montane, ad esempio, lo sviluppo urbanistico non ha tenuto sufficientemente in considerazione tali fonti di pericolo.Negli ultimi venti anni in Lombardia si sono registrate numerose calamità che hanno determinato danni ingenti e perdite di vite umane. Basti ricordare gli eventi del 1983 a Tresenda (SO), l’alluvione della Valtellina e la frana della Val Pola (1987), l’alluvione del 1993 e del 1994, le frane e i sovralluvionamenti del 1996 e del 1997 nelle zone circostanti il Lario e, più recentemente, le alluvioni dell’autunno
2000 e del maggio e novembre del 2002. Stime attendibili quantificano il danno economico in 330 milioni di euro per l’alluvione 2000 e in 650 milioni per quella del 2002. Allo scopo di analizzare in maniera sistematica il rischio presente in Lombardia nell’ultimo decennio si sono sviluppate nuove metodologie volte a definire la pericolosità dei fenomeni naturali e la vulnerabilità del territorio: il primo risultato in termini di conoscenza è stata la realizzazione di Carte di rischio in una determinata area per un dato tempo di ritorno. È così possibile attuare programmi di prevenzione e di mitigazione del rischio attraverso interventi strutturali o non strutturali. Mentre i primi prevedono la realizzazione di opere in grado di contenere l’evento dannoso, i secondi mirano a ridurre la presenza umana nel momento in cui i fenomeni si manifestano: un argine a difesa di un abitato da rischio alluvionale è un’opera strutturale, mentre il preannuncio di piena - perseguibile tramite un
sistema di monitoraggio ed allertamento con la conseguente evacuazione dell’area alluvionabile - è un intervento non strutturale.
newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
25/09/2020
Convegni

La Rotta Balcanica, dentro o fuori l'Europa?

Venerdì 25 Settembre dalle ore 10.00 - Diretta Youtube e Facebook L’obiettivo è infatti far conoscere la via che i richiedenti asilo che fuggono da persecuzioni e conflitti del medio oriente devono percorrere dai confini greco-turchi per giungere in Europa. Si tratta di una via pericolosa e impervia, fatta di attraversamenti di paesi, sia dell’Unione europea che esterni all’Unione. Ne parleranno dei rappresentanti delle Istituzioni europee e due europarlamentari...

30/09/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Non si può vivere sani in un pianeta malato - Mercoledì 30 Settembre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

21/10/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Lavoro dignitoso e imprese sociali - Mercoledì 21 Ottobre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

28/10/2020
Convegni

Per non tornare indietro … nessuno sia lasciato indietro

Fratelli tutti: nessuno sia lasciato indietro - Mercoledì 28 Ottobre - Ore 18.30 - Diretta Youtube e Facebook canali Caritas Ambrosiana

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Debiti e usura. Il coronavirus li fa crescere

La legge sul sovra-indebitamento ha dato sino ad ora esiti molto modesti. A dimostrarlo sono i risultati delle fondazioni antiusura.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
America Latina e Caraibi
Progetti in evidenza
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...

Lasciti testamentari
Lasciti Testamentari

Scegli di fare un dono nel testamento a favore di Caritas e sarai per sempre al fianco di chi ha più bisogno.