Il processo di regolarizzazione degli immigrati e i suoi limiti

Ricerca su "Il processo di regolarizzazione degli immigrati e i suoi limiti"

La ricerca si proponeva di analizzare percorsi ed esiti del processo di regolarizzazione degli immigrati avviato in seguito alla legge Bossi-Fini.
Il lavoro si basa su diverse tecniche di ricerca: un questionario strutturato somministrato a immigrati in via di regolarizzazione, interviste qualitative a datori di lavoro (domestico e aziendale), analisi dello svolgimento della procedura di regolarizzazione, con i problemi emersi e le soluzioni scaturite dalla collaborazione tra Prefettura, organizzazioni sindacali e soggetti sociali.
I principali risultati emersi dalla somministrazione del questionario sono i seguenti.
Innanzitutto, distinguendo le persone in base al lavoro svolto, è emerso che un terzo degli immigrati in attesa di regolarizzazione e che ha risposto al questionario era già disoccupato al momento dell'intervista .
I principali motivi di disoccupazione sono riconducibili soprattutto a licenziamento, dimissioni e decesso del datore di lavoro.
In particolare, per i lavoratori domestico-assistenziali assume un peso significativo il decesso del datore di lavoro, mentre per i lavoratori emergono anche, tra le cause, la chiusura dell'azienda e il fatto che il datore di lavoro si è reso irreperibile dopo aver presentato domanda di regolarizzazione. Si tratta di una situazione che, oltre a essere di dimensioni non trascurabili, va affrontata perché questi stranieri appena usciti dall'irregolarità grazie alla sanatoria, rischiano di ripiombarci se non trovano al più presto un nuovo datore, data la stretta relazione imposta dalla normativa tra occupazione e permesso di soggiorno.
Un altro nodo critico da sottolineare è rappresentato dal contributo economico, richiesto dalla normativa al datore di lavoro, da versare all'INPS per l'emersione del lavoro irregolare. Dalla ricerca è risultato infatti che, benché tale quota fosse a carico del datore di lavoro, essa, in realtà, è stata versata in molti casi dal dipendente oppure, caso ancora più grave, oltre al forfait richiesto dalla normativa, il dipendente ha pagato un extra, il cui ammontare va dai 50 agli 8.500 euro.
Infine, un ultimo aspetto problematico indagato dalla ricerca riguarda il periodo di permanenza degli immigrati in Italia: si tratta di arrivi ormai "datati", in quanto più della metà degli intervistati è nel nostro paese da oltre due anni.
In questo periodo di presenza irregolare, di "invisibilità", gli stranieri hanno potuto contare soprattutto sull'aiuto degli italiani e, in particolare delle organizzazioni del privato sociale (associazioni, sportelli, servizi per immigrati, parrocchie, centri di ascolto, ecc.), per affrontare i diversi bisogni che si sono loro presentati.
Più specificamente, gli intervistati hanno risposto di aver ricevuto principalmente informazioni riguardanti varie necessità e la regolarizzazione, pasti caldi da mense gratuite, corsi d'italiano e ospitalità abitativa in strutture di accoglienza. Va comunque detto che l'offerta di aiuti è stata in generale molto diversificata e ha spaziato dalle visite e cure mediche gratuite ai corsi di italiano.

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
13/05/2021
Iniziative

Infocantieri 13 maggio

Arrivano i Cantieri 2021!! Ve li presenteremo giovedì 13 maggio ore 20.45 in un incontro online. Scopri come partecipare

05/05/2021
Convegni

“LÌ SONO INSERITI I POVERI, CON LA LORO CULTURA, I LORO PROGETTI E LE ...

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 3° webinar – mercoledì 5 maggio 2021, ore 18.30 – 20.00

28/04/2021
Convegni

TRA ASSISTENZA E ATTIVAZIONE: CONFRONTO TRA ESPERIENZE GENERATIVE

Oltre la dittatura dell'emergenza: neoassistenzialismo e generatività. 2° webinar – mercoledì 28 aprile 2021, ore 18.30 – 20.00. Vedi la diretta su Youtube...

22/04/2021
Iniziative

Giornate di eremo - Al primo posto c’è l’amore

Giovedì 22 aprile h. 18.30 - Al primo posto c’è l’amore - I Cor 13, 1-13 a cura di don Matteo Rivolta - Responsabile Caritas Zona Pastorale di Varese. Iscriviti gratuitamente all'evento in diretta Youtube sul canale di Caritas Ambrosiana

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Cibo, buttiamo di più mentre altri non mangiano

A causa dello smart working e più ancora delle limitazioni anti Covid che hanno colpito in modo particolare il settore, bar e ristoranti acquistano una minore quantità di cibo.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Progetti in evidenza
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Rendicontazioni
Trasparenza

Ai sensi di quanto previsto dalla legge 124/2017, si comunica quanto la Fondazione Caritas Ambrosiana ha ricevuto nel corso dell’anno 2019 dalla pubblica ammini ...