Cronaca semiseria di un viaggio teoricamente serio

La prima cosa che noti, uscito dal casello autostradale di Acerra, è lo smisurato utilizzo del clacson, considerato l’unico mezzo di comunicazione nel traffico della provincia partenopea. Il clacson è visto come un’arma di distruzione (e distrazione) di massa, per cui è assolutamente inutile la presenza di cartelli o segnaletica stradale quali “Stop”, “Dare precedenza” o di semafori. Quella che viene distrutta, poco alla volta, è la psiche di noi giovani in Servizio Civile, già provati dal lungo viaggio con annessa formazione (riflessioni sull’essere in Servizio e visione del film “Alla luce del sole”, sulla storia di Don Pino Puglisi) e ancora shoccati dalla bravura e gentilezza dell’autista, che non si è mai lamentato per nulla (cosa mai successa in ogni gita che si rispetti). I clacson sono stati anche il soundtrack della nostra sistemazione presso la “Casa dell’Umana Accoglienza” di Acerra, gestita dalla cooperativa sociale “Mille Soli”, che ci è stata presentata la sera stessa, insieme ad una breve ma significativa descrizione di ciò che la Caritas fa nella città e dell’attuale situazione ecologica dell’area napoletana.

Non siamo stati disturbati da nessun rumore anomalo, invece, durante la nostra giornata di formazione, ma soprattutto mentre parlava il Vescovo Emerito di Acerra, Mons. Riboldi, sulla sua attività di vescovo in quelle terre tristemente note per l’attività mafiosa, che tentò di contrastare, vivendo 10 anni in compagnia di guardie del corpo, da cui era sempre circondato. E degli stessi camorristi (oltre che, più in generale, della situazione delle carceri e del loro “compito”) ci ha parlato il cappellano del carcere di Napoli, don Franco, da lui seguiti, insieme ad altri numerosissimi detenuti.

Il trasferimento mattutino alla città di Pozzuoli ci ha permesso di osservare, oltre che un magnifico panorama sul golfo di Napoli, che le code in tangenziale sono un qualcosa di nazionale, anche se si cerca di combatterle in maniera diversa a seconda della città dove ci si sta muovendo (coi mezzi pubblici o con il magico tasto a cui corrisponde un sonoro “beeeeeepp”?). Figure religiose e non si sono susseguite nell’enorme e caotico palazzetto dello sport della città, tra cui don Palmese, referente di Libera per la Campania, Alberto Bobbio, giornalista di Famiglia Cristiana e Leonzio Borea, capo dell’ufficio nazionale per il Servizio Civile. La parola “pace”, chiaramente scandita durante la marcia della pace dal palazzetto alla concattedrale da alcuni studenti delle elementari di Pozzuoli, ci ha introdotti alla molto cantata e molto applaudita Messa celebrata da Mons. Gennaro Pascarella, Vescovo di Pozzuoli. Un giro per la città dai due anfiteatri (anche se “conservati” in stato più che preoccupante) ci ha introdotto alla tanto attesa cena a base di pizza: volevamo capire se realmente la pizza di Napoli fosse veramente più buona di quella fatta dagli egiziani delle numerosissime pizzerie Mar Rosso delle nostre zone. Inspiegabilmente, la pizza di Bernardo ha battuto quella di Mohamed (nome tra i più diffusi nel paese delle piramidi), convincendo anche noi nordici (o presunti tali) che non solo la polenta è un piatto divino e inimitabile fuori dal proprio contesto originale.

La prima cosa che noti, uscito dal casello autostradale di Milano, è che il clacson è meno usato, ma che tutti hanno il telefonino all’orecchio e la parolaccia pronta, mentre gli abitanti di Acerra chiedevano “Da dove venite?” (in questa occasione tradotto in italiano, per rendere la domanda comprensibile ai più), tutti incuriositi e quasi orgogliosi di quell’impennata improvvisa del turismo nella loro città, tutto dovuto alla giornata di San Massimiliano, quest’anno ricordato nella marittima Pozzuoli.

Giuditta Personeni
Acerra e Pozzuoli 2008

newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter
Emergenza Coronavirus - Dona ora
EVENTI E INIZIATIVE
11/03/2021
Convegni

Una comunità a misura di...ogni persona

Il webinar si terrà giovedì 11 marzo, dalle 20.45 alle 22.45

24/03/2021
Iniziative

Perché maltratto. Le situazioni di crisi: causa o effetto?

La situazione che stiamo vivendo da circa un anno, dovuta all'emergenza sanitaria, suscita un interrogativo: per quale motivo in momenti di particolare difficoltà e crisi molti uomini riversano sofferenza e frustrazione sulle donne? E quali possono essere gli interventi possibili in termini di prevenzione e contrasto a questo meccanismo spesso poco indagato?

18/02/2021
Convegni

L'Europa si è fermata a Lipa - Webinar

Giovedì 18 febbraio dalle ore 20.45 diretta Youtube sulla situazione dei migranti nel campo di Lipa, sulla condizione dei profughi in Bosnia, sulle attività di emergenza di Caritas Ambrosiana nel campo di Lipa e in Bosnia e sulle politiche migratore dell'Unione Europea. Iscriviti gratuitamente...

14/02/2021
Iniziative

Dalla zona di Varese sulla pace

Iniziativa di ACR, Caritas e Pastorale familiare della Zona II: ogni giorno un video di tre minuti con uno stralcio del testo, domande e riflessioni

EDITORIALE

Del Direttore: 
Luciano Gualzetti



 
Lavoro a rischio per tutti. Le risorse non vanno sprecate

L’altro giorno mi è capitato di parlare con una giovane imprenditrice e mamma. La sua azienda (un’impresa individuale con qualche collaboratore occasionale) si occupa di organizzare eventi.

.... Leggi qui

IN EVIDENZA
Notizie
Progetti in evidenza
Quaresima 2021

I progetti proposti saranno realizzati in Albania, Sud Sudan e Thailandia. Vai alla pagina dedicata e scarica i materiali disponibili per promuovere i progetti

La nostra offerta
Progetti in evidenza